La Domenica Santa

Giorno conclusivo della storia Salvifica di Cristo: La Resurrezione

35 ChristusSurrexit

 La Domenica Santa dell’annuncio, della buona notizia: 

“Ho visto il Signore!”

36 resurrezione-beato-angelico-

Gesù è risorto.

E’ il Giorno della vita, del riscatto, della gioia

35 pinturicchioappartamentoborgiaresurrezionedicristoconpapaalessandroviinginocchiato

È il giorno della Vittoria del  Signore,  definitiva, sul peccato e sulla morte.

ascesa

Malgrado le difficoltà, dovute all’attuale situazione un augurio di cuore a tutti per una SANTA PASQUA in luce di sereno spirito di festa.

asc

 Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra.

By Dif

 

Il Trudio Santo

asc

Cos’è il truido Santo? lI triduo Santo o triduo Sacro è l’essenza della fede, il cuore del cammino cristiano in quanto fa memoria degli eventi del Mistero pasquale di Cristo. Cioè, la liturgia centocristica rievoca gli ultimi giorni di Gesù in terra e in attinenza celebra l’istituzione dell’eucaristia, del sacerdozio ministeriale, del comandamento dell’amore fraterno, la passione, la morte, la discesa “agli inferi” e la resurrezione di Cristo.

Ufficialmente i riti del Triduo Santo iniziano con la Messa in Coena Domini del Giovedì Santo e terminano la domenica della Santa Pasqua. Tuttavia, al mattino del giovedì Santo , per sottolineare che la sorgente salvifica di ogni sacramento scaturisce dal mistero pasquale di Cristo, i vescovi celebrano la Messa crismale in cui benedicono l’olio, ovvero il sacro crisma che durante l’anno si utilizza proprio al momento di impartire i sacramenti di battesimo, confermazione e ordinazione sacerdotale nonché per l’unzione degli infermi.

Tradizionalmente questo primo giorno di triduo si considera giorno del dono, dell’umiltà, della scelta: Del dono. Se stesso a salvezza dell’umanità. Dell’umiltà.   Gesù lava i piedi dei suoi apostoli. Della scelta. Fare la volontà del Padre.

cena

Come su accennato, i riti del Triduo iniziano con la Messa vespertina del giovedì santo il cui cerimoniale liturgico ricorda l’ultima cena del Signore” con i suoi discepoli :

Quando fu l’ora, prese posto a tavola e gli apostoli con lui, e disse: “Ho desiderato ardentemente di mangiare questa Pasqua con voi, prima della mia passione, poiché vi dico: non la mangerò più, finché essa non si compia nel regno di Dio”. E preso un calice, rese grazie e disse: “Prendetelo e distribuitelo tra voi, poiché vi dico: da questo momento non berrò più del frutto della vite, finché non venga il regno di Dio”. Poi, preso un pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: Questo è il mio corpo che è dato per voi; fate questo in memoria di me”. Allo stesso modo dopo aver cenato, prese il calice dicendo: “Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue, che viene versato per voi”.

I Giudei si misero a discutere fra loro: “Come può costui darci la sua carne da mangiare?”

Gesù disse loro: “In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno” Gv 6,52-58.

e il suggestivo rito della “lavanda dei piedi“.

lav modified

Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. Poi versò dell’acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l’asciugamano di cui si era cinto. Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: “Signore, tu lavi i piedi a me?”. Rispose Gesù: “Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo”. Gli disse Pietro: “Tu non mi laverai i piedi in eterno!.”

Gli rispose Gesù: “Se non ti laverò, non avrai parte con me”. Gli disse Simon Pietro: “Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!”. Soggiunse Gesù: “Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro; e voi siete puri, ma non tutti”. Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: “Non tutti siete puri”.Quando ebbe lavato loro ipiedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: “Capite quello che ho fatto per voi? Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi”. Gv 13, 1-15

Dopo aver detto queste cose, Gesù uscì con i suoi discepoli al di là del torrente Cedron, dove c’era un giardino, nel quale entrò con i suoi discepoli. Anche Giuda, il traditore, conosceva quel luogo, perché Gesù spesso si era trovato là con i suoi discepoli. “Anche i discepoli lo seguirono.

IMG_7886-1

Giunto sul luogo, disse loro: “Pregate, per non entrare in tentazione”. Poi si allontanò da loro quasi un tiro di sasso e, inginocchiatosi, pregava: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà” GV 18, 1,2; Lc 22,39,40.

Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo. In preda all’angoscia, pregava più intensamente; e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra.

Poi, rialzatosi dalla preghiera, andò dai discepoli e li trovò che dormivano per la tristezza. E disse loro: “Perché dormite? Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”.Lc 22,39-46

andrea-mantegna-orazione-nell-orto

Caratteristica delle celebrazioni del Triduo è  l’organizzazione, come un’unica liturgia, tant’è che la Messa in Coena Domini non termina con l’ite missa est ”la Messa è finita”, bensì si conclude col silenzio, in  adorazione eucaristica. Un momento di raccoglimento spirituale di grande significato e rispetto che vivifica l’agonia di Gesù in preghiera col Padre nell’orto dei Getsemani.
er 124

In questo giorno del triduo pasquale, come ha detto papa Benedetto XVI: “GESÙ, SOLO E TRISTE, SOFFRE E GOCCE DEL SUO SANGUE BAGNANO LA TERRA. “

BYDIF continua ….

Il Venerdì Santo, secondo giorno del triduo è il giorno della via dolorosa. Il giorno della via crucis in cui ogni “azione liturgica” è volta a rievocare la Passione e morte di Gesù. Scandisce il dramma umano che va dal tradimento,

31 duccio giuda e i 30 denari

alle accuse, le sofferenze corporali e morali, le umiliazioni,

32 carl-bloch-cristo-deriso-da-un-soldato

la condanna, la salita al golgota, la crocefissione,

33 cristo-inchiodato-alla-croce-gerard-david

trapasso e deposizione.

33 botero-entombment

Cristo crocifisso e le sue sofferenze sono il fulcro del memoriale del mistero salvifico e per consuetudine Il venerdì Santo, non si celebra l’Eucaristia e si “mutano” le campane. Cioè dal Gloria della messa del Giovedì non si suonano, devono stare in liturgico silenzio; rintoccheranno festose al momento della resurrezione ; anticamente il Venerdì e il Sabato Santo anche gli strumenti musicali dovevano tacere. Da sempre èanche giorno di penitenza, digiuno e astinenza.

Tradizionalmente definito il Giorno del sacrificio, della misericordia, del perdono.

Sacrificio:

se voi amate soltanto quelli che vi amano, che merito avete? Anche i malvagi si comportano così!” Mt 5,46.

Misericordia:

Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto”. Gv 19,37.

perdono:

Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno” Lc 23,34.

A concludere il giorno del sacrificio, della vita per amore sconfinato il silenzio, la veglia, l’adorazione spirituale.er 124

Il Sabato Santo, memora il giorno della sepoltura di Gesù. Il giorno in cui Gesù scende agli inferi per liberare le anime dei giusti e degli avi.

Per tradizione è a-liturgico, cioè privo di liturgie. Non si compie nessuna celebrazione:

Oggi sulla terra c’è grande silenzio, gran silenzio e solitudine “.

33

Questo terzo giorno del triduo in cui tutto si è compiuto secondo la “parola” è il giorno dell’assoluto,  del mistero, della riflessione. Ma è anche il sabato di Maria, la madre divina addolorata, in lacrime che vive l’attesa con forza d’animo e sorregge la speranza dei “figli” disorientati della promessa  divina che riporta la vita.

35 dali corpus hypercubus

A sera,  “la madre di tutte le Veglie“. La grande veglia della attesa carica di speranza del giorno più sacro, quello del “Resurrexit et adhuc tecum sum”

29

Le celebrazioni del triduo sono la radice dei misteri della fede in Gesù Cristo, morto e risorto per la salvezza dell’umanità. Auguro a tutti di viverlo con serena fede che a questo triste momento di sicuro c’è “resurrezione”!

ByDif continua…

…………………….

Passion Domine

gg

“Quando fu annunziato
che Gesù veniva a Gerusalemme,
il popolo uscì per andargli incontro;
agitava rami di palma e acclamava:
Osanna nell’alto dei cieli”

gg +

Era ormai vicino alla discesa del monte degli Ulivi, quando tutta la folla dei discepoli, esultando, cominciò a lodare Dio a gran voce, per tutti i prodigi che avevano veduto, dicendo:
«Benedetto colui che viene,
il re, nel nome del Signore.
Pace in cielo
e gloria nel più alto dei cieli”

IMG_9005-1

Quando fu vicino, alla vista della città, pianse su di essa, dicendo: “Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, la via della pace. Ma ormai è stata nascosta ai tuoi occhi. Giorni verranno per te in cui i tuoi nemici ti cingeranno di trincee, ti circonderanno e ti stringeranno da ogni parte; abbatteranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata”

ppp

“Via via che egli avanzava, stendevano i loro mantelli sulla strada. “

gg

Quelli poi che andavano innanzi, e quelli che venivano dietro gridavano:
Osanna!
Benedetto colui che viene nel nome del Signore!
Benedetto il regno che viene, del nostro padre Davide!
Osanna nel più alto dei cieli!

30 maesta_duccio-ingresso_a_gerusalemme

Mentre egli entrava in Gerusalemme, tutta la città fu presa da agitazione e diceva: “Chi è costui?». E la folla rispondeva: “Questi è il profeta Gesù, da Nàzaret di Galilea”.

30 ICONA-CRISTO-ENTRA-A-GERUSALEMME

.”Alcuni farisei tra la folla gli dissero: “Maestro, rimprovera i tuoi discepoli”. Ma egli rispose: “Io vi dico che, se questi taceranno, grideranno le pietre”.

ooo

Con la Passione Domine, o Domenica delle Palme, è iniziata l’ultima settimana del cammino umano di Gesù su questa terra che va dal trionfo alla sconfitta. Chiaramente una sconfitta apparente!

Bydif

per la cronaca:

-la Domenica delle Palme, ricorda l’entrata trionfale di Gesù a Gerusalemme ed è riportata da tutti e 4 gli evangelisti Luca, Giovanni, Marco, Matteo.
-La parola “osanna”, in ebraico ” Hoshana”, significa “salva!”. Poichè era costume gridarla al passaggio del re per chiedere il suo aiuto in caso di necessità, il popolo usò tale espressione per acclamare Gesù di Nazaret, al suo ” ingresso” nella città di Gerusalemme. In seguito, osanna è diventato un modo collettivo di consenso entusiasta a Dio.

-La celebrazione delle palme viene fissata in base alla prima luna piena successiva all’equinozio di primavera.

-L’episodio evangelico delle “palme” rimanda sia alla celebrazione ebraica di Sukkot, ovvero la “festa delle Capanne”, in occasione della quale numerosi fedeli arrivavano in pellegrinaggio a Gerusalemme per rievocare la liberazione dall’Egitto e i quarant’anni vissuti in capanne e tende, dopo il passaggio del mar Rosso, sia al Messia atteso che secondo la tradizione si sarebbe manifestato proprio durante questa festività

-In tale festa ciascuno fedele portava in mano e sventolava il lulav, un piccolo mazzetto composto dai rami di tre alberi : la palma, simbolo della fede, il mirto, simbolo della preghiera che s’innalza al cielo, il salice, quale riferimento ai fedeli, in silenzio di fronte a Dio. Legati insieme con un filo d’erba, quasi sempre al centro veniva posto l’etrog, una specie di cedro a mo’ di buon frutto di Israele per il mondo.

-La data della Pasqua ovvero il giorno della resurrezione di Cristo per i cattolici oscilla tra il 22 marzo e il 25 aprile.
-Per gli ortodossi invece tra il 4 aprile e l’8 maggio, in quanto utilizzano il calendario giuliano e non quello gregoriano come i protestanti e i cattolici .

Arriva il bufalotto!

bufalotto

Eh, si, con la luna nuova di stasera 11 febbraio, arriva il bufalotto, ovvero l’animaletto celeste che per credenza legata a Budda, in Cina e vari paesi orientali, incarna l’anno 2021 e in conseguenza fino al 31 gennaio 2022 governa e determina la sorte terra a terra.

Che anno auspica?

Beh, come gli altri 11 animaletti dello zodiaco cinese che ogni anno si avvicendano a guida della sorte, vaticina secondo le peculiarità di cui è dotato!

Sarebbe? Sarebbe che gli avvenimenti annuali saranno espressione della natura, categoria ed elemento del bufalotto. Vale a dire?

Vale a dire che…

in base alla natura: raziocinio, lavoro, metodo, praticità, concretezza, conservazione e tradizione saranno la cifra distintiva di qualsiasi attività o evento in terra.

per categoria, yin, femminile, lunare, ricettiva, di forza emotiva passiva: sentimenti, fecondità, armonia, introspezione, mutevolezza, discrezione saranno pulsioni e fulcro di fatti collegati. .

per elemento connesso al metallo, talune qualità come magnetismo, indipendenza, ambizione, tenacia, inflessibilità, fermezza avranno un ruolo di imput per azioni e reazioni di sviluppo e evoluzione.

Al dunque che anno prospetta?

Sinteticamente il bufalotto indica un anno di fertile prosperità e riscatto, bensì frutto di costante onesto lavoro, riflessione intelligente, quieta praticità e senso di ostinata sopportazione dei momenti difficili. Un anno di supporto al risanamento psico/fisico, di favore a svolte, personali e professionali, positive. A livello globale, emblematico di saggezza, armonia ed equilibrio, effonderà sentimenti più di calma e distensione che di belligeranza armata, da così spegnere sul nascere sfide belliche o comunque render difficile intenzioni di perseguire strade improntate alla violenza, all’attacco aggressivo, la lotta armata.

In particolare?

Beh, non è un animaletto che ama stravolgimenti, voli pindarici, bizzarrie, innovazioni, predilige il ragionare quieto e ponderato, i progetti concreti a breve o medio termine, l’azione costante, la riuscita meritata. Quindi dal bufalotto non v’è da aspettarsi facilitazioni, fortuna o comunque qualcosa che all’improvviso cade dal cielo e toglie le castagne dal fuoco. Anzi contare o affidarsi alla buona sorte come risorsa risolutrice alle contingenze che assillano, pubblico e privato, può rivelarsi un atteggiamento attendista pericoloso. Di fatto presagia un anno in cui ogni risultato ambito, individuale o collettivo, lo si consegue attraverso un paziente e consapevole sforzo fisico e mentale. Per meglio dire, un anno i cui risultati di progetti e mire, in ogni settore, possono essere concretamente notevoli ma raggiunti solo attraverso l’impegno serio e costante, e a volte pure silente e non confortato da immediate gratificazioni riconoscenti. Chiaramente il secondo animaletto del “cielo” cinese, messaggia che nel 2021 in qualunque ambito il successo arride laddove responsabilità, disciplina, iniziativa, onesta applicazione, rispetto a tutto ciò che è tradizione e spirito di conservazione è principio e fondamento di dialogo, collaborazione, azione pratica. Per cui, di norma è premiante, puntare i piedi in terra, concentrarsi sullalla realtà presente e dove si intravede la possibilità di vincere, o ottenere il massimo desiderato, lottare estenuamente per ottenerlo. Viceversa è regola antifallimento abbandonare illusioni di facile riuscita, sperare in scorciatoie, crogiolarsi in pigrizie.

Specificatamente quello del bufalotto è un anno di attiva energia fisica e mentale, stimolante l’abilità operativa accentrata al conseguimento concreto di obiettivi e progetti personali ambiziosi, nonché di vantaggio economico. Pertanto promozionale al convinto valore individuale nelle scelte lavorative programmatiche, utili al progressivo sviluppo dello status quo con garanzia di conquista dell’autonomia finanziaria. Contestualmente, in tutte le professioni, siano pubbliche o private, aumenta la consapevole responsabilità, la costante applicazione, la fermezza nel proporre le idee personali e il battersi con eloquenza brillante per affermare i propri punti di vista, a volte anche in toni accesi e qualora vi sia convincimento di ostacoli pregiudiziali pure con modi violenti. Ovviamente essendo un animaletto improntato a privilegiare la concretezza, incrementare input di attiva fattività pratica, in campo socio-sentimentale non promette strabilianti emozioni o fulminie attrazioni per tematiche o persone che possono coinvolgere e stravolgere la vita.Tuttavia, in particolari circostanze, data la sensibilità emotiva in incontri di singoli o gruppi può intercettare esigenze affettive e delineare considerazioni da produrre cambiamenti d’interazione sostanziali, nei soggetti maschili in senso protettivo, in quelli femminili di intimo attaccamento. Comunque, essenzialmente, orienta a migliorare il confronto interpersonale, agevola la ristrutturazione delle situazioni socio-familiari complicate. Inoltre, favorisce l’amicizia per affinità spirituale, l’intesa fra partner, mantiene in buona armonia i rapporti solidi, aiuta a trovare soluzioni concilianti per stabilizzare quelli precari. Nondimeno, in soggetti particolarmente vulnerabili, ricettivi al sodalizio, può sollevare diffidenze e accese discussioni, indurre reazioni contrarie a calma e logica con affrettate conclusioni di reciproci isolamenti. Nel complesso il bufalotto presagia un anno di allontanamento da gravi crisi e spettri di default finanziari, di lenta e progressiva ripresa di introiti per quasi tutti. Sicuramente un anno migliore, del precedente retto dal Topo che purtroppo, tra le tante buone prerogative da mettere a sorte ha scelto quella più nefasta.

Vabbè ma singolarmente che dice?

Dice che per tutti gli “animaletti” zodiacali, cioè topo, bue, tigre, coniglio o gatto, drago, serpente, cavallo, capra, scimmia, gallo, cane, cinghiale o maialetto, c’è un cambiamento positivo, in specie per quelli che hanno problemi di lavoro e soldi.

In dettaglio per gli animaletti? Nel prossimo post!

bufalo

Intanto col Bufalotto a tutti Happy New Year!

bydif

Cantastorie

cantastorie

stornellata de’ appolitica

L’appolitica l’è na cosa
che te canta una storia
e affà un’altra cosa
se ie te provi a contestà
te addice che nun se fa
addevi ammollà
e allascialla allavorà
se nun te avvoi dannà
se approvi a dì
che te attradì
te arrisponde nun è accosì
e attu volgo no poi accapì
l’appolitica nun è vangà
è na tattica de aggovernà
de anteragì co avversari
co frammischi e avvocaboli
e addecide pe i popolani
se avvoi accapì…
l’appolitica l’è n’arte
de aggorgheggià na storia
e pe potere affà un’altra cosa.

er politic 1

stornellata  de’ farlocchi

i appolitici farlocchi
se arriconoscono a vista d’occhi
accome fossero strangozzi
ammollati nello sugo
ca’ s’arruotano a fanfarozzo
e anvitano le ganasce
a magnà a sbrodalozzo
pe’ sollazzo de pataracchio
su a blusa accandidata
e straluno de lo popolo
che allovora allavora
e se strapinazza
pe appotè arriempi la panza
appoia ammiserello
ie attocca ammasticà
lo avanzo assudiciato
de appolitica farlocchia
addelegata da su allocco
udite udite
pe arriempì la su panza

