LE CENERI

Oggi sono le ceneri e con la nuova liturgia cattolica si ricorda  l’avvio del periodo quaresimale.
Anticamente le ceneri invece erano la celebrazione pubblica della penitenza, il rito che dava inizio al cammino di pentimento dei fedeli che si concludeva il giovedì santo con l’assoluzione dei  loro peccati. L’imposizione delle ceneri nella teologia biblica ha un doppio significato. In primis ricorda all’uomo la sua fragile  condizione umana, il limite della propria esistenza precaria evidenziata in tanti passi biblici come quello in cui Abramo rivolgendosi a Dio dice: “…io che sono polvere e cenere…” In secondo rappresenta  il segno esteriore di chi si pente del proprio agire e compie un nuovo cammino verso Dio come fecero gli abitanti di Ninive che dopo la predicazione di Giona, si vestirono di sacco e digiunarono, o come, su invito di Giuditta a far penitenza, fece tutto il popolo israelita: umilmente ogni abitante si cosparse il capo di cenere e si prostrò  davanti al tempio di Dio  per chiedere la liberazione.
La liturgia del mercoledì delle ceneri è molto significativa. Per ogni buon  cristiano inizia il periodo di preparazione alla S. Pasqua  ma conserva questo duplice significato che è chiarito dalla formula di imposizione: “Ricordati che sei polvere, e in polvere ritornerai” e “convertitevi e credete al Vangelo”. A parte il “convertitevi” credo serva a tutti  ricordarsi che siamo esseri deboli e  fragili, il nostro è un breve passaggio,  anche  chi non è credente  può trovarvi uno spunto di riflessione importante per non arroccarsi su posizioni ideologiche che sono espressione unicamente temporale.
 
cener.jpg
Un po’ di ironia che però non vuole essere offensiva e sottovalutare
l’importanza rituale  delle ceneri
*
Buon mercoledì delle ceneri a tutti
dif
LE CENERIultima modifica: 2011-03-09T12:11:00+01:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “LE CENERI

  1. Ciao Dif ,com’è andato ieri il tuo 8 marzo ? Da me niente festeggiamenti ,solo incontri informali.Non ridere!… Responsabilità invece da esprimere con impegno il 12 per avviare riforme che possano mutare il qualunquismo di questo paese.
    Sei invitata ad aderire .Il movimento femminile, e non femminista come un tempo, non vuole contrapporsi ai maschi,ma coinvolgerli in una lotta d’impegno per un effettivo miglioramento delle condizioni di vita.
    Un buon pomeriggio a te.
    Corinina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *