La storia non finiva lì …

…la storia non finiva lì perché come se addice “uno sposo morto se soppianta con altro vivo”!

...

Ininfatti, il secondo amor iniziò così:

Squagliatosi al solleone il connubio de sposetti, capetti de contradaioli de gialli e deverdicchi, per partenza precipitosa de consorte, addivenuto assai conosciuto per su modi poco raffinati ma assai efficaci per attirar fanselfie, stufo de troppi ni de altro sposo, suggestionati da propri cortigiani bastian contrari al coadi§ de menage passionale, eppoi, nel gaudio de annemici de connubio e de astiosi de accolorazione der palazzo apparlamentato, brutalmente inabissato dal gran maggiorduomo decasa addivenuto da fideiussore super partes a killer insolente partigiano de consorte ammollato…

1

l’ammollato nun se piagnucolò all’inabissamento der partner, prima se stette imbalsamato a sentì er linguacciamento divorzista de maggiorduomo ormai ex garante de unione e assai anelante de addivenì er boss de combriccola de su contradaioli…

2

poi, co’ occhietti anneri de tristizia se agguardò intorno pe’ avvedé chi appoteva allettà a rimpiazzallo nell’alcova e fa ammorì d’invidia il fedifrago, nun fece manco a tempo a scrutà che se avvide spuntà uno “bravo ragazzo” a falle da “ruffiano” per rimpiazzo …

3I contradaioli assaputo che lu “bravo ragazzo” je affaceva da ruffiano pe altro connubio, da nun fallo arrestà solo soletto e addovesse lascià casetta acconiugale e arriandà a chiudese ne su salottino a piagnese l’inaspettato distacco dallo suo amato accontrattato, ie scoppiarono de strabiliamento e addicerie da fa impallidì er bel paese e tutti i contradaioli asseduti ne poltroncine der palazzo apparlamentizio, solo i contradaioli rossi che s’oddiavan tanto il fan-successo de sposo dismesso da avvegliene scaglià tante ma tante de malignità, se misero con puoca decenza onorevolizia a esultà …

4

apperò, pe accasallo de nuovo e potè ripitturà er gran palazzo parlamentizio e accede alla dimora agguvernizia, scuvato lo sposo ce avvoleva lu consenso der Supremo, accussì se riannò ar Su gran palazzo abbandierato addiglielo alchè…alchè se riattrovò a addovè risuolve er dilemma cromatizio…

5

er Supremo prestò orecchio alla aspirazione de connubio ma da assennato, prima de addì de si a un altro accoppiamento strano, e accollasse l’ire deje volghi de mutamento tinteggio e stravolge l’ aspetto ambientale urbano, pe’ apprudenza acconvocò tutti li vari apparientati da cumprende se er desiderio jera una ammira vendicativa per smogliato traditore o no annelito accuppiamento pe appassione aggenuina…

...rebus cromatico

Ascoltolli nun capì manco se i due s’eran scoppiati e quali altri due volessero coppiarsi… abbensì accapì bene bene che nissuno se avvoleva smollà da poltrona elettizia e annà a poltrì sul divanetto de casa e accussì apperentò a capetti de contrade  de tornasse tutti a chiarisse….

6queie se parlottarono, se dissero e se appregarono tutti li santi protettori de sfamamento de poltronisti e…e con grandulo assollevamento de ex maggiuordomo de estinto sposalizio che pe affasse ariannonimà de notte supplicava li santi e de giuorno se affaceva vedè estrangero addovesse riassedè na pultrona …

7

e muanco a dillo te je se ammisero d’accordo de riputturà er palazzo de giallo arrossicino da faje ribrezzo pure al minchio che ne avea accossì tanto de lor rimpalliasse ingiurie che avuto lo reddito se addorme sotto er pino e…e fa schizzà alle galassie quegli che chiedevan de obbligo riconsultà il populino e se addovevano soddisfà de stasse a presenzià al misfiatto…

8

 Lo supremo che già aveva accapì che aspiranti sposi, cortigiani e servitori de er palazzo che tanto se jeran derisi e avvituperati pur de restasse comodi a poltrì ieran pronti a vendese l’anima al diavolo, figurasse se nun se accordavan de addì de amasse tanto da volesse a tutti i costi accasà, riconsultolli altro nun ebbe da appotè addi che: “ vabbò..se ve avvolete marità e vostri parentadi ve aiutan attrovà la chincaglia che ve serve pe acchittarvi e iavete già lo “ gran maestro de servi de er palazzo de menage…nun posso addi de no …

9 1

cussì,  lo infatuato, pe’ arruffianeria de bravo ragazzo, se accomunicò a tutti li suje sponsor e a tutti quegli altri, che lo stevono assentì, co tutti gli arnesi pe appotè addivulga quelche jeva da dì, che seja innamurato e se ammaritava co l’ammollato…

9 -2

acciò, er palazzo parlamentizio se riaputturava, e…e anche se a qualcchedunno nun je stava aggigia o no’ se appotea pacificà de tanto oltraggio a lor sientimento e vista, de assalvà la poltroncina che jassicurava aje du’ invaghiti e a na masnada bighellona e bugiardina de fa ancor la bella vita, iera meglio che se accontinuassero a sgobbà e tirasse la cinghia e zittarelli,  se addovèan surbì er connubbio artificioso pe avvolesse mantenesse in vita…

10

jappoi dietto, cu tromboni, fanfare, ultrasuoni creditizi extraurbani de accompiacenti a ritinteggio pe mantenè trippa a sorci de cantine e arrifornì de salvagente i croceristi de galà, scampanielli de contrari a infamia de accoppiatizia fasulla, con gran sfoggio de gallicismi de gran chef del riuso, estasi de maneggi de rimpiazzo, lacrimotti de languidi de apprimo innamuoramento, se accelebrò l’inconsulto connubio…

11

acchè, lu giovinotto appromotore de idea de rottura ammourosa, adije sue, appiù addovuta a screditizia ripicca de fidejussore stizzato pe avvedesse traballà le su essibizioni da assuper professuore de menage der palazzo, che da avviero addesiderio de core de accoppiato, nu partecipò ar galà, dejo ammor spuntato pe’ ammore assuo ito, se annò a studià…

12

accelebrata l’unione de rappezzo a ammore affulminato da saetta de tempesta canicolare, i nuovi ridipintori e er massaio, de comando de tutta asservitù, de galoppo se acconciarono ner palazzo strombazzando a li contradaioli estrangeri aio accomodo de pecunia de esse i migliori capiscioni de truogoli nunziali, accusì bravi da appotè far strabilie daffà esultà le panse de du accasati, der prode giovanotto de ruffianeria e deje ippocriti magna ufo che daje poltruoncine jie strizzavan gli occhietti de sollievo…

13

assoprattutto co a loro super laccatura farlocchia der palazzo sponsale te affacean ammorì de tormento li grulli contradaioli apprimi pitturandi de nozze squagliate dar solleone per avvernice difettuosa e dajo assurriscaldiamento de aggiovine capoccia

14

mianco a dillo, er primario felicetto de unione strampalata, pe’ no addì reietta a sani intelletti, iera er massaio manutengolo der maneggio de asserviti ar palazzo de new cromatizio acconiugamento, ex borghesuccio perbenino, ex fideiussore de nozze e appituramento der palazzo acconiugale, ex maggiuordomo de menage sposetti e alloro cortigiani, ex super parties de contradaioli giuallisverdi, ex avvucato de tutto er populo estrangero a andazzo der palazzo, che appalestrato de muscuoli parlantizii se assentiva er sommo pio doctor de new story…

15

ma l’appiù aggiulivo de matrimonio jera lo giovine de ruffianeira, che affà accoppià l’ammollato, co no contradaiolo uno pochetto restio ma accovvinto da artri de su apparentado rifornimento rossicino, javeva realizzato il su sogno acrobatico de capetto de no manipolo de accoliti…

16

ininvece ar beffato da ammor arruffianato, pe ammantenè affarucci, apprivilegi e avvestisse da arristocrattici ummanitari addifensori de trippe puopolari, no’ altro je restò che sloggià dar palazzo e assedesse co’ su contradaioli suje strapuntini de piccionaia agguardà amorasse li du acconiugati e aggongolà de boria er bismaggiorduomo pe avello gabbato…

17

ma…ma accome se addice…nu’je tutt’oro quelche ar sol arluce…

18

ininfatti…nu passiò mianco na mesata da mariage arruffiano pe accompassione de animella spaessata che se avvede la star de arruffianamento accambià avvestimento miesso pe alloccà i contradaioli e affasse li fattacci sue, rimiettese li su veri panni…

19

apperò arripaludato co su pannetti je se cade la maschera de filantropo de riapitturamento der palazzo sponsale e attutti je se fa chiaro lu ambiguo suo, de no esse no nobil altruista. de cori attraditi…

20

tantoleje che pe fa accapì acchì ancor acchi nu avesse accapì la su strategì, assubito te accomincia addì cosette da aggità le acque de sposetti e lu capo massaio der palazzo da sembraje che avvolesse assubito falli annegà…

21

eppoje pe ancoppiù stralunaie e accoronà la su voja sproppuositata de star de magic successo e aggiocasse le su carte se arriaccambia avveste…

22

riappaludato daje maghetto illussionista de appolitica cheje te se affantasma su le piazzette de a ttivì te addì de avvolesse scongregà da li contradaioli rossicini truoppo mortaccini peje li su gusti e fundà na congrega de evvivi senza apperò addì de mirà a depredà le arriserve de’ altri …

23

e acchì…acchì accomincia na storia de smaneggi e de smanovre  e affà addì che te  cumpromette lu menage elli acconiugati de new ammor appoco se appotràn aggoder de astarà addormì ne accomoda alcova…

24

lu capo massaro der palazzo, sibbiene “elevato” a illuminato de cieli stellati e  deje arristoccrazie mantelluate de continiente estrangere a lu su poppolo, pe arrestà accapo der palazzo de menage se addeve assaje zampettà…

25

lu sloggiato da alcova, ininvece co tutto lo gazzabuglio se appò arricomincià a dasse daffà a ammoreggià pe arricconniugasse…

26

apperchè, come addice lu savio  “nea pollitica quillo che je se vede nun è ammai quillo che se frescura, je quillo che se arrivede e se attorna a ventura…

27

er populo? Er populo saaggià che l’ammur ven e sva  accussì la storia se accontinua ”

bivi

si tratterà di aspettare…poco…

bydif

Ridere fa bene alla salute!

Amor che va…amor che viene…

Il primo iniziò così:

Al bel paesello ci fu un adunata per stabilì di qual colore si dovesse rivestì er palazzo de combriccola parlamentizia sennonché, alla conta votaiola, venne fori un dilemma cromatizio…

1

Il Sapiente capo del paese per scioglie il dilemma de come potè accolorà  er palazzo senza addovè scontentà assentì i capetti de vari contradaioli…niuno se voleva rinuncià al su tinteggio e ci fu un gran pour parler a vuoto finché, finchè in un giorno di tarda primavera, a 2 scaltri giovinotti, caporioni contradaioli dei giallini e verdini, venne un ideuzza audace …

2

Confidarono l’ideuzza al “Supremo”  sapiente capo de’ tutto il bel paese acche Glie apparve una ideuzza ardita ardita ma nun mostrò de scandalizzà se i due, tanto diversi pe’ stile e opinione, se volevan accasà e se addoeva appitturà er palazzo co’ lor colori bensì …3

…bensì pe’ sta convinto de affidaGlie la “casetta” apparlamentata de matrimonio co’ dispensa e tutti i “servitori”e fa tinteggià er palazzo bicolore se addovevano attrovà uno ” fideiussore” de connubio ..accussì i due “infatuati” pensa pensa scovarono un pallido perbenino…

4

lo presentollo al “Supremo” che  interrogatolo, pe’ accapì se era convinto e adattino a gestì a “casetta” e mantenè armonia tra i due innamoratini, er pallido, con timido garbo, glie se qualificò “avvocato de popolo” utilizzabile a fa’ avallante de “sposalizio” da risultaLLe conforme…

5

Dopoaddicchè, nell’ incredulità de’ propri contradaioli e de quelli annemici s’annunciò ar popolaio, in attesa de sapè de qual color se appitturava er palazzo, il matrimonio dei due “spavaldi” giovani tanto infervorati l’un dell’altro da fregassene de’ vespaio che suollazzavano…

6

Partiron gli inviti agli amici cari, quelli nun se fecero pregà a far brigata e partecipà con fanfara a le “nozze” officiate dal Supremo e “canonizzate” da perbenino “fideiussore” accreditatosi avvocatuccio de tutto er populino…

7

Convolati, i due sposetti asseguitati da parenti stretti e da pallido perbenino garante de lor “matrimonio” felici se istallarono nella “casetta apparlamentata ”de fresco riappiturata de giallo e de verde da fa sbatte le orbite tanto nun se appotea avvedè e pe’ togliese ie assilli e cincischie se affidarono le “chiavi” de dispensa de menage al perbenino.
f

e pe’ fa rosicà certuni invidiosi i due attalamati se facean avvedè che s’amavan e s’amavan e eterno connubio se giuravan.. .
11

e..E per non annoiasse ogni tanto se sfidavano da addivenì assai popolari e coinvolge sempre più fan a partecipà con euforia a loro schermaglie acconiugali che apperò se concludevano sempre a pareggio in modo che niuno de’ du’ potesse addì d’esse er vincitore da sfrigellà la sensibilità dell’altro a portà rancore…

9

Intanto che i due se giocavano a rimpallasse de sfide e de amor il “ fideiussore acconventicola “ elevato a “maggiordomo capo super partes ” de nido passionale ne le or de riposo  se svagava  a palestrà  er fisichello e allenasse a mutà a bisogna de menage  er cereo faccino… 

10 fisicato

I delusi del connubio, mentre i due se facevano sempre più avvedé de esse tanto tanto in sintonia de contegno e de ragionamento accoppiatizio, senza alcun ritegno insultavano e schernivano, e pe fa’ allitigà la “coppietta” se presero de mira uno de due da accanisse addiie de tutto e pure a insinuà de viaggià de straforo su…

11

Ignari i due sposetti sempre più sommersi da fan de lor giochetti concorrenziali continuavano ad amasse e pe’ animà le tifoserie ogni tanto se rimbeccavano  ..

13

Nel rimbecca rimbecca un acconiugato dava l’impressione de esse piuttosto abile da attirasse più ammiratori e suscità in alcuni fan dell’altro qualche malumore ma l’amor era florido e in alcun modo il popolar divario turbava la relazione….

di m sal

Poi..poi un giorno chissà come chissà perché a uno dei due sposetti accontrattati con garante super gli venne un…

13

L’altro lo guardò stralunato come se avesse masticato na foglia de cannabis e lo rassicurò che il su sospetto era insussistente nondimeno il dubbio rosicò rosicò e se trsformò in …
14

Attuttavia il menage continuò e s’arrivò a un giorno in cui i vincolati se trovarono a biforcà..
17

però senza assapè che il fideiussore elevato a Maggiordomo de menage sponsale se stava a meditasse in omertà …

18 frodè

Appresso al biforcamento lo sposetto sospettoso s’ agitò, in solitudine se questionò e se determinò de ammollà l’altro e attornà single…

16

 Il su concludere trapelò nel parentado e emerse su social parlottai… scompigliò l’ agorà e costrinse il “monarca” a parlà con gran felicità de un bullo che abiurato da contradaioli e notabili de piazze aspirava tanto tanto a tornà in auge…

17

Il capo maggiordomo super partes e i parenti allividiti da su decisione de smaritasse se cospirarono de fa na mossa pe’ affossallo all’opinione convittrice e rivoltà i fan sostenitori a giralle l’esaltazione in derisione…

18 (2)

Poi il pigionale super partes auto-attolettato da gran “maestro de palazzo” se andò a specificà a tutto il parentado che i due accasati se stavan a tornà single…

22

.da uomo intemerato de alto profilo fideiussorio nun stava a rimorchio de amore esaurito …

23

e pe avvalorà su tesi de esse ormai blasonato pedagogo de manovre de corte appaltatrice de cori… imputò tutto il “peccato” a un solo ammogliato e con poco onore de rango nobile scaricò una botte de contumelie sull’esplicito aspirante single…

24

Realizzato il su approgettato, de “ammazzà” aspirante scapolo co’ na gragnola de offese attirà simpatie de contradaioli nostrani che nun avevan mai smaltito la frustrazione del connubio e de astuzia quelle extra-bandiera, il fideiussore col petto in fuori, fiero de avé screditato il ”nefando” snamorato e avé attirato i pronti a usurpallo e quelli risoluti a segregarlo con ignominia, annò dal supremo a riconsegnà le chiavi de ormai cassato nido idillico…

25

così… siccome spesso l’apparenza abbindola e la realtà nun è ugual al sogno…

images (6)

l’unione dei due accontrattati con tanto entusiasmo accasati nello stupore canicolare l’ira de quegli che avvedevan vacillà la confortevole sediarina, il panico de quelli che con il “divorzio” glie chiudeva la bottega de approvvigionamenti e anche il gran fremito de gioia de quegli altri che invece se adocchiavan de riaprì la disputa de tinteggio de gran palazzo parlamentizio e de appotè cambià appituramento più de loro gradimento, l’unione s’ammorì…

fine amor

…ma la storia non finisce qui …

bydif

.

Un po’ per burla un po’ sul serio

Scattografico di governopoli contrattopoli gialloverde del cambiamento!

governopoli 1

???

Per la filosofia cosmica, una vita che nasce riflette una corrispondenza sincrona con le qualità di quello istante che guideranno la sua intera esistenza. In coerenza, il simbolo “registratore” del momento della vita è una sorta di traslato scattografico della realtà interiore dell’individuo, connesso a potenzialità e scabrosità dell’ attimo stesso che ha luce. Di logicada tale “identikit” della coscienza intrinseca dell’individuo,  emerge la specifica delle prerogative motivazionali primarie che determinano la linea di criterio nella progettualità personale e accessoriamente in quella pubblica. Secondariamente è relatore delle caratteristiche di moto e metodo di azione del concretare. Per cui l’immagine archetipica, talvolta metaforicadel “segno” di nascita rimanda a un insieme di informazioni, di contenuto; cioè a un significato referente. In altre parole, indica il peculiare di base del campo quantico che al momento della nascita plasma la personalità. Di effetto, è dalle immagini, simbolo di riferimento di nascita, che si decifra la vera sostanza  che esprime in forma materiale ognuno, nonchè i perché che muovono la sua sensibilità psico-istintuale a procedere in una o in un altra direzione e specifica la conclusione sul chi è e cosa concretamente c’è da Lui o Lei aspettarsi.

Detto ciò… in analogia al pensiero cosmico orientale, la governopoli gialloverdina, nell’identikit  in alto, ha le singolarità di: 1 capretta, 1 lepre,  2 bufalotti, 2 draghi,  2 scimmiette  3 tigri,  3 topolini, 3 cavallini,  3 maialini …

governopoli 4

nel mentre… in analogia al pensiero  cosmico d’occidente… la governopoli contrattopoli gialloverde del cambiamento  ha quelle di:1 pesce,1scorpione, 1sagittario, 2 bilance, 2 capricorni, 2 arieti, 2 tori, 3 tigri, 3 granchi, 3 gemellini…

woow…che bel mescolio! meno insolito di quel che dicono…

però..sta governopoli giallo verde del mutamento scattografata “quanticamente plasmata” una domanda la suscita:  rimarrà un bel connubbio  elettorale extra…o…o …

Beh…

A livello  individuale, sia nell’uno che nell’altro caso  molte “teste” indicano potenzialità di forza, scaltrezza e diplomazia che fanno ben sperare…invece…in azione collettivo… umm… peculiarità che cozzano  fanno assai dubitare  su continuità pacifica e  compattezza idealistica.

Sarebbe?

Sarebbe che in caso di forti divergenze, le diverse nature aggressive, focose, o scalpitanti  degli “animaletti” si manifestano e prevalgono sulle docili, concilianti o accorte, l’intesa si altera,  l’accordo gialloverdino vacilla,  contrattopoli si rompe.  Di sicuro … una bella lotta !

gover modified

per chiarire le corrispondenze:le “teste” gialloverdine abituali:

governopoli 2

opperò…a confrontarle con quelle “celesti” …vien spontaneo  chiedersi…

Conte…primeggierà sputacchiando fuoco  o sferzando  la coda leonina a vuoto …

Giorgetti…punterà le staffe o  mirerà al bersaglio e  centrerà il traguardo…  

Salvini … nuoterà da elegante delfino o  annasperà  da bufalotto pesantino

Di Maio…manovrerà da tigrotto aggressivo  o da bel granchio   riflessivo… 

Bonafede …volerà da  drago  focosetto o ripiegherà da granchietto 

Tria…un bel sornione  svicolatore  o un abile  diplomatico assestatore

 la Bongiorno…trotterà da cavallo di razza o pasturerà  su montagne di carta…

Trenta …si esibirà da  capretta belante o le sparerà da scaltra lungimirante…

Erika….grugnirà nei campi di grano o  si diletterà ad ammucchiare  granchi 

la Grillo…una leprotta agile o una stazionaria umanoide  sfuggevole  …

Fontana…salterà  curiosetto di ramo in ramo o si scornerà nell’arcobaleno

Centinaio …pungerà velenoso o grufolerà tranquillo di aia in aia

Bussetti…aggredirà  chi non sa o pacificamente istriurà le capoccie dure

la Lezzi…scorrazzerà da  lesta topolina o si impunterà da  cocciuta torella

Toninelli…da tigrotto e leoncino la penserà sempre  in modo aggressivo

Bonisoli…un bue lento o un capricorno arrampicatore scattante 

Costa…si scontrerà a cornate   o ripiegherà saltellando nei prati…

 Moavero…uno scalpitante puledro o un pigro leone al sole straniero…

Fraccaro…bazzicherà astuto di frasca in frasca o  si rifugierà sui picchi invitti

Savona… un veloce scansa insidie  o  un fine giocoliere di casse piene…

 Comunque si comporteranno… le “stelle” non mentono mai…!

Notteeee .

governiepoli

Bellini neh i gialloverdini !!!

by dif

Notteeee .

 

 

Pitocchi, Picari e …azzardo

Tra i giochi popolani di strada spicca quello dei Pitocchi e Picari. Cioè un gioco d’azzardo, astuto ma fondamentalmente non malvagio, escogitato da furbastri e destri “bricconi”, con scarsi mezzi finanziari, per incettare col trucco soldi. Il gioco è ben esemplificato da un quadro di ignoto caravaggesco che illustra due scaltri “figuri” mentre mostrano il gioco dei bussolotti.

...

Il gioco, noto come” gioco dei bussolotti” è millenario ed è il primo gioco a trucco e non di illusione di cui si ha traccia documentale. Risale all’antico Egitto e la si trova in una pittura murale all’interno di una tomba del 2500 a. C. , in cui si vedono raffigurati due uomini inginocchiati che con 4 recipienti, simili a ciotole, sono intenti ad eseguire il trucco dei bussolotti. Molto in voga nel ‘600/ ‘700, il gioco dei bussolotti o campanelle, in Europa bicchieri di rame impilabili, è ben conosciuto anche oggi. Infatti, Pitocchi e Picari, di solito muniti di tre bussolotti o campanelle, e una pallina che iscenano, per le strade e nelle aeree di sosta, una dimostrazione per alloccare i creduloni a scommettere bei soldoni, se ne incontrano in ogni parte del mondo. Ovviamente, a chi abbocca alla loro  lusinga  e convinto di fare un ” affare” redditizio scommette con loro, non sa che gli astuti picari, sposta qui, sposta la i bussolotti, con abilità pari a maghi o prestigiatori,   truccano il gioco,  si intascano i bei soldoni, e lasciano il malcapitato a mani vuote.

“IL NOVO ET PIACEVOLE GIOCO DI CARICA L ASINO “

Immagine - Copia

Spulciando fra i giochi d’azzardo v’è  il ” CARICA L ASINO “ Consiste, in un tabellone di caselle con al centro raffigurato un asino e due personaggi e la scritta io carico” ho scaricato “. L’asino rappresenta la “puglia” cioè il detentore dei sacchi pieni di quattrini. I due personaggi rappresentano gli azzardatori, ovvero i giocatori che, affidandosi al puro caso, scommettono di riuscire a portar via tutta la “puglia”, i denari  dell’asino. “Ciascuno metterà su quel tanto che gli parerà et a chi toccarà .. tirerà poi cercherà il punto/…/quel tale giongera quatrini/ …. /et le riffe di sopra tirano quel tanto che /… /leva tutti i denari…

Alla fine?  Beh… Par chiaro,  i due ” azzardatori ” tira qua, tira la, insistono e insistono e ” l’asino” è costretto a cedere  gli agognati  quattrini!

” PELA IL CHIÙ” 

pelailchiv0450l

che … venuto in luce adesso / …./ Ti potrai tratener tal hor con esso / Ma non ti pensar che si consenta / Giocar per vitio che no(n) te concesso” . Illuminante neh!

“AL PELA IL CHIÙ ” è un gioco simile a “CARICA SCARICA L’ASINO”. Bensì, al centro, al posto dell’asino, presenta le figure di due civette incoronate, tra le quali, senza alcuna relazione con esse, è indicata la combinazione vincente: 6-6-6, ( umm, ummm, combinazione  piuttosto diavolesca ) che “tira honoranza (da) tutti”. “AL PELA IL CHIÙ è infatti  un gioco d’azzardo in cui si corrono rischi e pericoli con effetti finali assai poco onorevoli e alquanto rovinosi, ben spiegati “Con sei quattrini un pezzo alegramente / Poi stare, e tener un spasso d’eccelenza / Ma... perchè sappi il tutto intieramente / Del gioco ti dirò la continenza /…”Come hai trovato il po(n)to che fatt’hai / Guarda quella figura ch’ e li dritto / E second’essa ti governerai / Perche quel ch’ai a far troverai scritto / E s’ haverai da tirar, tu tirerai. / S’hai da giocar ancor starai al ditto / Chi . tira vuol dir.  paga o’gionta / E il numero di quelli poi si conta”;; “Quei che nel fine il ponto scontrarano / Come a farina tirano i denari / Con l’honoranza e quei che più farano / Giontano sin che al numero sien pari; / E la meta le riffe tireranno. / Del gioco sempre e acciò che siate chiari / La riffa de diciotto l’altri avanza / Tira ogni cosa et anco l’honoranza.”

Certo è che in questo gioco se il diavolo ci mette lo zampino…l’onore va a farsi friggere!

Altro gioco interessante ma assai pericoloso è “COGLIERE IL GUFO” in quanto non è un gioco di percorso, con un inizio e una meta finale ma si affida semplicemente all’azzardo :“chi fa raffa di disdoto vince il gioco et la honoranza se vi e il patto” a destra: “il punto ritrova la sua stanza et si (o)sserva quel che dice la letera”

Embè… quando si azzarda…. chi sa dir se alla fin  si può o no pentir!

fc1

In conclusione: rischio e azzardo fan parte della vita. Pitocchi e picari che furbescamente lusingano con miraggi di mirabolanti promesse di “vantaggi” ci son sempre. Giocarci non è un male. L’importante è aver ben chiaro che nell’azzardo ogni calcolo di risultato è assai precario e scommettere con un Picaro, se va bene ci si rimette soldi, se va male…. ci si rimette la faccia!

Buon gioco a tutti!

 Bydif

………..

qui sotto le immagini originali  che ho prese a “prestito” dal web per i fotomontaggi. grazie.

07scarica l'asinopela-chiu-roma-rossi-xvii-secolo-260b090b-0e26-4387-a50e-bb0531da9979

 

GIGGI & MATT

Giggi & Matt: fotostoriella di due giovani Intraprendenti, opposti in tutto,  notoriamente nemichelli è iniziata una domenica marzolina, allorquando si incontrano  per caso  davanti al luna park votaiolo dove sostavan un gruppetto variopinto di altri giovinastri del paese giunti per sfidarsi al tiro alla carambolvotina.  Un po’ per divertirsi un po’ per ammazzare la giornata  e un po’ convinti d’essere più abili a tirare e centrare il bersaglio, tra occhiatine e mugugnetti, Giggi & Matt decisero di aggregarsi ai contendenti la vittoria al votaiolo. .. e…

1 grossa

…Tira che te ritira, a sera ci venne un polverone che non si capiva un accidente chi aveva più punti  di vantaggio da scatenà una suspense  da parer ai fan che  i giocatori scoppiassero come palloni stragonfiati. A un tratto, qualcuno dall’autoparlante annunciò che alla conta dei centri non c’era un vincitore assoluto da dargli un premio tuttavia, Giggi & Matt,  eran quelli che ne avevan accumulati più di tutti.  Oh, uh, ih.intorno se sentì. Poi ce venne un silenzio  da allucinà. e tutti se misero a guardà  Giggi & Matt. I due super euforici se strizzarono l’occhio come a disse: eh, eh ‘ barucculando e intortando è andata alla grossa. Che ce frega de fa piagne, e se misero  a cantà ho vinto, ho vinto ullalà.

2 vi guardo3 un-amore-all-improvviso-

 La notizia della lor parzial vittorina  allarmò un pochetto il Gran signor del colle vicino garante della carambolvotina. Se disse: oh, col populin ce san fa Giggi & Matt. Meglio  se sto a vedè se questi vogliono intortà pure me…Accussì se mise col binocolino a spià i lor gorgheggi. Ma…Sorpresa delle sorprese!  Non si sa come e perchè glie sembrò che i due giovinotti non eran più nemicelli intortarelli de paesani ma innamoratelli. Uh che sollucchero fu l’amoruccio fra Giggetto & Matt per i scribaioli del paese!  Ognun se mise a dì e a congetturà:e or cosa succederà se i due non son più nemici? Se amano per davvero o se son accordà per intortà tutti i fan paesan? Dilemma da scienziati ne uscì!. Fioccaron le previsioni. I più arditi già comprarono il riso da tirà al loro marriage, altri corsero a comprà i cornetti per scongiurà san gennarino e la madunina che il loro amassenon scoppiasse, altri se misero a interpellà la sfera se ie dia che fosse a verità. Giggi & Matt, innamoratelli sembravan fregasse del dice dice e stasse a messaggiasse come schivà i perigli dei paesà moralisti, potè sposasse o annà a convive senza scandalizzà i lor fan paesani che quelli si sa, oggi te portano la coroncina e domani te mettono in cantina da fattè ammorì prima de avè consumato la prima candelina…

4 Un piano5

Così se misero a studià  Studia che te ristudia misero a punto un piano che sembrò perfetto per salvà la faccia e il favor populino. Bastava esclude dagli inviti conviviali due  combricchiarelli ingombranti ai lor progetti amoratelli e tutto ie annava a casello…Appena  barlumò el piano, Ahi ahi. se dissero i più impicciarelli uno se l’è svignato appen saputo l’esito del  carambolvotaiolo, ma l’altro …

6 mel berl

…l’altro  de nome Silvin,  signorotto navigatello de popolin e de alleatin se acchiamò subito la Giorgin che più furiosa d’una tigretta  accorse a dì: se quello se pensa de rompe il patto, mettece al bando per marriagiasse con Giggi ie deve essere matto de nome e de fatto  De notte telefonarono a Matt che se stava addormì soddisfatto e lo invitarono a gi subito a lu palazzo a chiarì. Appena Matt fu a palazzo lo fecero sedè pe’ dì: che stai a fa? La gente mormora che ce voi sbufalà. Se lo fai  bum bum te facciam bel ragazzo … Matt, preso in castagna,  sbiancò nu pochetto ma lesto se riprese  e rombò a Silvin e Giorgin: ma che ve state addì, sbolognarvi io, son chiacchiere, ve iuro nun l’ho pensato, Giggi me stuzzica, è ommo de parola  ma voi  siete  amici amici amici del mi cor. Vabbè, te credemo vatte pure aridormì. Matt senza fasse vedè tirò no sorriso  fiero de avelli rabboniti e se uscì …

7 gigi e matt

…se uscì a messaggià: Giggi  devo troncà l’idillio con te.  Giggi  che te stava a sognà nu connubio col su bell Matt nun ce poteva crede e se mise a tempestarlo de messaggini con cuoricini, a implorarlo de non lasciarlo.  Ma Matt che se era preso no filotto de paura nun ie rispose …

8 mistero

…Il Gran Signore  del colle se accorse che tra i due  era calato un po’ de gelo e li lor discorsetti ai fan  ierano addivenuti meno friccicarelli de connubio marriage. Però nun accapìa se iera una tattica de Giggi & Matt per fregà li compagnucci de votariello  o l’amoruccio propiziato  dal rosatellum  iera già sfumatello.Uhe se disse, devo risolve sto mistero, in paese tutti  aspettan de sapè. Inizia a  udienzà  Ma  il mistero ie se infittisce…acossì  la fotostoriella de Giggi e Matt non ie finita…e chissà come continua…

Ridere fa bene alla salute!

.bydif

Week end al cinema

Piove. E mo, do’ vado a svagarmi un pochetto sto week end? Cielo grigio, umore grigio, idee grigie. Umm. Beh se non posso sta all’aria aperta per sgrigiarme  me vado  a ride un po’ al cinema e mi sa pure a teatro. Dilemma: che me vado a vedè ?

Mister_Felicita modified o salvini

quo vidisfollia-

renziu modified o staisereno oCommediaTorno-indietro-e-cambio- o

vacanze-romane omen food o

i due de o  sarailmiotipo

e mo girae mo cubo

i due poltutti modified modified

 

 

Ohi, ohi , da andà a vedè ce n’è assai, se c’è da ride  pe scordà pioggia e  grigiore è tutto da capì. Tiro a sorte e me vado. Meio de niente sarà per passà il week end!

Bye Bye

Dif

 

 

 

Un po’ d’ironia

Qui, oggi è una magnifica giornata di sole. Per godermelo ho fatto una lunga passeggiata in campagna. Come farne a meno. Non capita spesso, in questa grigia pianura, avere in autunno giornate così invitanti, da andarsene a zonzo in maniche corte. Mentre girovagavo come una bimbetta sotto i raggi del sole ho potuto pure godermi l’arrivo di tante  specie  di uccelli. Esemplari rari che approdano in questa terra per  svernare  o nidificare nell’Oasi Celestina. Credetemi è stata una vera goduria camminare e poter respirare un’aria profumata di aratura. Era così deliziosa che mi sembrava  sentir quella di cioccolato!  Mi ha messo addosso tanta allegria che m’ha fatto voglia di un po’ d’ironia e…per  far sorridere un po’ chi passa nel blog ecco qua 4 vignette se non d’ironica attualità almeno di allegra opinione dovuta a un…colpo di sole…

papafrancesco modified

salvini-berlusconi

alfano meloni

RENZI- grillo

 

Un salutone e buon week hend

by dif

 

 

 

 

Picconata inusa

picconate

 

Che la vita è strana e piena di sorprese  più o meno tutti sanno che è usa ma che le spacconate grilline si potevano trasformare in picconate piddine quasi nessuno. Proprio vero che non si finisce mai di imparare! Oh … però…mi sorge un piccolo dubbio….ma noooooo….la picconata inusa è solo europeapolitica…Spero. Sennò…

by dif