er politic 2

Stornellata de cialtrone

lo appolitico cialtrone
ha li occhi a salvagente
la bocca a stornella
lu naso a ciambella
magna a ufo e ie strimpella
cheie assà assà
eie affa e affa
ammentre se trastulla
se gingilla se agghinda
e s’ arruota su assedia
come ie fosse na forcella
da acconcià la capitozza
a arresiste a li avventi
pe aggodesse lo briccone
lo fannullo su balcone
a scapitozzo de affatiche
de allacrime e de angustie
de no popolo secchione
gaglioffato da su esibizioni
co stornelli e appantomime
udite udite
cheio avrebbe assai assai
allavorato da affallo
arriposà su no soffice sofà.

cantastorie - Copia

bydif

E’ nato!

2

Esultate
gente d’ogni dove
Esultate
gente d’ogni colore
Esultate
dal profondo del cuore
E’ nato,
il divin bambino
luce
d’uman cammino
speranza
d’ogni rinascita
Esultate
gente d’ogni razza
E’ nato,
il verbo Salvatore
il Bambinello immolato
al mondo peccatore
Esultate
è arrivato
con la grande stella
a portare
amore su tutta la terra
effonder
perdono e salvezza
all’uomo meschino
Gioite
gente del creato
E’ nato,
lo sconfinato
è nato
Colui che fu
Che E’
Che sarà
Alleluia, alleluia, umanità
nella notte buia
è nato
Gesù
è venuto
a illuminar la vita
Esultate
gente d’ogni dove
e nel perdono amate

30

Buon Santo Natale a tutti!

bydif

Lu affucaraccio

focaracci

Assu assu aggente

avvenite n’proccessione

pe’ aggustavve lu affucaraccio

arricordo du passaggiu.

Assu accumpaesani e avillani

accurrite allu fucone

a scaldavve tutti aqquanti

lu addietro e lu addavanti

appoia…

aqquando se assaremo cuotti

ce ‘ffacimmo ascuppià li botti

e s‘asse  ‘asserata gliè biella

a lu suono deia organella

ce accanteremo la sturnella

ammagneremo la ciambiella

ecce ‘abberremo lu brul

Sèie avvece l’asserata

l’èiè abbrutta invernata

 c‘sgrullemo la tempiesta

co’ffumigata du sgargozzo

nellu fumo de su arruosto

M‘assu m’assu accompaesan

accurrete atutti aqquanti

a lu biello fuccaraccio

ne’ a notte du ‘ppassaggio

assia ie bei ch’a li brutti

ie appossino avvedè

e de rispietto assallutà

coe fazzie e gli ‘ccapuelli

lu appasso de Agnuoli beli

e co aggioia de’lumme de tizzo

arritorniasse aglie assù ca’

co ciccia ‘ppiena e cor cuntento

aspiettà li campanielli

degli addoni de’ Lusia

Assu assu accurete a’ggente

allu grandie fugarone

de annostro biel villaggio

attutti aqquanti ce attizzeremo

lu addidietro e lu addavanti

accussì daie artruvacce

aie affesteggià la’ vegnuta

de acceleste Abbambinello

co aggioia de’ ammore

‘ accuotto neia ‘nnotte d fucone.

loreto

Purtroppo quest’anno con coprifuoco e divieti di assembramenti niente focaraccio, suoni di organetto, e tanta sana allegria in compagnia. Tuttavia chi ha in cuore le tradizioni trova sempre il modo di non farle sparire, quindi in tempi di covid  attraverso un tam tam  digitale il focone è diventato una grossa candela accesa da tutti con l’intesa, in specie di chi era delle mie parti, di rispolverare l’antica filastrocca  popolare “lu affucaracciu deie uppassaggiu” .

2

In speranza di tornare alla normalità un buon weekhend a tutti.

bydif

…la filastrocca è in un dialetto umbro

La Notte magica

20190617_233805 modified

La notte che precede la festa di san Giovanni Battista, la più lunga dell’anno, per antica tradizione è considerata magica, di straordinaria potenza sprigionata dalle radiazioni astrali nel solstizio di giugno . E’ credenza che tale notte chiude la porta sacra e spirituale degli dei, e apre la porta profana e materiale dell’uomo,  per cui è la notte in cui all’uomo è permesso catturare energie positive per purificarsi e rinnovarsi, entrare in sintonia con gli elementi della natura per preservarsi da malanni, inganni, e sortilegi, scaricare al suolo le energie negative. Ovvero candeggiare corpo e anima per affrontare le fatiche dell’esistenza. Popolarmente si ritiene  che esporsi alla sua luce notturna toglie le negatività accumulate per gli incerti della vita, purifica lo spirito e ridona all’aurea personale la sua luce naturale offuscata o alterata da percezioni emotive catastrofiste, aggressività compresse, sentimenti astiosi con effetti comportamentali contrari all’indole. Inoltre è la notte in cui i raggi lunari impregnano ogni cosa di luce protettiva, erbe, fiori, acque, liquidi, pietre, cristalli, persone ecc.acquistano virtù straordinarie. Ogni cosa  illuminata dal satellite terrestre si carica di energie naturali benefiche,  sacrali e dal potere magico che  preservano tutto l’anno da fastidi e malanni. A parte ciò, è comunque risaputo che la vigilia della anniversario della nascita di S. Giovanni Battista, qualsiasi liquido, pietra, cristallo esposto ai raggi della luce lunare  assorbe magiche virtù e può diventare una vera fonte di benessere per ricaricare il fisico stressato o sotto tono psicologico, togliere impurità, sanare e levigare la pelle, ridare splendore agli occhi, ecc ecc. E’  anche  noto che è la notte propizia a  riti per attirare la buona sorte nel lavoro e nell’amore, esaudire desideri, soddisfare bisogni temporali ma pure dove bene e male si contrappongono.  Infatti nell’immaginario collettivo questa notte è legata tanto ai riti scaramantici-purificatori come falò, bagni di guazza, in acque limpide, fontane, mare, lavaggi con acque alle erbe e fiori, quanto a quelli rituali sabbatici-satanici come raduni di streghe, satiri , maghi, cultori dell’occulto diabolico, intrisi di musiche particolarmente eccitanti, danze sfrenate evocative di sacrifici, patti, magia nera e rossa.

Ma il vero prodigio di questa notte  è che funziona come un capodanno cosmico in cui dopo un capovolgimento caotico il cosmo si rinnova e ricrea attraverso gli elementi primordialil di luce e calore.  La “ magia”   sta racchiusa nei  simboli di purificazione e rigenerazione per eccellenza, cioè acqua e fuoco. Per cui a livello pratico iI difficile   sta  nell’incrociare le virtù benefiche di guazza e falò! 

46 20190623_152215

Felice guazza di san Giovanni e che  in ognuno di voi asperga la sua benefica magia.

by dif

Festa Sacro Cuore

s c

Con la Solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù, oggi si festeggia l’amore misericordioso del Salvatore, simboleggiato nel suo Cuore.

s cuore

La devozione al S.Cuore di Gesù, celebrata per la prima volta in Francia, probabilmente nel 1685 ma devotamente già praticata nel Medioevo,  ebbe un grande impulso attraverso Santa Margherita Maria Alacoques allorchè ebbe rivelazioni private da parte di Cristo , che IndicandoLe il suo cuore  le chiese di propagare la devozione e di far istituire la relativa festa al Suo  Sacro Cuore. Da ciò, successivamente, Papa Clemente XIII diede alla Solennità del Sacro Cuore di Gesù un orientamento: nuovo, cioè espresse che il giorno di festa devota non doveva più essere soltanto un’amorosa contemplazione e adorazione del tanto amato Cuore di Cristo , bensì anche un momento di riparazione per offese e ingratitudini ricevute oltrechè di riflessione profonda sulla misericordia amorevole verso gli altri. Invece,  l’universalità della festa del Sacro Cuore si deve a Papa Pio IX in quanto nel 1856 l’introdusse con data fissa  al terzo venerdì dopo Pentecostene nel Calendario liturgico della Chiesa Latina. In seguito  della riconosciuta universalità devozionale  sorsero un po’ ovunque  molte cappelle, oratori, chiese, basiliche e santuari dedicati al Sacro Cuore di Gesù. Inoltre tutta una serie prolifera di immagini più o meno artistiche raffiguranti il Sacro Cuore fiammeggiante, quasi sempre posto sul petto di Gesù che lo indica agli uomini. Sulla spinta dei fedeli di tutto il mondo  iniziò anche  la pia pratica del 1° venerdì del mese con la supplica di intercessione misericordiosa al Cuore,  vennero composte le Litanie del Sacro Cuore, tutto il mese di giugno fu dedicato al suo culto. 

Ma qual è il significato di questa festa?

È onorare cristo e il suo cuore colmo di grazia, dolcezza e comprensione all’umano.

Come?

Concentrando lo sguardo sul Cuore di Cristo perenne fornace ardente d’amore capace di bruciare il male e infiammare la fede del bene verso la Santa volontà del Padre con vera convinzione. Come dire essere con Cristo in tutti i momenti difficili dell’esistenza terrena e in quelli più tremendi e sgradevoli ancor più, per dire fiduciosamente come Gesù sulla croce :Padre, non come voglio io, ma come vuoi tu”.

sacro

Sono molto devota al SS.Cuore di Gesù e fin da ragazzina mi rivolgo a Lui con fiducia per trarre forza quando la speranza o la fede  vacilla. Spesso mi vien spontaneo ripetere: “Sacro Cuore di Gesù non farmi mai mancare l’energia  per reagire alle avversità e fa che io ti onori e “t’ami sempre più”

bydif

Pane di vita

ostia

“Io sono il pane vivo disceso dal cielo.”

La solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo, meglio nota  come Corpus Domini,  celebra il grandissimo mistero dell’Eucaristia ” il pane vivo”  promesso da Gesù a Cafarnao :“Io sono il pane vivo disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno;e il pane che io darò è la mia carne, per la vita del mondo!” e da come si legge in Gv  tanto sconcertò  seguaci e giudei. “Come può costui darci la sua carne da mangiare?”ma a cui Gesù allora ribadì con: “In verità, in verità vi dico:se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue, ha la vita eterna ed io lo risusciterò nell’ultimo giorno, poiché la mia carne è un vero cibo ed il mio sangue è una vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me ed io in lui!” . Poi,  ciò che aveva annunciato a Cafarnao, cioè la promessa del “pane vivo” Gesù non solo la riconferma nell’ultima cena : “ prese un pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo:“Prendete e mangiate: questo è il mio Corpo! Prendete e bevete: questo è il mio Sangue! “mantiene anche la promessa ” sarò con voi sempre, fino alla fine dei tempi” e   istituisce il Sacramento dell’eucarestia fate questo in memoria di me. 

Come detto  la solennità del Corpus Domini celebra il mistero dell’Eucarestia.  Il più grande dei misteri . La presenza di Cristo nel santissimo sacramento? Difficile da comprendere con la razionalità! Soltanto l’intelletto che accetta la parola di Dio con fede accetta il  Cristo presente nell’eucarestia. Un Cristo presente sia in corpo che spirito una presenza reale fonte  di unione profonda, di intima relazione  del suo esistere in comunione con ognuno di qualunque generazione.  Vale a dire, Egli in ognuno e ognuno  in Lui.  Non è mica  facile contemplare il Santissimo  e  diventare una cosa sola  con Gesù! . Già, ma   neanche è  facile percepire la complessità del l’incarnazione. Quindi anche se non è facile comprendere che pane e vino diventano Cristo stesso  l’importante che ” l’ostia ” , che si adora o si riceve,  sia rispettata in tutta l’interezza. di fede nel   suo mistero di “pane vivo disceso dal cielo”

c d

Una festa del Corpus Domini a tutti!

Bydif