Ferragosto è anche altro

reni

E si, ferragosto è anche altro. Per esempio  il giorno in cui “lo Spirito Santo discese sopra gli apostoli in una nube, discese pure Cristo con una moltitudine di Angeli e accolse l’anima della sua diletta madre. E fu tanto lo splendore di luce e il soave profumo mentre gli angeli cantavano il cantico dei cantici al punto in cui il Signore dice: “come un giglio tra le spine, tale è la mia amata fra le fanciulle” – che tutti quelli che erano là presenti caddero sulle loro facce. Poi la luce si allontanò e insieme con essa fu Assunta in cielo l’anima della beata Vergine Maria in un coro di salmi, inni e cantici”

Ferragosto è anche il giorno della donna vestita di sole, la vergine prediletta mediatrice tra cielo e terra, la madre  di tutte le madri  l’“ Assunta alla gloria celeste”. Quanti lo rammentano? Un tempo tanti! L’Assunta era una festa rituale di grande gioia. Preparare e prepararsi ai festeggiamenti per Maria l’Assunta, era la festa dentro la festa! Per l’Assunta il lavoro si accantonava e per andare a Messa ci si vestiva più che per andare a un ballo con l’innamorato. Si imbandivano tavolate, con amici, parenti e talvolta vicini. Insieme si scherzava, si rideva, si facevano fuochi si cantava, ma tutto era svolto e fatto in onore dell’Assunta. 

Oggi… a giudicare …uhm… è tutt’altro.. Eppure per i cristiani dovrebbe essere un giorno da passare in armonia con se stessi e gli altri in quanto esprime l’ultimo dono di Cristo alla Madre, per ringraziarla della sua massima disponibilità a collaborare con Lui all’opera della glorificazione di Dio, alla Misericordia e Redenzione del genere umano. E, se è vero che quello dell’Assunzione è un privilegio concesso a Maria di anticipata glorificazione integrale del suo essere, anima e corpo, a somiglianza di suo Figlio. È altrettanto vero che Maria è il privilegio anticipato concesso da Dio. al genere umano! Perchè Maria, la donna del Magnificat, il capolavoro di Dio è la porta del cielo.  Quindi per un credente il 15 Agosto  non può essere solo un giorno di bisboccia profana per ricaricare le batterie e scrollar di dosso le angustie. deve essere anche, soprattutto altro. Magari un giorno di serenità, letizia, dolce compagnia senza scordarsi di Maria. Magari per ricordarsi che non siamo fatti solo di materia e passare un giorno simbiotico per dire grazie a Maria, l’Assunta  madre che in ogni umano frangente c’è sempre e sempre ci sarà per ogni suo figlio terreno in necessità.

 Con un caloroso augurio a tutti di lieta giornata e a chi lavora  doppio!

bydif

SAN LORENZO : le leggende più o meno misteriose.

48-tintoretto-il-martirio-di-san-lorenzo

Il X agosto, nella mia città di origine si ricorda con tante manifestazioni religiose e culturali la barbara morte di SAN LORENZO e si rivivono con altrettante manifestazioni folkloristiche le leggende più o meno misteriose che si riferiscono al supplizio del Santo. Per me  sono importanti e sacrali.  Mi riportano alla mente un festoso mondo di bambina vissuto con gioia e spensieratezza tra sacro e profano insieme alle persone che in quel momento rappresentavano certezze, speranze, affetti, futuro e che oggi sono introvabili, disperse dagli eventi della vita o salite in vette inviolabili. Per questo la mia memoria le conserva e ogni anno per non disperdere un patrimonio popolare cerca di rievocarle con l’entusiasmo che accese la fantasia di fanciulla, nonché recuperare volti, odori e sapori che altrimenti il tempo scolora.

Come detto, varie sono le leggende più o meno misteriose che si riferiscono al martirio del Santo.

Quella più nota racconta che il cielo ad ogni anniversario della morte di SAN LORENZO  per ricordare all’umanità che malvagità e crudeltà continuano a martirizzare gli innocenti piange copiosamente. Le lacrime mentre scendono si tramutano in minuscole fiammelle come quelle che si staccavano dalla graticola  e cadevano qua e là.

In altra versione la “pioggia” di lacrime, sottoforma di scie luminose, stigmatizza il ritorno sulla terra di quelle salite al cielo durante il supplizio del Santo. A chiunque guarda il cielo e si associa al dolore del santo viene concesso in premio l’avverarsi d’un desiderio, sia se lo esprime apertamente sia se per virtù lo tace.

Invece dalle mie parti si narra che i lucciconi o scintille di fuoco saliti al cielo ritornano sotto forma di stelle filanti per significare la speranza del trionfo sulle malvagità umane o anche l’avverarsi di un aspirazione sincera. Speranza che si trasforma in certezza esprimendo l’ambizione contandole mentre solcano la volta celeste.  A volte le stelle filanti, dette anche capelli d’angelo tanto son belle, brillanti e inverosimili, però scendono così in fretta da render difficile contarle e allo stesso tempo formulare un desiderio. Questo perchè solo a pochi è concesso il previlegio. 

Tra le tante narrazioni quella che sento profondamente è la leggenda della stella . Secondo i tramandi, ogni 10 agosto il cielo apre le sue porte segrete e per tre giorni rovescia sulla terra la “granella”stellare. Ossia tutte le lacrime di orrore e dolore versate da una stella  mentre guardava S. LORENZO sulla graticola, ardere tra le fiamme e invece di gemere diceva sorridendo ai suoi aguzzini : “…GIRATEMI DALL’ALTRA PARTE…SONO COTTO…  MANGIATEMI “ Quelli furibondi lo fecero a pezzi e gettarono i suoi resti alla plebe affamata. Da allora, ogni anno, il giorno della sua morte, chi si sdraierà sotto la volta celeste sopra a un lenzuolo bianco dopo essersi purificato, bagnandosi sette volte la fronte con acqua cristallina o immergendosi in mare o in una fontana, se avrà l’animo sincero e addolorato come la stella non solo potrà vedere le sue lacrime ma potrà raccoglierle sotto forma di minuscoli granellini. I granellini conservati in un sacchetto diventeranno una protezione che li salvaguarderà dal fuoco, dalla ferocia e dall’ingiustizia.

Un’altra tradizione racconta di un soldato romano che mentre assisteva alle torture del santo sui carboni ardenti nel momento che spirava raccolse con uno straccio le gocce di sangue e grasso che colavano dal corpo del Santo. Lo portò al paese di Amaseno dove tuttora è custodito. Ogni 10 di agosto dallo straccio misteriosamente colano  gocce di sangue. Naturalmente si ritiene sia  il Sangue di S. Lorenzo. Credenza vuole  a chi si reca a vederle, con nel cuore dolore e rigetto per ogni forma di tortura e male, il Santo concede un Miracolo spirituale.

Però la leggenda che più mi affascina rievoca le anime senza sonno che vagano nella volta sconfinata del cielo e ogni 10 agosto, fra le dieci e la mezzanotte, tornano in terra sotto forma di meteore lucenti, e, a chi riesce con lo sguardo a intercettarle ed a seguire il loro percorso concedono l’avverarsi di qualunque desiderio ritenuto impossibile. Quello più accreditato è riuscire a vedere ciò che c’è oltre l’umano conosciuto, tuttavia da mantenere segreto, il rivelarlo scatena una serie di fuochi che “bruceranno” le anime. 

C’è poi una narrazione popolare poco risaputa che associa il fenomeno delle stelle cadenti, visibili tra il 10 e il 13 agosto, ai “tesori” che Valeriano pretendeva da San Lorenzo e che lui portò davanti al crudele imperatore, cioè i poveri. Secondo la tradizione le scie luminose che solcano il cielo non sono meteoriti o pulviscoli di stelle, in realtà sono le anime di quei poveri e di quelle altre beneficate in vita da Lorenzo che a ringraziamento si radunano e insieme sfrecciano in cielo diventando luminose per rendersi visibili ai “bisognosi” in terra in modo da poter, a loro volta, beneficare con parte di quel “tesoro” ricevuto dalle mani di san Lorenzo. Come e a chi? Per il come guardando il cielo in quelle tre notti! Per il chi, a chi sospira un favore, chiede un alleviamento alla sofferenza morale e corporale, si sente solo e abbandonato, desidera un amico, ha un desiderio sincero da realizzare, coltiva una speranza di mutamento esistenziale. Naturalmente il “tesoro” che ognuno riceverà non sarà volgare, come oro, pietre preziose, denaro, ma sarà mistico, cioè di luminosa energia che accenderà la fiammella introspettiva che guiderà mente, o cuore, o azione alla risoluzione sospirata entro un anno!

Ma la leggenda più misteriosa narra che ogni stella che ognuno riuscirà a scorgere in cielo da san Lorenzo all’Assunta ha un messaggio ultraterreno che gli rivela a condizione di essere predisposto a recepirlo senza alcuna riserva di cuore e di mente. Il messaggio può essere diretto e indiretto. Se è diretto deve accettarlo anche se al momento lo lascia perplesso o ritiene incomprensibile in quanto successivamente comprenderà lo scopo che risulterà sempre a suo favore. Se è indiretto deve fare in modo di trasmetterlo senza creare panico o suscitare reazioni incerte o di scetticismo, il che è più difficile in quanto a volte è per un altra sola persona, a volte per più, altre per l’intera collettività. In generale per quest’ultima riguarda un indicazione ad abbandonare progetti egoisticamente volti all’ottenimento di soddisfazioni immediate per sintonizzarsi con quelli ampi dell’universo  governati verso il conseguimento del benessere generale evitando dannose collisioni e conflitti tra il genere umano. 

Ovviamente quella legata alle stelle cadenti del 10 agosto sono il mito di San Lorenzo. Da secoli affascina le anime romantiche e persiste a ogni latitudine ne ll’attrarre a volgere l’occhio al cielo per vederle. Con curiosità, sogni, speranza o fede? Poco importa!. L’essenziale è il vivere una magica notte estiva sotto un cielo stellato attorno a un fuoco le cui lucciole si dice  vagando nel buio dell’immenso raggiungono   cuori e anime in pena,  tristi e dispersi,  infiammarli di amore, fede, speranza, poi salire, salire,  unirsi alle stelle, brillare in eterno. 

images (1)

bydif

Chi era san Lorenzo? Un giovane nato a Huesca, in Spagna nella prima metà del III°sec, d C. Approdato a Roma, si distinse per la sua pietà, carità verso i poveri e integrità di costumi tanto che Papa Sisto II lo nominò Diacono della Chiesa con l’incarico di sovrintendere all’amministrazione dei beni, cioè custodire le offerte e provvedere ai bisognosi, agli orfani e alle vedove. Con tale mansione Lorenzo divenne molto noto. Il 6 agosto del 258 nelle catacombe di San Callisto venne catturato dai soldati dell’Imperatore assieme al Papa Sisto II ed altri diaconi. A differenza del Pontefice e degli altri diaconi che subirono subito il martirio per decapitazione Lorenzo li per li fu risparmiato. Non per benevolenza ma secondo la narrazione in quanto risaputo essere custode dei “tesori” della chiesa. La tradizione racconta che poi a Lorenzo fu promessa salva la vita se avesse consegnato entro tre giorni tutti “i tesori” . Lorenzo promise di consegnarli. Ma…ma dopo tre giorni si presentò dall’Imperatore Valeriano, che gli aveva imposto la consegna dei “tesori” della Chiesa, alla testa di un corteo di poveri, vedove, orfani e ammalati dicendo “Ecco i tesori della chiesa”. L’imperatore irritato gridò: “Come hai ardito beffarti di me? Ah, tu brami la morte. Però non credere di morire in un istante. Io prolungherò i tuoi tormenti!” Detto ciò, Valeriano ordinò che Lorenzo fosse posto su una graticola di ferro rovente ed arrostito lentamente. Bensì valeriano non sapeva che nel cuore di Lorenzo ardeva un fuoco, un fuoco ben diverso da quello che brucia le carni! Un fuoco che arso il corpo da una parte, chiede al carnefice di rivoltarlo, e giunto all’estremo limite con volto sereno dice: “ la mia carne è cotta abbastanza, ora potete mangiare.” Confermando il suo servizio di carità e di integrità il 10 agosto dell’anno 258, il giovane Lorenzo divenne uno dei martiri della prima cristianità di Roma. Un santo tra i più venerati. Tante le chiese e cappelle erette poi in suo onore. É protettore di tutti quelli che per mestiere hanno a che fare col fuoco.

particolare del supplizio di san lorenzo del tiziano

Pietro e Paolo, distinti e identici.

images (1)

Pietro il pescatore e paolo l’illuminato. Due uomini differenti uniti da una convinzione. Due apostoli con missione terrena diversa eppur divina identica. Due pietre miliari del cristianesimo e della comunità cristiana. Due santi che tutto il mondo il 29 giugno celebra il trionfo trascendentale con uguale onore e venerazione. Pietro e paolo, due carismatici simbolo di percorsi di vita e fede diversi nondimeno equivalenti nell’essenza estrema.

Simone di Cafarnao, poi ribattezzato da Gesù Pietro, l’umile pescatore, rozzo, dal carattere impetuoso, verace, a volte fragile ma che ispirato dallo spirito santo per primo riconosce la natura soprannaturale di Gesù.“io credo signore che tu sei il cristo, il figlio del Dio vivente”. Pietro, scelto a farsi pescatore di anime, ad assumersi il ruolo difficile di rappresentare Dio in terra, a reggere il primato della universalità della chiesa ” E io ti dico che sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte dell’inferno non prevarranno contro di essa. Ti darò le chiavi del regno dei cieli e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto”.

Saulo di Tarso, poi Paolo, bello, raffinato, istruito, dal carattere determinato, inflessibile, ammirato e considerato oratore, feroce persecutore dei cristiani, “fulminato” sulla via di Damasco. Paolo, l’apostolo che da fanatico cacciatore soverchiatore di fede che cadendo da cavallo improvvisamente cambia completamente punto di vista e vita. Paolo, animato da una nuova certezza per me cristo è vivere” con la stessa determinazione, instancabilità del persecutore della fede in cristo, si fa apostolo evangelico universale di Cristo. Paolo, l’ apostolo delle genti.

Pietro e paolo, due uomini molto diversi con percorsi umani e spirituali altrettanto diversi ma al contempo convergenti in un unico punto, quello dell’amore certo e fedele a Cristo. Due uomini saldi e consapevoli di una via assegnata complessa e pur tuttavia ostinati a seguirne tutte le variabili per un fine: una chiesa plurale e unita.

La ricorrenza della solennità dei Santi Pietro e Paolo patroni di Roma nasce dalla tradizione che vuole i due giunti dalla Giudea a Roma nello stesso periodo e martirizzati lo stesso giorno, anche se in luoghi diversi.

Due santi distinti accomunati dal destino nel martirio, anche se alcuni storici ritengono che i due Santi non vennero martirizzati ne lo stesso giorno ne contemporaneamente e la scelta del 29 giugno si rifà all’antica festa divinatoria romana del Quirino celebrante i due gemelli Remo e Romolo.

Pietro arrestato, quale cristiano, portato sul colle vaticano condannato alla crocifissione, sentendosi indegno di morire come il suo amato Maestro chiese di essere crocifisso a testa in giù. Secondo una leggenda popolare il giorno del suo martirio i pescatori che escono in mare si imbattono nel diavolo che per rabbia scatena una tempesta terribile. Scaramanticamente il 29 giugno è difficile che un pescatore esca in mare. Tuttavia “ogni pescatore buono ha San Pietro per patrono”!

San Pietro è il santo patrono di muratori, ciabattini, orologiai, pescatori e per via delle chiavi dei portieri.

Paolo arrestato e condannato a morte, in quanto cittadino romano ebbe, si fa per dire, l’onore della spada, cioè essere decapitato nei pressi delle “acque salvie”. Si narra che la sua testa mozzata ruzzolando fece tre rimbalzi da cui scaturirono tre fontane.

San Paolo  è patrono dei cordai, teologi, panierai, cestai, di chi si occupa di stampa, viene invocato per allontanare le tempeste, a salvaguardia di pericoli dei morsi di animali velenosi. San Paolo ha anche fama di “esorcista” o guaritore dei tarantolati.

images (2)

Due santi da cui trarre una grande ispirazione di vita quotidiana, san Pietro per  tutte le sue fragilità che comunque non gli hanno impedito di riconoscere la debolezza e
“saper far marcia indietro. ” Quo vadis, Domine?” “Torno a Roma per essere crocifisso di nuovo! San Paolo perchè anche inciampando si può scoprire che nulla vieta aprire gli occhi e cambiare stile di vita.

Felice serata!

bydif

 

Il “soffio” magico di San Pietro

20170629_074817

In questa notte che precede la solenne festa dei santissimi Pietro e Paolo in molti paesi, persiste l’antica tradizione credenza del ” soffio” magico di san Pietro.

Cos’è? Secondo una antica leggenda è un prodigio di San Pietro nel suo passaggio sulla terra da cui si trae una previsione annuale come dire un oracolo per intervento “magico”di San Pietro!

Come si realizza ? Con il soffio di san Pietro!

Quando? Durante la notte di vigilia della festa dei santi Pietro e Paolo poichè come narra tradizione San Pietro accompagnato da San Paolo passa sulla terra e per esprimere vicinanza ai fedeli compie la magia.

Cioè? Cioè soffia e…e fa apparire la sua barca !

Ovvero è credenza radicata che con un soffio San Pietro trasforma una chiara d’uovo in barca o  veliero che a seconda di come al mattino apparirà all’occhio svelerà se in arrivo ci sono tempi buoni o meno!

La narrazione tradizionale spiega che se la vigilia della festa dei Santi Apostoli, Pietro e Paolo, in un contenitore di vetro, bottiglia, caraffa, vaso, si versa, fino a metà, dell’acqua, si fa scivolare dolcemente la chiara di un uovo, si mette il recipiente all’aperto, sotto una pianta, sul davanzale di una finestra o un balcone, si lascia ai raggi della luna e alla guazza, al mattino, secondo la descrizione popolare dentro il contenitore magicamente si vedrà la barca di San Pietro!

Chiaramente è credenza che in base di come il soffio dell’Apostolo Pescatore forma la barca e le vele si ha l’indicazione oracolare sul futuro anno degli affari di tutta la famiglia compreso salute, abbondanza, lavoro, amori, fortuna.

Ovviamente la barca o veliero di san Pietro va interpretata. E qui sta il difficile. In generale più il veliero sarà bello e ben riconoscibile, avrà tante vele aperte e più promette una situazione generale ottima, con giornate di sole e piene d’ottimismo, piogge scarse. Un tantino meno distinguibile, con meno vele aperte assicurerà un annata discreta, con qualche imprevisto risolvibile, meno sole e più pioggia. Se apparirà un po confuso e con vele strette l’annata sarà assai piovosa e la situazione generale rimarrà più o meno la stessa. Se non si noterà affatto una barca allora si faticherà molto e si raccoglierà poco. Attenzione però, Il veliero a mezzogiorno inizierà a scomparire per cui “la sua lettura rivelatrice ” dopo non sarà più possibile.

Realmente com’è che un albume forma la barca di san Pietro? Per un fenomeno di cambio di temperatura!

L’albume, che ha una densità maggiore dell’acqua prima tende ad affondare; durante la notte con l’aria più fresca, l’attrazione della luna e la rugiada la chiara crea tanti filamenti e allo spuntar del sole, a mano a mano che l’acqua si scalda il bianco d’uovo filamentoso sale verso l’alto e nel risalire si apre a mo di vele.

il “soffio” magico di San Pietro in alcuni luoghi è più conosciuto come la “barca” in altri come barchetta o  Il “ veliero” di San Pietro.

Certo con la scienza si spiega il fenomeno ma…ma vuoi mettere la differenza di fascino che c’è tra prosaico e magico? È abissale. Eppoi se da tanti secoli resiste “l’è vero, l’è vero l’è arivà San Piero. L’è vero, l’è vero l’è arivà la barca de’ san Piero” un fondo di verità c’è.

Intanto che la notte avanza, San Pietro e Paolo passano e Pietro “soffia” la magia si forma,  a tutti auguro una notte di sogni fatati!

bydif

20170629_074649
Pietro e Paolo. Un po’ di storia:

La ricorrenza della solennità dei Santi Pietro e Paolo patroni di Roma nasce dalla tradizione che vuole i due giunti dalla Giudea a Roma nello stesso periodo e martirizzati lo stesso giorno, anche se in luoghi diversi. Pietro, il cui nome deriva dall’aramaico “kephà”, tradotto in greco “pétros” e significa “saldo come una pietra, roccia”. Pescatore diventato Apostolo di Gesù fu scelto come “roccia”su cui gettare le fondamenta della chiesa, di cui fu il primo papa. E’ il santo patrono di muratori, ciabattini, orologiai, pescatori e per via delle chiavi dei portieri. Secondo la narrazione l ‘ venne crocefisso a testa in giù presso il circo di Caligola in Vaticano.

Secondo una antichissima leggenda popolare i pescatori che vanno in mare a pescare nel giorno della sua festa si imbattono nel diavolo che scatena una tempesta, per questo scaramanticamente molti pescatori il 29 giugno non escono in barca. Si dice anche che San Pé u ne veu un pe lê  – San pietro ne vuole uno per seo “ I temporali di San Pietro fanno tremare”. Tuttavia “ Ogni pescatore buono ha san Pietro per patrono” infatti lo invoca per “esorcizzare” trombe marine o battute di pesca tumultuose.

crocifissionedisanpietro

San Paolo originario di Tarso , il cui nome Paolo invece deriva dal latino volgare paulus “piccolo” fu prima persecutore dei cristiani poi incontrò Gesù Risorto sulla via tra Gerusalemme e Damasco si convertì e predicò ai Giudei e ai Greci Cristo crocifisso. È da ciò che nasce il detto “fulminato” sulla via di Damasco. In base ai tramandi orali fu invece decapitato alle Acque Salvie all’Ostiense. Si racconta che il suo capo mozzato fece tre rimbalzi da cui sgorgarono tre fonti e successivamente vi vennero edificate tre chiese. Detto l’apostolo delle genti, è patrono dei cordai, teologi, panierai, cestai, di chi si occupa di stampa, viene invocato per allontanare le tempeste, a salvaguardia di pericoli dei morsi di animali velenosi. San Paolo ha anche fama di “esorcista” o guaritore dei tarantolati.

 Se il giorno di san Paolo è sereno godrem l’annata e l’abbondanza in seno. Ma se fa freddo guerra avremo ria e se nevica o piova carestia”

38 pietro_paolo

Pietro il “pescatore” e Paolo l’illuminato. Due Santi, due pietre miliari del cristianesimo. Il 29 giugno con uguale onore e venerazione tutto il mondo celebra il loro trionfo trscendentle.

Alcuni storici però ritengono che i due Santi non furono ne martirizzati il 29 giugno ne contemporaneamente e che in realtà la scelta del 29 giugno è legata all’antica festa divinatoria romana del Quirino, celebrante i due gemelli Remo e Romolo.

Alcuni detti sui due Santi:

Chi loda San Pietro, non biasima San Paolo” tradotto “Chi ti loda in presenza, ti biasima in assenza”

Se piove a San Paolo e Piero piove par on ano intìero”

 

 

L’acqua odorosa di San Giovanni e…

20190623_152215

Ovunque la vita mi trasporta, la sera del 23 giugno, vigilia della festa di S. Giovanni Battista, notte magica per eccellenza dal tempo dei tempi in tante culture, non posso fare a meno di mantenere due usanze della mia terra d’origine, cioè in primis quella  dell’acqua odorosa  e quella  del falò. Per la seconda è facile, basta accartocciare qualche foglio di carta ai margini d’una strada, buttarci un cerino acceso e subito come recita la tradizione “ lingue di fuoco s’innalzano dal piccolo falò a rischiarar la notte fugando le ombre malefiche c’oscuran l’avanzar del  benigno dì ” Salto il falo’ tre volte per esprimere un desiderio o pensare ad un problema che mi assilla. Di solito si realizza entro il solstizio invernale, purché l’uno o l’altro non siano per scopi egoistici o vanitosi altrimenti accade esattamente il contrario. Come si dice “San Giovanni non vuole inganni”…

La prima usanza, quella dell’acqua odorosa non sempre è facile rispettarla, specie se sono in qualche località arida come il deserto. anche se  ho scoperto  che i Berberi celebrano questa notte. Perchè? Perchè occorre reperire petali di fiori e foglie d’erbe aromatiche fresche, sempre in numero dispari, depositarle in una caraffa con dell’acqua, esporle fino all’alba ai raggi lunari per far assorbire quelle energie positive del cosmo che solo al solstizio d’estate si propagano quando, il sole sposa la luna, il principio maschile feconda il femminile, l’elemento fuoco si allea all’elemento acqua, tutto il cosmo irradia energia annullando ogni maltempo”   e per raccogliere “le   lacrime di S. Giovanni ” chiamate guazza o anche perle. Ossia  la rugiada che si forma nella notte.

Al mattino, meglio se al momento dell’aurora, si immergono le mani nell’acqua profumata, si sfiora la pelle di tutto il corpo bagnandola partendo dalla fronte rivolta ad est in modo che i raggi solari la sfiorano, si ripete l’operazione per tre volte. Tale rituale, nell’immaginario popolare della mia terra, ha una grande importanza perché custodisce segreti effetti benefici:

Purifica liberando corpo e spirito da scorie negative accumulate nelle lunghe notti invernali – allegoricamente richiama il battesimo nell’acque del Giordano –

Ridona energia al fisico e alla mente, allontana pesantezza e affaticamento dovuti allo stress del quotidiano – esprime il vigore ardente della fede del Santo –

Elimina le impurità della pelle, rimuove i malesseri di testa e stomaco dovuti a cause nervose o imprecisate. – a S. Giovanni fu mozzata la testa-

Protegge da invidie e gelosie di avversari e concorrenti fino al prossimo solstizio. – riporta alla condanna del  Santo dovuta alla perfidia di Salomè

Nella tradizione più pagana, oltre a ciò, si coltiva la credenza che nell’acqua, scansando fiori e foglie prima di iniziare il rito del bagno, si vede il volto del futuro compagno di vita.

Esaurito il rito mattiniero, l’acqua profumata non va buttata ma filtrata e custodita in una bottiglia perché ha virtù lenitrici, eccezionali nei disturbi dovuti a infiammazioni e sfoghi cutanei come il fuoco di S. Antonio. Inoltre si conserva a scopo beneaugurante per la salute. – “ L’aqua de’ San Giuagne te proteije d’ognie malannje

Di solito l’acqua la conservo e l’uso una volta al mese per scaricare l’accumulo di energie sfibranti e per mantenere la pelle sana e levigata. Quasi tutte le mie amiche, anche le scettiche, fanno e usano l’acqua di San Giovanni.

A queste due usanze non ci rinuncio, forse per non perdere il legame atavico o forse… per quel” Sogno di una notte di mezza estate “ narrato da Shakespeare.

Comunque per onorare la terra che mi ha accolto con tanta generosità, e sentirmi vicina a un amico che oggi non c’è più, a queste due usanze umbre, ho aggiunto il rito indiano “Yakima” appreso in un corso di sopravvivenza in Pennsylvania, da indiani yankee, discendenti proprio della stirpe Yakima. Secondo il pensiero di questi nativi americani il piede esprime il legame con le cose e le situazioni quotidiane ed è la “centralina” del benessere psicofisico, per cui il rito si basa sul principio di scaricare l’elettricità negativa accumulatasi nella centralina energetica del sistema circolatorio che si trova nei piedi. In breve si tratta di far scorrere le cariche negative ammassate nel fisico da ansia, stress affaticamento ecc. in basso attraverso un atteggiamento posturale rilassato in modo da trasferirle nell’acqua o sul suolo, meglio se erboso. Ciò che rende più balsamico e vantaggioso il “ pediluvio” secondo la credenza è la sinergia > sole luna erbe acqua < combinata dalle onde planetarie che hanno depositato il carisma occulto nell’acqua o sul suolo erboso durante l’esposizione, notturna e diurna. Per inciso va detto che il piede al suo interno ha un groviglio di fili venosi e in oriente la “centralina” è chiamata secondo cuore o cuore perifericoin riflessologia plantare “spugna di Lejart ” mentre in psicosomatica rappresenta il nostro modo di reggersi nel mondo e di proiettarci nella realtà. Pertanto lo “Yakima” è più di un rito magico-esoterico, è una sapienza medica  riequilibrante  benefica all’essere. Certo vi sono tantissime altre usanze, tradizioni sacre e profane e superstizioni legate alla vigilia della festa di san Giovanni Battista, talune anche legate ai sabba e alla stregoneria, di cui si potrebbe dire molto anche se in gran parte le ho già postate.

Per concludere, in questa notte la magia di san Giovanni funziona come un capodanno, il cosmo si rinnova e ricrea dopo un capovolgimento caotico attraverso gli elementi primordiali GUAZZA – FALO’, acqua e fuoco,  simboli di purificazione e rigenerazione per eccellenza. Anche nel mio paese attuale giovani e meno si radunano all’oratorio e dopo mezzanotte vanno scalzi nei prati per sentire la guazza, accendono fuochi e festeggiano fino all’alba per non perdere il “ battesimo” del sole nascente. Mi associo.

falò

Buona “guazzata” magica e...e per assicurarsi da acqua e fuoco risultati positivi di luce irraggiante e beneficio ristrutturante basta crederci !

bydif

Giorno della Libertà

25 aprile

A rigor di logica il 25 Aprile, giorno commemorativo della Liberazione dal giogo di belligeranza cruenta, dolorosa dispotica, fagociatrice di anime e corpi inermi, sterminatrice di vite, portatrice di ingiustizie, persecuzioni di donne, uomini, bambini, lacrime di madri, obbrobri umanitari irripetibili, dovrebbe essere la festa Nazionale che unisce tutti gli italiani. Ma… ogni anno per memorie corte o troppo impegnate a lustrarsi gli scarpini con la vita altrui o imbottite di idiozie assume contorni strumentali indecorosi che screditano un giorno fondamentale della storia d’Italia, soprattutto disonorano proprio la Memoria di coloro che generosamente han dato la vita per la libertà. Una libertà che nessuno di loro nel combattere ha inteso conquistarla per una pezzo di paese o per una cerchia specifica di italiani, e neppure nel morire ha rivestito di colori faziosi, distinguo, esclusivismi. Ognuno di loro ha combattuto con l’animo, la mente, il cuore con un solo fine: sgombrare dal suolo italiano gli orrori di una guerra amara e brutale. Ognuno ha mirato, sparato, pianto, pregato per riprendersi l’ autonomia di pensiero e azione. Ognuno ha agito, offerto, vita, sacrificio, dolore con la speranza di costruire un futuro pluralista, per tutti libero da soverchiatori. Oggi, polemizzare è confondere gli intenti primari di tutti quei valorosi, frazionare le azioni della resistenza per convincimenti politici. Soprattutto è tradire lo spirito originario, quel sussulto spontaneo che ha unito donne e uomini di ogni età, cultura, credo, aggregato aldilà di criteri egoisti per liberarsi da gioghi dittatoriali e guadagnare l’indipendenza. I diritti sanciti dalla Costituzione che oggi godiamo e ci permettono di decidere, fare, scegliere non provengono dal nulla ma dal sangue, da una cultura di solidarietà, di entusiasmo comunitario, di costruzione al dialogo, di partecipazione stimolante, di difesa quotidiana delle proprie radici e della dignità nazionale. Nobili e civili criteri che a ben valutare nel groviglio di tante polemiche, a torto o a ragione, oggi sono difficili da reperire. Nel mentre, per come vanno le cose attualmente, il buon senso vorrebbe che fossero in prima linea. Oggi, tutti dovrebbero, dovremmo riflettere sul merito complessivo della resistenza e smetterla di disputare una ragione aprioristica che quando non fa danno lascia il tempo che trova. Riflettere che la Resistenza è un realizzato concreto di storia del nostro paese. E’ una forma di lotta civile di Liberazione da ogni tipo di oppressione, valida per ieri, l’oggi e il domani. Riflettere che i valori ispiratori della Resistenza sono l’essenza della libertà che oggi ognuno gode per cui è necessario averli in memoria e tramandare senza se e senza ma. Riflettere che “La libertà è come l’aria: ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare” per cui è bene…stare all’erta. Riflettere che in ogni tempo, per reagire a uno stato di fatto che giornata dopo giornata tiene prigionieri di paure, angosce terroristiche, rende apatici spettatori di manovre e contromanovre assurde , arroganti, indiscutibilmente allettate da un profit individuale, serve educazione alla autonomia mentale, alla dignità personale, all’aggregazione a un fine comunitario di indipendenza, al rifiuto all’abominio, alla ghettizzazione, all’ingiustizia. Son certa che a più riflettere e meno parlucchiare, magicamente il giorno della liberazione, prodotto altruistico, generoso della Resistenza di tanti donne e uomini coraggiosi oblativi, finirebbe di essere il memore da sciorinare a rintuzzo di polemiche rivendicative idiote. E, finalmente sarebbe un giorno di festa veritiero da restituire onore  a quei tantissimi donne e uomini, che ovunque c’era da opporsi e ricusare un sistema insopportabile miravano a resistere e resistere non per incensarsi in sfilate lottizzate ma per dar luce a una esistenza libera. 

