Filiastrocca de Sagno Martinjo

Simone_Martini basilica inferiore

Tre iorni e un pezzettino iè l’estate de’ San Martinjo
Lo primo, stua la botte e saggia lo vino
‘mazza lo porco e spartisci co’ io vijino
coci lo pane e lo dolcino piccia el lume e lo camino
‘loggia e sfama lu poverino poia la zucca sol cuscino
dormi e sogna e no’ pensà el demane ci’è sarà
Lu secondo, ‘sloca l’oio da’ mulino solca lu campo co’ vijno
da semenza a ugellino poia lu mosto ne’ io bottino
copri moie e bambino diidi pane co’io  miserino
scruta lu monte se ha cappeio e lu fosco lu pianello
piccia foco e lumino pe’ vede lu cammino
Mangna e bei a cor felice ballotta e spagnotta
Spranga l’uscio alu diavolaccio ricoera lu poieraccio
Poia la zucca sol ganciale dormi e sogna el demane
Lu terzo, mungni vacca spraia l’aia pilja ascia e canestra
va a macchia a fa’ la frasca la fastella a fascina
mucchia grano e sfarina aggrega mogjie e vijina
marita fija zitellina scampana donna biricchina
tira lo vijino pe’ fondello pe’ scampà da l’onferno
piccia foco ne’io camino metti tizzo no’ scaldino
cuccia lo caldaro pe’ faiolo mesta e rimesta co’ ramaiolo
brustola pane salsiccia e costacina sgreppia fino a mattina
lu pezzetto chie rimmane te serve pe’ demane
tizza carbone carica schioppo va’ a salà lu maiale
rimpinza la pansa e sona campane no scordà lo salame
ringrazia San Martinjo chie l’inverno iè vicino

Non conosco l’autore di questa canzoncina dialettale che  da ragazzini insieme ai grandi si cantava correndo a cerchio intorno ai  falò accesi in onore di San Martino mentre qualcuno suonava l’armonica a bocca e qualcun altro cuoceva le castagne. Quello che ricordo come fosse oggi è l’allegria, l’aria festosa che lo stare tutti  insieme crea, il profumo delle caldarroste che ti penetra nelle narici e ti rimane per giorni, le grandi bicchierate di vino rosso  dei grandi e il un gran ridere collettivo per qualche strafalcione, le guance arrossate dalle fiammate dei falò, l’aria pungente che ti frizza in viso come  l’alcaselser,  gli sguardi timidi  delle ragazze puntati sui giovanotti in ghingheri e le  occhiate furbesche  delle donne sposate, le barzellette non proprio per ragazzini, talvolta tanto osè da subbugliare mamme e nonne ma per il gran ciarlare da noi neppure ben comprese. Oggi  la baraccata è sparita. Fra  vicini è già tanto se si scambia una parola. Al massimo, in queste zone per San Martino si va al ristorante, però separati,  le donne con le amiche,  gli uomini con gli amici, i bambini coi nonni, ma i più  soli in casa con gli occhi fissi su smartphone,  pc ….Non rimpiango quei tempi, sarebbe come disprezzare il progresso, le conquiste, le esperienze, le sfide  la vita,  tuttavia non posso fare a meno di pensare a quanto la società sia cambiata e nel suo frenetico cambiare abbia triturato, messo al bando, escluso la bellezza, la gioia, il valore dello stare veramente tutti insieme con semplicità ma tanta voglia di trovarsi per condividere un momento aggregativo scacciapensieri  e non per farsi un social selfie tanto per….

Beh, si sa, ogni tempo ha le sue magagne però  festeggio alla vecchia maniera, con vino novello, castagne, falò e tanta, tanta allegria in compagnia!

san martino

Buon San Martino e …occhio al novello vino!

bydif

…l’immagine in alto di San Martino col povero con cui sparte il mantello è  un affresco opera di S. Martini.

Filiastrocca de Sagno Martinjoultima modifica: 2016-11-11T15:29:19+01:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Filiastrocca de Sagno Martinjo

  1. … ieri ero ad una cena di famiglia ed ho pensato le stesse cose che tu hai scritto nel post. Come sono cambiate le cose nel giro di poco tempo! Spero che pian piano si trovi un equilibrio tra il virtuale ed il reale.
    Buona domenica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *