Maria fulcro della Pentecoste

consolatore

Cinquanta giorni dopo la Pasqua si celebra il mistero della Pentecoste che rammenta la discesa dello Spirito Santo sulla Vergine e gli apostoli: “Venne all`improvviso dal cielo un rombo, come di vento che si abbatte gagliardo, e riempì tutta la casa dove si trovavano. 3 Apparvero loro lingue come di fuoco che si dividevano e si posarono su ciascuno di loro; “
Secondo un’antica tradizione la scena della Pentecoste viene rappresentata con lo Spirito Santo che scende, prima di tutti, su Maria in forma di fiamma che poi si suddivide in altre dodici fiammelle andandosi a posare sul capo degli Apostoli, presentando così Maria come la dispensatrice di tutte le grazie e di tutti i doni dello Spirito. .
Dunque, Non c’è Pentecoste senza la Vergine Maria…

Come mai?
1: da secoli è consolidata teologia porre la Vergine in strettissima relazione con la terza persona della Trinità, lo Spirito Santo. Una relazione talmente stretta che per primo San Francesco d’Assisi ha definito Maria “Sposa dello Spirito Santo”. Mentre San Massimiliano Kolbe è ancor più esplicito: “L’unione tra lo Spirito Santo e la Vergine Immacolata è così stretta che lo Spirito Santo non esercita alcun influsso nelle anime se non per mezzo di Lei”
2: Maria investita di una nuova maternità, quella nei confronti dei discepoli del figlio presiede la preghiera e invoca l’intervento del suo Sposo
3: la presenza nel cenacolo non è per niente casuale in quanto lo Spirito Santo in Maria ha la caratteristica di essere Cristocentrica, cosiccè come nell’Annunciazione, Maria per opera dello Spirito Santo concepìsce Gesù , alla Pentecoste, Maria per opera dello Spirito da alla luce la Comunità di Cristo.
Dunque .. la Vergine Maria come personificata Chiesa ? Si può dire di si
Come mai ? beh..
1: come frutto dell’incessante preghiera della Vergine, allo spirito santo, il Paraclito, cioè lo spirito nuovo Consolatore da Lui accolta e esaudita in quanto espressione del materno amore di lei verso i discepoli del Signore.
2:per analogia tra la discesa dello Spirito Santo su Maria all’Annunciazione e la discesa dello Spirito Santo a Pentecoste; nell’Incarnazione lo Spirito Santo era sceso su di lei, come persona chiamata al grande mistero della redenzione; nella pentecoste si riversa in funzione della Chiesa, della quale Maria è chiamata ad essere modello e madre. Come dire…”la forma la vita interiore della Madre Chiesa è costituita a immagine della Madre di Cristo ” – “ad vicem Matris Christi, Matris nostrae Ecclesiae forma constituitur”
3: Maria, come spirito missionario, inebriata dallo Spirito , va da Elisabetta e annuncia grandi opere dell’Onnipotente .
4:Maria , apostola di fede come colma di spirito del Padre col suo magnificat parla, anche gli apostoli  del Figlio col dono dello spirito parlano  “ed essi furono tutti pieni di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue come lo Spirito dava loro il potere d`esprimersi.” atti,2,4
5: Maria madre spirituale, come nell’Incarnazione lo Spirito aveva formato nel grembo verginale di Maria il corpo fisico di Cristo, nel Cenacolo lo stesso Spirito anima il Corpo Mistico,  feconda la maternità spirituale di Maria.
Dunque....Maria fulcro della Pentecoste …beh, lo ha ben detto Benedetto XVI” :
Non c’è dunque Chiesa senza Pentecoste. E… non c’è Pentecoste senza la Vergine Maria.”
Perchè? Perchè Maria, “sposa del padre”,  da madre del Cristo Salvatore rappresenta la spiritualità interiore della Chiesa, il luogo in cui si realizzano la fede della Chiesa, la carità della Chiesa, l’obbedienza, il tenere gli occhi fissi sul Signore,  Gesù,  per aderire a Lui, accoglierne il dono dello Spirito, lasciarsi trasformare da esso, divenendo feconda della sua misteriosa potenza.

Quindi la solennità della Pentecoste, detta anche festa dello Spirito Santo memora     Maria, madre spirituale delle genti e Maria madre della chiesa . Di fatto, la “nascita” della chiesa cristiana. Per questo il 3 marzo 2018 papa Francesco ha istituito la memoria obbligatoria di Maria Madre della Chiesa, da celebrarsi il lunedì dopo Pentecoste

In conclussione, attraverso Maria, lo Spirito Santo, come vento impetuoso che spazza via inerzia e paura e come fuoco ardente che infiamma i cuori – nel giorno di Pentecoste scese su Maria e gli Apostoli radunati nel Cenacolo in preghiera, colmandoli della pienezza dei suoi doni e operò in loro una profonda trasformazione.

maria fulcro

Uh, di Maria, di quel vento e quella fiamma che trasforma come ne avremmo oggi bisogno tutti noi !
Ne avremmo un estremo bisogno, oh, almeno io ne ho… come gli apostoli, prima che il Paraclito, il nuovo spirito consolatore promesso da Gesù, li inondasse e li infiammasse con il suo ardore sono confusa, mezzo paralizzata dalla paura, bisognosa di conforto, di vivificare la fiducia, ripescare il coraggio, soprattutto togliermi l’angustia dell’incertezza. Incertezza non tanto dovuta al momento attuale di scombussolamento generale per la pandemia, quanto per il caotico comunicativo, la girandola delle informazioni,  le contraddizioni, la mancanza di spirito impregnato di fiamma realistica, colmo di qualunque parola meno di quella di verità.  Se…Se un  po’ di Spirito Santo, di quelle fiammelle che donarono  agli apostoli la chiarezza di parola per farsi capire da tutti scendesse su qualche testa…e mettesse su qualche lingua parole comprensibili e di verità….e Maria vi aggiungesse un tantino di sapiente concretezza…beh l’incertezza manco saprei cos’è.. Comunque… #pregonondispero…
pentecoste

In luce di fiamma spirituale, buona serata a tutti!

bydif

Maria fulcro della Pentecosteultima modifica: 2020-05-31T18:26:45+02:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *