#Piday

pi greco - Copia

Il “Pi Day” è il giorno dedicato al simbolo della costante utilizzata in matematica e fisica, indicata con la lettera greca π e straconosciuta da studenti e studiosi di tutto il mondo. Ma come è nata questa festa celebrativa del simbolo π espressione di formula di infiniti decimali che affascina, ossessiona e che ha fatto, fa, e farà impazzire tanti studenti e altrettanti matematici ? Beh, da una pensata del fisico americano Larry Shaw, di festeggiare il 3,14, insieme ad amici, poi fregiato come “Principe del pi greco”. 

Oggi, nei dipartimenti di matematica, varie istituzioni scientifiche e culturali, si è colta l’occasione per organizzare delle feste e il “pyday” si è celebrato in ogni parte del mondo con svariate iniziative e manifestazioni indette da amanti e studiosi di matematica, geometria, fisica, scuole, studenti, dilettanti di calcoli, comunità virtuali… con sfide, quiz , giochi con problemi matematici e simili da risolvere, gare mnemoniche, di poesie e prose, incontri con esperti, persino corse, passeggiate, video clip, e quant’altro stimola a solennizzare, e offre una succulenta occasione per ricordare l’importanza del π. Ma la prima celebrazione del “pi greco” che risale al 14 marzo 1988, fu quasi una iniziativa da picnic, un simplistic day friends all’Exploratorium di San Francisco. Infatti consistè in un semplice corteo circolare di amici, appassionati di calcoli e decimali, attorno ad uno degli edifici del celebre museo di scienza di cui il fisico Larry era tecnico curatore, con tanto di finale degustativo di torte decorate. Ovviamente la data scelta dal fisico per lanciare il tributo festaiolo-osannatorio al 3,14 non poteva essere diversa dal 14 marzo in quanto, nei paesi anglofoni, rappresenta le prime tre cifre del π. (la cifra del mese, 3, si mette avanti a quella del giorno, 14). Però, molti studiosi, matematici, amanti di numeri, calcoli e infinite deduzioni a sfondo numerologico non si accontentano di festeggiare il pi greco solo il 14 marzo, e ritengono che altre date sono altrettanto simboliche del numeretto più famoso al mondo come il 5 aprile, 3 mesi e 14 g. d’inizio anno, o il 10 novembre, 314° g dell’anno.

Tanto ci sarebbe da raccontare e da dire di utile e anche di divertente sul “re” dei numeri, mi limiterò all’essenziale.

A calcolare per primo scientificamente il valore approssimativo del pi greco è stato quel genio di Siracusa di nome Archimede, tra il 287 e il 212 a. C. Invece l’ associare per primo il simbolo π al famoso rapporto tra circonferenza e diametro si deve al matematico inglese William Jones ai primi del 1700. Mentre a renderlo popolare nel 1737 ci pensò il matematico svizzero Leonhard Euler.

A tutt’oggi il pi greco è celeberrimo protagonista sia del rapporto tra la misura della lunghezza della circonferenza e la misura della lunghezza del diametro di un cerchio, sia, e per certi versi ancor più,  di insostituibile primo attore cruciale in innumerevoli attività, in specie se di ricerca che punta a missioni spaziali.

pi greco - Copia - Copia

bydif

 

 

#Pidayultima modifica: 2019-03-14T17:52:53+01:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *