BADILATE

L’abbondante nevicata mi ha costretta ad armarmi di pala e uscire in cortile a spalare. La mia vicina era già lì che borbottando tirava badilate furiose. Ho pensato che la neve l’aveva infastidita costringendola per senso civico a spalare. Così le ho tirato una voce dicendole che l’avrei aiutata. Ma che aiutarmi! Non ho bisogno d’aiuto, ho tanta rabbia in corpo che sarei in grado di spalare un ghiacciaio. E giù badilate a destra e a manca. Allora le ho chiesto chi aveva scatenato le sue furie. Chi? Ma come non hai sentito le belle notizie? Sono il ceto medio, sono ricca.. con 17m euro l’anno in due capito la presa per i fondelli delle misure sbandierate? E giù badilate. Poi, ci si è messo pure il “cavaliere” : ceto medio mantenete il vostro tenore di vita. !  !    E giù badilate, quasi ho avuto paura. Ti pare che rinunciare a tutto, fare i salti mortali per sbarcare il lunario sia un tenore di vita? Devi forse andare in giro a chiedere l’elemosina o rubare nel super mercato per essere aiutato? E giù badilate.

Chiaro che non intendevano sganciare niente, altrimenti avrebbero detassato almeno  le tredicesime a lavoratori dipendenti e pensionati, tanto perchè era Natale, invece niente. Oddio, a voler essere sinceri qualcosina a quelli che vanno a ravanare nei bidoni della spazzatura l’hanno concessa! E giù badilate.. tanto per darsi arie di fare qualcosa. …Ma.. non era più dignitoso dirci : gente i soldi non ci sono, arrangiatevi magari mangiate sterco e datevi da fare per sopravvivere! Non ti pare!

Vuoi scommettere che se gli aiuti sono dati sul reddito dichiarato i soldi finiscono nelle solite tasche di chi evade e non in quelle di noi poveri Cristi che ci ammazziamo di fatica per mantenerci onesti? E giù badilate ancor più furiose.

 Non ho risposto, primo perchè ho avuto timore di prendermi una badilata, poi perchè non sapevo cosa risponderle. A forza di spalare mi son venuti i calli ma questo è il meno in confronto a cosa ci aspetta.

BADILATEultima modifica: 2008-11-29T00:29:00+01:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *