Liquore ciliegino, quasi magico!

solstizio

Oggi è San Giovanni Battista, un santo che nell’immaginario collettivo è legato a tantissime credenze più o meno sacre. Nella tradizione più accreditata il 24 giugno è un giorno speciale, molto luminoso, carico di quella energia cosmica che magicamente può trasmutare il negativo in positivo, tantè che gli alchimisti dicono che ha il potere di mutare il piombo fuso in oro. A parte ciò, comunque è risaputo che qualsiasi liquido esposto ai raggi della sua luce assorbe magiche virtù e può diventare una vera fonte di benessere per ricaricare il fisico stressato o sotto tono psicologico, togliere impurità, sanare e levigare la pelle, ridare splendore agli occhi, ecc ecc. Come solito anch’io stamani all’alba ho fatto il mio piccolo rituale, mi sono immersa nelle acqua odorosa. (in altro post ho già spiegato come si fa) Subito ho riscontrato una insolita vitalità che mi avvolgeva e incredibilmente un fastidioso ronzio all’orecchio, postumo di un brutto raffreddore che da febbraio mi affliggeva, è scomparso. Capisco se qualche scettico dubita, tuttavia è successo. Perché e percome è avvenuto mi è ignoto, sinceramente neppure cerco di spiegarmelo, nel tempo ho imparato che non tutto è razionalmente riconducibile a una logica umana e non tutto è scientificamente comprovabile. Mi fido di San Giovanni e dei suoi misteriosi poteri. Anzi, dopo la ricetta per preparare il famoso nocino che trovate in altro post, quest’anno, voglio svelarvi un’altra antica quanto mai preziosa ricetta per preparare un eccezionale ricostituente energizzante, antiossidante a base di ciliege, un vero corroborante energetico utile a grandi e piccini per rivitalizzare l’affaticato fisico, tirar su il morale spento dai grigiori invernali, oltreché alzare le difese immunitarie.

Ecco la segreta ricetta, in dosi minime che a piacere potrete raddoppiare.  Ovviamente per ottenere le proprietà naturali, quasi magiche dovrete prepararla entro il 29 giugno e. poi eseguire le fasi con scrupolosa  procedura

Ingredienti:

250 g di ciliege mature di Vignola o equivalenti

75 g di zucchero bianco

1/2 L di alcool etilico – ovvero alcool da  liquori a media gradazione – 60 gradi non di più –

3 chiodi di garofano

1 foglia di alloro

1 pezzetto di buccia di limone

1 bicchiere di vino rosso secco

un vaso di vetro con chiusura ermetica da un L meglio se da un L e mezzo

Esecuzione:

lavare bene e asciugare le ciliege

Pestare le ciliege compreso il nocciolo in un mortaio, se non l’avete mettetele in un sacchetto di plastica e battete grossolanamente con un batticarne

ponetele nel vaso di vetro – ben pulito e sterilizzato- magari passandoci un batuffolo di cotone imbevuto di alcool denaturato

copritele con lo zucchero

aggiungete i chiodi di garofano, la foglia di alloro, la buccia del limone privata della parte bianca

versate l’alcool da liquore a 60°

chiudete il vaso

ponetelo per 9 giorni sul davanzale di una finestra esposta al sole o in qualunque posto possa riceverlo a lungo

il 9 giorno aprite il vaso, mescolate bene con un mestolo di legno cercando di rimuovere lo zucchero che si è depositato sul fondo poi versate il bicchiere di vino rosso, chiudete il vaso

rimettetelo al sole per un altro g.

il 10 cimo giorno aprite il vaso, rimescolate bene, chiudete il vaso e ponetelo in un posto buio e fresco

lasciate macerare per 30 giorni

al 40 giorno aprite il vaso, rimescolate per constatare se lo zucchero sia ben sciolto

filtrate con un colino a fori piccoli  il liquido sciropposo

mettete il liquido liquoroso  alla ciliegia in una bottiglia

tappate bene

conservate in dispensa o dove tenete gli altri liquori

Voilà ecco fatto, lo sciroppo ciliegino naturale è pronto per essere gustato e darsi una bella carica. Provare per credere!

Un cucchiaio al mattino e uno alla sera rinforza e rivitalizza, aiuta a evitare gran parte dei malanni da freddo., favorisce un sonno distensivo. Poiché l’alcool è a bassa gradazione in cucchiaini si da anche  ai ragazzi, ai bambini si diluisce leggermente con acqua o si mette 1 cucchiaino nel latte al mattino.

images

a tutti un ben augurante energissimo ciao

dif

Magica è ancor la notte per ricevere da San Giovanni  luce, calore, virtù benefiche, svegliarsi con un sorriso basta scrutar lontano con un piccolo lume in mano

Liquore ciliegino, quasi magico!ultima modifica: 2014-06-25T00:12:51+00:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Liquore ciliegino, quasi magico!

  1. Buongiorno, volevo chiedere come posso ottenere un’alcool a 60 gradi visto che in commercio c’è solo a 95 circa. Devo fare uno sciroppo con acqua per abbassare la gradazione? grazie

    • x Simona
      Carissima lettrice, oltre a quello a 95° attualmente in commercio si trova anche alcool per liquori a gradazioni più basse, magari non in tutti i negozi o supermercati. Comunque, visto che è più difficile reperire quello ad altre gradazioni, per ottenere il grado alcoolico previsto dalla ricetta non è necessario fare uno sciroppo (acqua+zucchero) a meno che non sia incluso nella ricetta. Non so quanto alcool ti serve per realizzare il liquore tuttavia semplificando i calcoli, ecco come puoi trasformare 1 L. di alcool a 95 gradi in 1 L. a 60 gradi:
      Se hai un contenitore graduato da 1 L=1000 ml, versa nel contenitore graduato l’alcool a 95° fino a 650 ml. poi aggiungi acqua fino a raggiungere 1000 ml, cioè 1 L. Se invece ti serve 1/2 L. di alcool a 60° versa fino a 325 ml di alcool a 95° e aggiungi acqua fino al livello di 500 ml.
      Spero che la mia spegazione sia esauriente. Chiaramente nelle ricette se c’è anche lo sciroppo le dosi cambiano.
      Nel ringraziarti ti auguro un ottima riuscita per la tua ricetta e tantissime cose belle
      dif

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*