LA MAGIA DELLE STELLE DI SAN LORENZO

 

san lorenzo.jpg

Dipinto del martirio di SAN LORENZO del BEATO ANGELICO

 

Ogni anno, il  X agosto, per la  mia città di origine è  un giorno importante e particolare: si  ricorda con tante manifestazioni religiose e culturali la barbara morte  dell’innocente SAN LORENZO e al contempo si rinnovano le leggende delle scintille di fuoco,  fiorite e radicate nell’immaginario collettivo intorno al  Suo  supplizio. Per me quest’ultime sono importanti  e sacrali quanto le prime, mi riportano alla mente un festoso mondo di bambina vissuto con gioia e spensieratezza tra sacro e profano insieme alle persone che in quel momento rappresentavano certezze, speranze, affetti, futuro e che oggi sono introvabili, disperse dagli eventi della vita o salite in vette  inviolabili.

La mia  memoria  cerca di coltivare e tramandare le tradizioni folcloristiche che allora accesero l’entusiasmo e  la  fantasia di fanciulla,  sia per non disperdere un patrimonio popolare sia per ritrovare  volti, odori e  sapori  che altrimenti il tempo cancellerebbe.

Come ho accennato varie sono le leggende  più o meno misteriose che si riferiscono al supplizio del Santo.  Quella che mi affascina rievoca le anime senza sonno che  vagano nella volta sconfinata del cielo  e ogni 10 agosto fra le dieci e la  mezzanotte  tornano in terra sotto forma di meteore ed a chi riesce con lo sguardo a intercettarle ed a seguire il loro percorso concedono l’avverarsi d’un desiderio. Quella che però  sento profondamente è  la leggenda legata al martirio del Santo. Secondo i racconti tramandati,  il giorno della sua morte il  cielo  apre le sue porte segrete e per tre giorni rovescia sulla terra tutte le lacrime di dolore versate da una stella  mentre guardava S. LORENZO,  posto su una graticola, ardere tra le fiamme e invece di gemere diceva sorridendo ai suoi aguzzini : “SONO COTTO DA QUESTA PARTE, GIRATEMI DALL’ALTRA  E POI MANGIATEMI “ Quelli furibondi lo fecero a pezzi e gettarono i suoi resti alla plebe affamata. Da allora ogni anno il giorno della sua morte  chi si sdraierà sotto la volta celeste sopra a un lenzuolo bianco dopo essersi purificato, bagnandosi sette volte la fronte con acqua cristallina o immergendosi in mare o in una fontana, se avrà l’animo sincero e addolorato come la stella  non solo  potrà vedere le sue lacrime ma potrà raccoglierle sotto forma di minuscoli granellini. I granellini conservati in un sacchetto diventeranno una protezione che li salvaguarderà dal fuoco, dalla ferocia e dall’ingiustizia. Si racconta anche che un soldato romano che assisteva alle torture, tramite una  graticola posta su carboni ardenti, raccolse con uno straccio le  gocce di sangue e grasso che colavano dal corpo del  Santo mentre spirava. Le portò al paese di Amaseno  dove  tuttora è  custodito e ogni 10 di agosto dallo straccio  cola  il Sangue di S. Lorenzo, a  chi si reca a vederle con nel cuore  dolore e rigetto per ogni forma di tortura e male il Santo concede un Miracolo spirituale.

 Un’altra tradizione  racconta che il cielo ad  ogni anniversario della morte di SAN LORENZO piange copiosamente  per tre giorni. Le lacrime sono  i lucciconi del fuoco arrivati fino in cielo. Vuole  ricordare all’umanità  che malvagità e crudeltà continuano a martirizzare gli innocenti. I lucciconi mentre scendono si tramutano in stelle filanti o in minuscole fiammelle come quelle che si staccavano dalla graticola  e cadevano qua e là per significare che esiste la speranza, un giorno verranno sconfitte e il bene trionferà sul male. Per questo a  chiunque si associa al dolore del cielo versando lacrime con animo sincero senza abbandonare la speranza mentre guarda lo sciame stellare che cade  gli viene  concesso in premio l’avverarsi d’un desiderio, sia se lo esprime apertamente sia se per virtù non osa.

Quand’ero bambina e ancora  l’aria era tersa e limpida ed era facile  vedere i lucciconi del cielo,  la sera di S, Lorenzo, verso le dieci con il beneplacito dei genitori, insieme alle amiche più care, animata dalla fantasia e dalla voglia di stare fuori casa fino a tardi,  andavo a sdraiarmi su una collinetta vicina a casa, oggi ricoperta da un nugolo di palazzoni non si vede neanche più. Di solito vestite di bianco o d’un colore  chiaro, convinte che renderci il più possibile visibili ci attirava il favore del cielo, riuscivamo a vedere un mucchio di stelle filanti e potevamo esprimere tanti desideri. E’ un ricordo  bellissimo che tuttora  mi accompagna. Rimanevamo li in silenzio, come tante mummie  con il naso all’aria mentre intorno il buio, il caldo, i rumori della natura ci avvolgevano e creavano una atmosfera magica e surreale finché una di noi non urlava di gioia per aver adocchiato una scia luminosa ed espresso il desiderio.  A volte le stelle filanti, che noi chiamavamo capelli d’angelo tanto erano belle, brillanti e inverosimili, scendevano così in fretta che era difficile contarle e allo stesso tempo formulare un desiderio. Infatti mentre tornavamo a casa felici e soddisfatte ridevamo prendendoci in giro, nessuna di noi si ricordava quante stelle  aveva visto e quanti desideri aveva espresso, così diventava tutto una specie di misteriosa favola e un insieme di vivaci congetture da scoprire  che ci accompagnavano fino all’anno successivo.

La sera di San Lorenzo vado ancora a sdraiarmi in qualche luogo dove possibilmente non arriva il frastuono ma regna solo il rumore della natura con la speranza di vedere una lacrima del cielo che si tramuta in stella filante in modo da  esprimere un desiderio e mantenere le mie radici.  Ma sarà per l’inquinamento che rende difficoltoso vedere il cielo limpido, perchè non ho più la spensieratezza di allora, non mi vesto di bianco, o perché so che il fenomeno delle stelle cadenti in realtà è dovuto ai detriti d’una vecchia cometa che gira intorno al sole, una volta all’anno la terra ne incrocia l’orbita,  le particelle entrano nell’atmosfera terrestre e mentre cadono s’incendiano, l’atmosfera non l’avverto  magica, la fantasia non vola e non cerca di esplorare con occhi sognanti lo sconfinato brillio. Così raramente riesco a vedere i lucciconi del  pianto celeste e  solo eccezionalmente ho la possibilità di  esprimere un desiderio, però dal mio cuore non sparisce la devozione al Santo.  Anche stasera andrò in un oasi e , come tanti altri mi apposterò  con il naso all’aria in attesa che la magia delle stelle si ripeta per sognare l’avverarsi d’una aspirazione. Mi auguro che la luna sia benigna, non mi offuschi la vista d’una lacrima dei desideri, per evitarlo ripeterò la breve filastrocca insegnatami da mia madre: ” Stella stellina fammi vedere la tua luccicante  codina, e tu luna non essere avara e birichina. ” Un tempo funzionava, almeno una stella cadente riuscivo a vederla per affidargli il mio desiderio!!!

 

San Lorenzo era originario di un paesetto d’ Aragona, Osca,  morì martirizzato e decapitato a Roma  il x agosto del 258, 4 giorni dopo la morte di Sisto II suo grande amico, per l’editto promulgato dall’imperatore  Valeriano: « Episcopi et presbyteri et diacones incontinenti animadvertantur » (Tascio Cecilio Cipriano, Epistola lxxx, 1)

 E’ molto venerato ed è il protettore dei pompieri, fochisti, rosticcieri e di tutti coloro che per lavoro o necessità hanno bisogno del fuoco.

 

 

LA MAGIA DELLE STELLE DI SAN LORENZOultima modifica: 2009-08-10T00:27:00+02:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “LA MAGIA DELLE STELLE DI SAN LORENZO

  1. era semplicemente il fumetto sopra la mia testa a quell’ora di notte, ti auguro una buona notte di San Lorenzo! Le stelle cadenti…hanno migliaia di nomi, quanti ne invocano gli innamorati…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *