San Bernardino da Siena

San-Bernardino-da-Siena-696x406

Oggi è San Bernardino Da Siena. Sono molto legata a questa figura di Santo in quanto mi ricorda tutto il periodo degli studi quando, ogni mattina, prima di entrare in classe mi soffermavo un momento nella chiesetta dell’oratorio  di  San Bernardino la cui facciata è uno dei più significativi esempi di arte rinascimentale ad opera del Beato Angelico, al sec. Agostino di Duccio, in cui il santo, pacificatore delle contese, è rappresentato nella mandorla al centro dell’arco trionfante nell’ascesa in cielo tra angeli musicanti e cherubini e porta il trigramma JHS, inserito in un sole sinonimo di luce.

oratorio s bern

Ma chi è questo Santo ? Un Sacerdote dell’ordine francescano, nato a Massa Marittima nel 1380, rimasto orfano e cresciuto a Siena dalle zie che a 22 anni, divenuto sacerdote  iniziò a predicare in tutta Italia. settentrionale e il suo operato fu un vero rinnovamento per la Chiesa cattolica e per il movimento francescano.

In effetti, S. Bernardino spiccò su tutti gli evangelizzatori del XV sec sia per il linguaggio disinvolto e sagace che affascinavagli ascoltatori , sia per come si informava su usi, costumi e pure fatti di cronaca dei luoghi in cui approdava a predicare. Tanto che Roberto Caracciolo da Lecce, lo definì “principe dei predicatori del nostro tempo” . Nel mentre fra Sante Boncor esagerò definendolo “como novo Elia e Moisê resusitato, e uno novello Battista e uno altro Paulo”. Tutta la sua vita fu incentrata sulla predicazione, la lotta contro gli usurai e l’insegnamento dell’etica del commercio, oltrechè la vita spirituale e gli aspetti pratici della vita dei fedeli.  . Nelle sue prediche puntava molto sulla devozione al Santissimo Nome di Gesù e faceva baciare ai fedeli il monogramma JHS sormontato da una croce, all’interno di un sole d’oro in campo azzurro che simboleggiava la divinità in mezzo all’umanità. grazie a questo, il Cristogramma “JHS” – Jesus Hominum Salvator- entrò velocemente nell’iconografia comune.

Divenuto  molto popolare ai suoi tempi e in seguito assai  amato per i prodigi intercessori,  San Bernardino, fu grande maestro divulgatore, organizzatore di consenso. Mai cercò il suo interesse personale o mostrò di mirare al prestigio. Di certo non era un carrierista,  tant’è che pur accettando incarichi di vario tipo, all’interno della chiesa,  per ben tre volte rifiutò il vescovado per dedicarsi alla sua vocazione di missionario evangelizzatore.

Morì il 20 maggio 1444, a L’Aquila, dove si trovava per tentare di riconciliare due fazioni bellicose della città. Acciò si narra che dopo la “dipartita” la sua barba continuò a sgocciolare sangue finché le due fazioni non si furono riappacificate. Canonizzato nel 1450 da papa Nicolò V riposa a L’Aquila nella basilica a lui dedicata.

In conclusione, San Bernardino, fu grande maestro divulgatore, organizzatore di consenso e mai cercò il suo interesse personale o mostrò di mirare alla carriera. 

s. bernardino carpi

busto reliquiario di San Bernardino da Siena, del duomo di Carpi.

per la cronaca:

San Bernardino da Siena è legato a Carpi per avervi soggiornato, predicato e, secondo la tradizione, compiuto un prodigio. Si racconta che proprio mentre si trovava nella cittadina carpigiana, il santo di Siena con una nebbia densissima la rese invisibile salvandola dai nemici che minacciavano di invaderla. Per questo, appena canonizzato fu scelto come patrono. Oltre a ciò il santo di Siena è legato a Carpi anche per un’altra storia, cioè quella di San Bernardino Realino, nato nella piccola cittadina 86 anni dopo la sua morte e al quale per devozione gli fu dato lo stesso nome.

Simbologia dei dodici raggi del trigramma JHS: 

Rifugio dei peccatori, Vessillo dei combattenti, Medicina degli infermi, Sollievo dei sofferenti, Onore dei credenti, Splendore degli evangelizzanti,  Mercede degli operanti, Soccorso dei deboli, Sospiro di quelli che meditano,  Aiuto dei supplicanti,  Debolezza di chi contempla, Gloria dei trionfanti.

Curiosità: 

A SAN BERNARDINO DA SIENA vengono attribuite anche delle “novelle” a sfondo etico-riflessivo che usava inserire durante le sue prediche. Eccone una… 

Lo Spaventapasseri.

Avete mai veduto quando si seminano e’ poponi; meglio quando si semina il grano: o ora al tempo de’ fichi, che vi si pongono gli sparavicchi? Sai, colà in sul campo del grano elli pigliano un sacco e lo empiono di paglia, perché non vi vadano le cornacchie. E su questo sacco si pone una zucca, che paia la testa d’uno uomo, e fasseli le braccia, e pongonli uno balestro in mano, teso che par che voglia balestrare a le cornacchie. E le cornacchie son maliziose, e vanno volando in qua e in là; e vedendo questo uomo, temono di esser morte, e così stanno tutto il dì senza pizzicare. Tornanvi poi l’altro dì, e veggonlo a quello medesimo modo che gli altri dì; anco stanno così insino a la sera, senza arrischiarsi a pizzicare nel seminato; e anco pur volendo pizzicare, vi tornano l’altra mattina e trovanlo a quel medesimo modo; e vedendo che elli non si muove punto, cominciano a volare in terra pur di longa, e a poco a poco si cominciano approssimare a questa zucca, e talvolta gli vanno appresso appresso, pur con paura però. Talvolta, quando sono così appresso, elli trarrà un poco di vento che lo farà rimovere; come il veggono così muovere, tutte fuggono via per paura. Poi vedendo che egli non fa altro atto, pur ritornano a mangiare, e vannogli poi anco più presso che avevano fatto prima. Avviene talvolta, come son una più ardita che un’altra, che gli vanno insino appresso appresso, e una vedendo che non si muove lui e non scrocca il balestro, non ha paura di nulla; e così assicurata gli va in sul capo… Sai che vo’ dire? Io vo’ dire che talvolta fa così uno rettore, il quale va a fare l’uffizio nel quale elli è eletto, e non è atto, che è uno zero. ”

Eh, eh,una  assai contemporanea!

ihs

Augurando a tutti una lieta giornata di gioia e grazia divina ad opera di San Bernardino

BYDIF

 

 

Ascesa di Gesù al cielo

ascension

L’Ascesa di Gesù al cielo, o,  per comune dire, L’Ascensione, si riferisce al momento in cui il figlio di Dio, Gesù di Nazareth, quaranta giorni dopo la Sua Risurrezione si eleva dalla terra, sale in cielo e si asside alla destra del Padre.

Come si sa?  E’ narrato:

” alzate le mani, li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da loro e fu portato verso il cielo. Ed essi, dopo averlo adorato, tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio.” 

“Egli  si mostrò ad essi  vivo, dopo la sua passione, con molte prove, apparendo loro per quaranta giorni e parlando del regno di Dio” …” Detto questo, fu elevato in alto sotto i loro occhi e una nube lo sottrasse al loro sguardo. E poiché essi stavano fissando il cielo mentre egli se n’andava, ecco due uomini in bianche vesti si presentarono a loro e dissero: “Uomini di Galilea, perché state a guardare il cielo? Questo Gesù, che è stato di tra voi assunto fino al cielo, tornerà un giorno allo stesso modo in cui l’avete visto andare in cielo”

“Stefano, pieno di Spirito Santo, fissando gli occhi al cielo, vide la gloria di Dio e Gesù che stava alla sua destra e disse: “Ecco, io contemplo i cieli aperti e il Figlio dell’uomo che sta alla destra di Dio” atti 7,55

Dunque? Dunque l’Ascensione è un avvenimento storico-trascendente che rappresenta il compimento definitivo della missione umana di Gesù, in quanto di fatto Egli si congeda dai discepoli e dal mondo per tornare al padre e ritornare alla fine dei tempi.

Ma…ma come ha ben detto l’emerito papa J. R. l’ascesa al cielo di Gesù è qualcosa in più di una conclusione di vita terrena:

“L’Ascensione conclude il periodo delle apparizioni di Gesù dopo la risurrezione. Nel vangelo di Luca, Gesù si stacca dai suoi discepoli mentre li benedice: il gesto significa che Egli, andandosene, apre il mondo a Dio. Nell’occasione, Gesù non compie fisicamente un viaggio verso una zona lontana del cosmo, ma entra nella piena comunione con Dio. Anche se non è più fisicamente visibile, Gesù rimane comunque presente nel mondo in modo nuovo, grazie al potere di Dio che supera le limitazioni della spazialità; i discepoli ne sono consapevoli ed è per questo che non si rattristano, ma sono pieni di gioia”

Quindi la “salita” al cielo di Gesù che oggi si celebra con grande solennità è una festività di glorificazione e riconoscimento del Divino sull’umano,  ma anche un momento di  riflessione di fede e speranza  da vivere con immensa gioia.

foto e 416

Felice giornata di “ascesa” di viaggio spirituale a tutti!

Bydif

 

Vola pensiero, vola …

mater modified

Vola pensiero.

Vola.

La,

Dove finisce il cielo

e

Ribollente spirito

magnetico

del tutto e del niente

esuberante feconda

albori inconsueti

armonia dinamica

la vita attrae

materna tenerezza

etereo disserra

setose braccia

invariato sentimento

rifugia.

Vola pensiero.

Vola.

La,

dove il cielo

l’amore eterna.

e..r.

Imm

Auguri a tutti le mamme

bydif