La storia non finiva lì …

…la storia non finiva lì perché come se addice “uno sposo morto se soppianta con altro vivo”!

...

Ininfatti, il secondo amor iniziò così:

Squagliatosi al solleone il connubio de sposetti, capetti de contradaioli de gialli e deverdicchi, per partenza precipitosa de consorte, addivenuto assai conosciuto per su modi poco raffinati ma assai efficaci per attirar fanselfie, stufo de troppi ni de altro sposo, suggestionati da propri cortigiani bastian contrari al coadi§ de menage passionale, eppoi, nel gaudio de annemici de connubio e de astiosi de accolorazione der palazzo apparlamentato, brutalmente inabissato dal gran maggiorduomo decasa addivenuto da fideiussore super partes a killer insolente partigiano de consorte ammollato…

1

l’ammollato nun se piagnucolò all’inabissamento der partner, prima se stette imbalsamato a sentì er linguacciamento divorzista de maggiorduomo ormai ex garante de unione e assai anelante de addivenì er boss de combriccola de su contradaioli…

2

poi, co’ occhietti anneri de tristizia se agguardò intorno pe’ avvedé chi appoteva allettà a rimpiazzallo nell’alcova e fa ammorì d’invidia il fedifrago, nun fece manco a tempo a scrutà che se avvide spuntà uno “bravo ragazzo” a falle da “ruffiano” per rimpiazzo …

3I contradaioli assaputo che lu “bravo ragazzo” je affaceva da ruffiano pe altro connubio, da nun fallo arrestà solo soletto e addovesse lascià casetta acconiugale e arriandà a chiudese ne su salottino a piagnese l’inaspettato distacco dallo suo amato accontrattato, ie scoppiarono de strabiliamento e addicerie da fa impallidì er bel paese e tutti i contradaioli asseduti ne poltroncine der palazzo apparlamentizio, solo i contradaioli rossi che s’oddiavan tanto il fan-successo de sposo dismesso da avvegliene scaglià tante ma tante de malignità, se misero con puoca decenza onorevolizia a esultà …

4

apperò, pe accasallo de nuovo e potè ripitturà er gran palazzo parlamentizio e accede alla dimora agguvernizia, scuvato lo sposo ce avvoleva lu consenso der Supremo, accussì se riannò ar Su gran palazzo abbandierato addiglielo alchè…alchè se riattrovò a addovè risuolve er dilemma cromatizio…

5

er Supremo prestò orecchio alla aspirazione de connubio ma da assennato, prima de addì de si a un altro accoppiamento strano, e accollasse l’ire deje volghi de mutamento tinteggio e stravolge l’ aspetto ambientale urbano, pe’ apprudenza acconvocò tutti li vari apparientati da cumprende se er desiderio jera una ammira vendicativa per smogliato traditore o no annelito accuppiamento pe appassione aggenuina…

...rebus cromatico

Ascoltolli nun capì manco se i due s’eran scoppiati e quali altri due volessero coppiarsi… abbensì accapì bene bene che nissuno se avvoleva smollà da poltrona elettizia e annà a poltrì sul divanetto de casa e accussì apperentò a capetti de contrade  de tornasse tutti a chiarisse….

6queie se parlottarono, se dissero e se appregarono tutti li santi protettori de sfamamento de poltronisti e…e con grandulo assollevamento de ex maggiuordomo de estinto sposalizio che pe affasse ariannonimà de notte supplicava li santi e de giuorno se affaceva vedè estrangero addovesse riassedè na pultrona …

7

e muanco a dillo te je se ammisero d’accordo de riputturà er palazzo de giallo arrossicino da faje ribrezzo pure al minchio che ne avea accossì tanto de lor rimpalliasse ingiurie che avuto lo reddito se addorme sotto er pino e…e fa schizzà alle galassie quegli che chiedevan de obbligo riconsultà il populino e se addovevano soddisfà de stasse a presenzià al misfiatto…

8

 Lo supremo che già aveva accapì che aspiranti sposi, cortigiani e servitori de er palazzo che tanto se jeran derisi e avvituperati pur de restasse comodi a poltrì ieran pronti a vendese l’anima al diavolo, figurasse se nun se accordavan de addì de amasse tanto da volesse a tutti i costi accasà, riconsultolli altro nun ebbe da appotè addi che: “ vabbò..se ve avvolete marità e vostri parentadi ve aiutan attrovà la chincaglia che ve serve pe acchittarvi e iavete già lo “ gran maestro de servi de er palazzo de menage…nun posso addi de no …

9 1

cussì,  lo infatuato, pe’ arruffianeria de bravo ragazzo, se accomunicò a tutti li suje sponsor e a tutti quegli altri, che lo stevono assentì, co tutti gli arnesi pe appotè addivulga quelche jeva da dì, che seja innamurato e se ammaritava co l’ammollato…

9 -2

acciò, er palazzo parlamentizio se riaputturava, e…e anche se a qualcchedunno nun je stava aggigia o no’ se appotea pacificà de tanto oltraggio a lor sientimento e vista, de assalvà la poltroncina che jassicurava aje du’ invaghiti e a na masnada bighellona e bugiardina de fa ancor la bella vita, iera meglio che se accontinuassero a sgobbà e tirasse la cinghia e zittarelli,  se addovèan surbì er connubbio artificioso pe avvolesse mantenesse in vita…