2

Buona serata
bydif

 

Lunedì dell’Angelo

resurrezione-beato-angelico-bis1450

Il lunedì dell’Angelo, più noto come la pasquetta tradizionalmente ormai è il giorno della gita fuori porta, del relax all’aria aperta del divertimento condiviso con picnic, grigliate, mangerini fatti in casa da gustare fuori dalle oppressive 4 mura . Un giorno da vivere con spensierata informalità oltre il solito proprio recinto, in uno scenario naturale più ampio, meno costrittivo, rifocillante corpo e umore e dai colori freschi e vivaci che solo la primavera regala, il profumo intenso della terra, dei boschi, del mare, il chiacchiericcio allegro di amici e parenti, le corse, le capriole, i giochi e pure i bisticci e gli accaloramenti di grandi e piccoli per questioni futili. Certo, oggi , visto il tempo,  per alcuni  pasquettari è stata dura godersi una giornata senza imprevisti di fuggi fuggi per scampare un acquazzone con forzata conclusiva del beneamato relax all’aria aperta in un mesto rinfuso raccogliticcio di cose e anticipato ritorno con probabile slalom infernale sotto un tettuccio di un abitacolo di lamiere motorizzate!

Ma… fatta salva la popolar usanza, che invero un fondamento evangelico dell’andare fuori porta ce lo ha, il lunedì dell’angelo, ha un significato collegato al mistero pasquale della morte e resurrezione di Cristo. Come narra Marco:

lunedidellangelo parma

“Passato il sabato, Maria di Màgdala, Maria di Giacomo e Salome comprarono oli aromatici per andare a imbalsamare Gesù.  Di buon mattino, il primo giorno dopo il sabato, vennero al sepolcro al levar del sole.  Esse dicevano tra loro: Chi ci rotolerà via il masso dall’ingresso del sepolcro?.  Ma, guardando, videro che il masso era già stato rotolato via, benché fosse molto grande.  Entrando nel sepolcro, videro un giovane, seduto sulla destra, vestito d’una veste bianca, ed ebbero paura.  Ma egli disse loro: «Non abbiate paura! Voi cercate Gesù Nazareno, il crocifisso. È risorto, non è qui. Ecco il luogo dove l’avevano deposto.  Ora andate, dite ai suoi discepoli e a Pietro che egli vi precede in Galilea. Là lo vedrete, come vi ha detto.  Ed esse, uscite, fuggirono via dal sepolcro perché erano piene di timore e di spavento. E non dissero niente a nessuno, perché avevano paura.

73-Cristo-risorto-Maria-Maddalena

Risuscitato al mattino nel primo giorno dopo il sabato, apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva cacciato sette demòni.  Questa andò ad annunziarlo ai suoi seguaci che erano in lutto e in pianto.  Ma essi, udito che era vivo ed era stato visto da lei, non vollero credere.

53-caravaggio-incredulita-di-san-tommaso

Dopo ciò, apparve a due di loro sotto altro aspetto, mentre erano in cammino verso la campagna.  Anch’essi ritornarono ad annunziarlo agli altri; ma neanche a loro vollero credere.

Cena-in-Emmaus-Caravaggio-Londra-Alla fine apparve agli undici, mentre stavano a mensa, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risuscitato.

Gesu-risorto-e-gli-Apostoli-Duccio-di-Buoninsegna

Gesù disse loro: «Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato.

AscensioneE questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno. Il Signore Gesù dunque, dopo aver loro parlato, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio. E quelli se ne andarono a predicare dappertutto e il Signore operava con loro confermando la Parola con i segni che l’accompagnavano.” Marco 16,1-11

padova
In conclusione, il lunedì successivo alla S. Pasqua per quanto riguarda l’Angelo, messaggia lo stretto rapporto  che c’è tra gli angeli e Dio. Infatti, sono il tramite tra cielo e terra e a loro Dio affida il ruolo di intermediari della Sua volontà.  L’angelo del sepolcro che appare alle Pie donne come anche quello che appare alla Vergine Maria sono i messaggeri mandati  ad “annunziare agli uomini i voleri e le promesse di Dio, come anche per interpretare le sue visioni (Dan., VIII, 16; Zac., I-III); i suoi disegni nel governo del mondo; o a perlustrare la terra per informarsi della condotta, soprattutto morale e religiosa, degli uomini (Gen., XVIII, 20-22; Giobbe, I, 7 . Quindi le loro apparizioni in un luogo o a delle persone hanno in se un adempimento ben preciso che può essere di palesare,  spiegare, avvertire  il volere Divino.

passeggiata familiare

Nel mentre per quanto concerne la pasquetta, beh.. il nesso popolare di una passeggiata o una scampagnata “fuori le mura” o “fuori porta” probabilmente c’è nel ricordare Gesù che appare a due discepoli in cammino verso Emmaus a pochi chilometri da Gerusalemme. Certo, oggi , visto il tempo, il fuori porta non era ideale e per alcuni  pasquettari è stata dura godersi una giornata senza imprevisti di fuggi fuggi per scampare un acquazzone. Per i più, il beneamato relax all’aria aperta si è concluso  in un mesto rinfuso raccogliticcio di cose  con anticipato ritorno alle 4 mura con  slalom infernale sotto un tettuccio di un abitacolo di lamiere motorizzate!

colomba)

buona serata in spirito angelico di pace, amore fraterno e letizia umana!

Bydif

Domenica Santa:

Sui passi di Gesù dalle palme alla Resurrezione:

Domenica Santa: Giorno della vita, del riscatto, della gioia

salvator mundi leonardo

nacque da Maria Vergine,
patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso,
mori e fu sepolto; discese agli inferi;
il terzo giorno risuscitò da morte;
salì al cielo, siede alla destra
di Dio Padre onnipotente:
di là verrà a giudicare i vivi e i morti.

pasqua

Seguendo i passi di Gesù nel mistero pasquale…

con la  morte  libera dal peccato

con la  Risurrezione  dà accesso ad una nuova vita

31167-04-pinturicchioappartamentoborgiaresurrezionedicristoconpapaalessandroviinginocchiato

Gesù è risorto. Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra

ChristusSurrexit

FELICISSIMA SANTA PASQUA IN LUCE SPIRITO E GIOIA A TUTTI !

magritte

bydif

Sabato Santo

Sui passi di Gesù dalla palme alla Resurrezione

Sabato Santo:Giorno dell’assoluto,  del mistero, della riflessione.

mantegna cristo morto

” Oggi sulla terra c’è grande silenzio, gran silenzio e solitudine. Grande silenzio perché il Re dorme: la terra è rimasta sbigottita e tace, perché il Dio fatto carne si è addormentato e ha svegliato coloro che da secoli dormivano. Dio è morto nella carne ed è sceso a scuotere il regno degli inferi. Certo, egli va a cercare il primo padre, come la pecorella smarrita. Egli vuol scendere a visitare quelli che siedono nelle tenebre e nell’ombra di morte. Dio e il Figlio suo vanno a liberare dalle sofferenze Adamo ed Eva che si trovano in prigione. Il Signore entrò da loro portando le armi vittoriose della Croce” (da un antico breviario romano)

cristo velato

Tutto si è compiuto secondo la “parola”.

Compianto-su-Cristo-morto-Giotto-600x387

Il silenzio è tombale  ma eca da monte a valle  così assordante che scuote le viscere. Non potrebbe essere altrimenti! Tacciono i potenti, tace giuda impiccatosi, tace la folla, tacciono gli apostoli,  ma un cuore di madre può mai tacere l’oltraggio vile a un figlio? Giammai! E il muto “PIANTO DI MARIA” è schiacciante:

rogier-van-der-weyden-trittico-della-crocifissione-particolare

O figlio, figlio, figlio,
figlio, amoroso giglio,
o figlio, chi dà consiglio
al cor mio angustiato?
Figlio, occhi giocondi,
figlio, che non rispondi,
figlio, l’alma t’è uscita,
figlio della smarrita.
Figlio bianco e vermiglio,
figlio senza simiglio,
figlio bianco e biondo,

figlio, volto giocondo,
figlio, perchè t’ha il mondo,
figlio, così spezzato?
Figlio, dolce e piacente,
figlio della dolente,
figlio, che ti ha la gente
malamente trattato!

 Jacopone da Todi

Pietà - Michelangelo

Il Sabato Santo è il giorno  aliturgico della veglia silenziosa ma è anche il sabato di Maria, la madre divina addolorata, in lacrime che vive l’attesa con forza d’animo e sorregge la speranza dei “figli” disorientati della promessa  divina che riporta la vita.

magritte

bydif

Venerdì Santo

sui passi di Gesù dalle palme alla resurrezione nei 3 giorni Santi

:Venerdì Santo: Giorno del sacrificio, della misericordia, del perdono.

crocifissione

Il sommo sacerdote, dunque, interrogò Gesù riguardo ai suoi discepoli e al suo insegnamento. Gesù gli rispose: “Io ho parlato al mondo apertamente; ho sempre insegnato nella sinagoga e nel tempio, dove tutti i Giudei si riuniscono, e non ho mai detto nulla di nascosto. Perché interroghi me? Interroga quelli che hanno udito ciò che ho detto loro; ecco, essi sanno che cosa ho detto.

CaravaggioEcceHomoAppena detto questo, una delle guardie presenti diede uno schiaffo a Gesù, dicendo: Così rispondi al sommo sacerdote?». Gli rispose Gesù: “Se ho parlato male, dimostrami dov’è il male. Ma se ho parlato bene, perché mi percuoti?». Allora Anna lo mandò, con le mani legate, a Caifa, il sommo sacerdote.

38 duccio rinnegamento san pietro

Intanto Simon Pietro seguiva Gesù insieme a un altro discepolo. Questo discepolo era conosciuto dal sommo sacerdote ed entrò con Gesù nel cortile del sommo sacerdote. Pietro invece si fermò fuori, vicino alla porta. Allora quell’altro discepolo, noto al sommo sacerdote, tornò fuori, parlò alla portinaia e fece entrare Pietro. E la giovane portinaia disse a Pietro: «Non sei anche tu uno dei discepoli di quest’uomo?». Egli rispose: «Non lo sono». Intanto i servi e le guardie avevano acceso un fuoco, perché faceva freddo, e si scaldavano; anche Pietro stava con loro e si scaldava.

duccio da boninsegna

Condussero poi Gesù dalla casa di Caifa nel pretorio. Era l’alba ed essi non vollero entrare nel pretorio, per non contaminarsi e poter mangiare la Pasqua. Pilato dunque uscì verso di loro e domandò: Che accusa portate contro quest’uomo?. Gli risposero: Se costui non fosse un malfattore, non te l’avremmo consegnato. Allora Pilato disse loro: Prendetelo voi e giudicatelo secondo la vostra Legge!. Gli risposero i Giudei: A noi non è consentito mettere a morte nessuno. Così si compivano le parole che Gesù aveva detto, indicando di quale morte doveva morire.

duccio

Pilato allora rientrò nel pretorio, fece chiamare Gesù e gli disse: Sei tu il re dei Giudei?. Gesù rispose: “Dici questo da te, oppure altri ti hanno parlato di me?”. Pilato disse: Sono forse io Giudeo? La tua gente e i capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me. Che cosa hai fatto?. Rispose Gesù: Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù. Allora Pilato gli disse: Dunque tu sei re?. Rispose Gesù: “Tu lo dici: io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce”. Gli dice Pilato: Che cos’è la verità?. E, detto questo, uscì di nuovo verso i Giudei e disse loro: Io non trovo in lui colpa alcuna. Vi è tra voi l’usanza che, in occasione della Pasqua, io rimetta uno in libertà per voi: volete dunque che io rimetta in libertà per voi il re dei Giudei?». Allora essi gridarono di nuovo: Non costui, ma Barabba!. Barabba era un brigante.

Caravaggio_flagellation

Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece flagellare. E i soldati, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo e gli misero addosso un mantello di porpora.

anthony_van_dyck_025_incoronazione_di_spine_1620

Poi gli si avvicinavano e dicevano: Salve, re dei Giudei!. E gli davano schiaffi.

Il-Caravaggio-La-passione-di-Gesù

Pilato uscì fuori di nuovo e disse loro: Ecco, io ve lo conduco fuori, perché sappiate che non trovo in lui colpa alcuna. Allora Gesù uscì, portando la corona di spine e il mantello di porpora. E Pilato disse loro: Ecco l’uomo! 

jacopo dal ponte - bassano

Come lo videro, i capi dei sacerdotie le guardie gridarono: Crocifiggilo! Crocifiggilo!.

1009

Disse loro Pilato: «Prendetelo voi e crocifiggetelo; io in lui non trovo colpa. Gli risposero i Giudei: Noi abbiamo una Legge e secondo la Legge deve morire, perché si è fatto Figlio di Dio. All’udire queste parole, Pilato ebbe ancor più paura. Entrò di nuovo nel pretorio e disse a Gesù: Di dove sei tu?. Ma Gesù non gli diede risposta. Gli disse allora Pilato: Non mi parli? Non sai che ho il potere di metterti in libertà e il potere di metterti in croce?». Gli rispose Gesù: “Tu non avresti alcun potere su di me, se ciò non ti fosse stato dato dall’alto. Per questo chi mi ha consegnato a te ha un peccato più grande”.

cristo

Da quel momento Pilato cercava di metterlo in libertà. Ma i Giudei gridarono: Se liberi costui, non sei amico di Cesare! Chiunque si fa re si mette contro Cesare. Udite queste parole, Pilato fece condurre fuori Gesù e sedette in tribunale, nel luogo chiamato Litòstroto, in ebraico Gabbatà. Era la Parascève della Pasqua, verso mezzogiorno. Pilato disse ai Giudei: Ecco il vostro re!. Ma quelli gridarono: Via! Via! Crocifiggilo!. Disse loro Pilato: Metterò in croce il vostro re?. Risposero i capi dei sacerdoti: «Non abbiamo altro re che Cesare. Allora lo consegnò loro perché fosse crocifisso.

1026

Essi presero Gesù ed egli, portando la croce,

1013

si avviò verso il luogo detto del Cranio, in ebraico Gòlgota

52 botero gesù cade sotto la croce uid_153b37a1228

dove lo crocifissero

52 cristo-inchiodato-alla-croce-gerard-david

e con lui altri due,

Vincenzo_foppa,_tre_crocifissi

uno da una parte e uno dall’altra, e Gesù in mezzo. Pilato compose anche l’iscrizione e la fece porre sulla croce; vi era scritto: Gesù il Nazareno, il re dei Giudei.

Crocifissione_gavari

Molti Giudei lessero questa iscrizione, perché il luogo dove Gesù fu crocifisso era vicino alla città; era scritta in ebraico, in latino e in greco. I capi dei sacerdoti dei Giudei dissero allora a Pilato: «Non scrivere: “Il re dei Giudei”, ma: “Costui ha detto: Io sono il re dei Giudei”». Rispose Pilato: Quel che ho scritto, ho scritto.

3

I soldati poi, quando ebbero crocifisso Gesù, presero le sue vesti, ne fecero quattro parti – una per ciascun soldato –, e la tunica. Ma quella tunica era senza cuciture, tessuta tutta d’un pezzo da cima a fondo. Perciò dissero tra loro: «Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca». Così si compiva la Scrittura, che dice: «Si sono divisi tra loro le mie vesti e sulla mia tunica hanno gettato la sorte». E i soldati fecero così.

Crocifissione-Masaccio-447x600

Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: Donna, ecco tuo figlio!. Poi disse al discepolo: Ecco tua madre! E da quell’ora il discepolo l’accolse con sé.
Dopo questo, Gesù, sapendo che ormai tutto era compiuto, affinché si compisse la Scrittura, disse: Ho sete. Vi era lì un vaso pieno diaceto; posero perciò una spugna, imbevuta di aceto, in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca. Dopo aver preso l’aceto, Gesù disse: È compiuto!». E, chinato il capo, consegnò lo spirito.

Giotto_di_Bondone_-_Crucifix

Era il giorno della Parascève e i Giudei, perché i corpi non rimanessero sulla croce durante il sabato – era infatti un giorno solenne quel sabato –, chiesero a Pilato che fossero spezzate loro le gambe e fossero portati via. Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe all’uno e all’altro che erano stati crocifissi insieme con lui. Venuti però da Gesù, vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua. Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera; egli sa che dice il vero, perché anche voi crediate. Questo infatti avvenne perché si compisse la Scrittura: Non gli sarà spezzato alcun osso. E un altro passo della Scrittura dice ancora: Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto.

13-fernando-botero

Dopo questi fatti Giuseppe di Arimatèa, che era discepolo di Gesù, ma di nascosto, per timore dei Giudei, chiese a Pilato di prendere il corpo di Gesù. Pilato lo concesse. Allora egli andò e prese il corpo di Gesù. Vi andò anche Nicodèmo – quello che in precedenza era andato da lui di notte – e portò circa trenta chili di una mistura di mirra e di áloe.

botero-entombment

Essi presero allora il corpo di Gesù e lo avvolsero con teli, insieme ad aromi, come usano fare i Giudei per preparare la sepoltura.

Peterzano

Ora, nel luogo dove era stato crocifisso, vi era un giardino e nel giardino un sepolcro nuovo, nel quale nessuno era stato ancora posto.

raffaello-sanzio-deposizione-nel-sepolcro

Là dunque, poiché era il giorno della Parascève dei Giudei e dato che il sepolcro era vicino, posero Gesù. Vangelo Giovanni 18,1 – 19,42 . 

bellini giovanni pietà E’ in questo giorno che si rivela la Grandezza del Divino!

“Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno” (Lc 23,34).

Chi mai potrebbe essere così altruista verso chi lo umilia, accusa igiustamente, lo crocifigge? Solo chi ha un amore sconfinato verso l’altro! Come ha detto: se voi amate soltanto quelli che vi amano, che merito avete? Anche i malvagi si comportano così!” (Mt 5,46).

In  spirito di luce e sofferenza umana.

bydif