10

jappoi dietto, cu tromboni, fanfare, ultrasuoni creditizi extraurbani de accompiacenti a ritinteggio pe mantenè trippa a sorci de cantine e arrifornì de salvagente i croceristi de galà, scampanielli de contrari a infamia de accoppiatizia fasulla, con gran sfoggio de gallicismi de gran chef del riuso, estasi de maneggi de rimpiazzo, lacrimotti de languidi de apprimo innamuoramento, se accelebrò l’inconsulto connubio…

11

acchè, lu giovinotto appromotore de idea de rottura ammourosa, adije sue, appiù addovuta a screditizia ripicca de fidejussore stizzato pe avvedesse traballà le su essibizioni da assuper professuore de menage der palazzo, che da avviero addesiderio de core de accoppiato, nu partecipò ar galà, dejo ammor spuntato pe’ ammore assuo ito, se annò a studià…

12

accelebrata l’unione de rappezzo a ammore affulminato da saetta de tempesta canicolare, i nuovi ridipintori e er massaio, de comando de tutta asservitù, de galoppo se acconciarono ner palazzo strombazzando a li contradaioli estrangeri aio accomodo de pecunia de esse i migliori capiscioni de truogoli nunziali, accusì bravi da appotè far strabilie daffà esultà le panse de du accasati, der prode giovanotto de ruffianeria e deje ippocriti magna ufo che daje poltruoncine jie strizzavan gli occhietti de sollievo…

13

assoprattutto co a loro super laccatura farlocchia der palazzo sponsale te affacean ammorì de tormento li grulli contradaioli apprimi pitturandi de nozze squagliate dar solleone per avvernice difettuosa e dajo assurriscaldiamento de aggiovine capoccia

14

mianco a dillo, er primario felicetto de unione strampalata, pe’ no addì reietta a sani intelletti, iera er massaio manutengolo der maneggio de asserviti ar palazzo de new cromatizio acconiugamento, ex borghesuccio perbenino, ex fideiussore de nozze e appituramento der palazzo acconiugale, ex maggiuordomo de menage sposetti e alloro cortigiani, ex super parties de contradaioli giuallisverdi, ex avvucato de tutto er populo estrangero a andazzo der palazzo, che appalestrato de muscuoli parlantizii se assentiva er sommo pio doctor de new story…

15

ma l’appiù aggiulivo de matrimonio jera lo giovine de ruffianeira, che affà accoppià l’ammollato, co no contradaiolo uno pochetto restio ma accovvinto da artri de su apparentado rifornimento rossicino, javeva realizzato il su sogno acrobatico de capetto de no manipolo de accoliti…

16

ininvece ar beffato da ammor arruffianato, pe ammantenè affarucci, apprivilegi e avvestisse da arristocrattici ummanitari addifensori de trippe puopolari, no’ altro je restò che sloggià dar palazzo e assedesse co’ su contradaioli suje strapuntini de piccionaia agguardà amorasse li du acconiugati e aggongolà de boria er bismaggiorduomo pe avello gabbato…

17

ma…ma accome se addice…nu’je tutt’oro quelche ar sol arluce…

18

ininfatti…nu passiò mianco na mesata da mariage arruffiano pe accompassione de animella spaessata che se avvede la star de arruffianamento accambià avvestimento miesso pe alloccà i contradaioli e affasse li fattacci sue, rimiettese li su veri panni…

19

apperò arripaludato co su pannetti je se cade la maschera de filantropo de riapitturamento der palazzo sponsale e attutti je se fa chiaro lu ambiguo suo, de no esse no nobil altruista. de cori attraditi…

20

tantoleje che pe fa accapì acchì ancor acchi nu avesse accapì la su strategì, assubito te accomincia addì cosette da aggità le acque de sposetti e lu capo massaio der palazzo da sembraje che avvolesse assubito falli annegà…

21

eppoje pe ancoppiù stralunaie e accoronà la su voja sproppuositata de star de magic successo e aggiocasse le su carte se arriaccambia avveste…

22

riappaludato daje maghetto illussionista de appolitica cheje te se affantasma su le piazzette de a ttivì te addì de avvolesse scongregà da li contradaioli rossicini truoppo mortaccini peje li su gusti e fundà na congrega de evvivi senza apperò addì de mirà a depredà le arriserve de’ altri …

23

e acchì…acchì accomincia na storia de smaneggi e de smanovre  e affà addì che te  cumpromette lu menage elli acconiugati de new ammor appoco se appotràn aggoder de astarà addormì ne accomoda alcova…

24

lu capo massaro der palazzo, sibbiene “elevato” a illuminato de cieli stellati e  deje arristoccrazie mantelluate de continiente estrangere a lu su poppolo, pe arrestà accapo der palazzo de menage se addeve assaje zampettà…

25

lu sloggiato da alcova, ininvece co tutto lo gazzabuglio se appò arricomincià a dasse daffà a ammoreggià pe arricconniugasse…

26

apperchè, come addice lu savio  “nea pollitica quillo che je se vede nun è ammai quillo che se frescura, je quillo che se arrivede e se attorna a ventura…

27

er populo? Er populo saaggià che l’ammur ven e sva  accussì la storia se accontinua ”

bivi

si tratterà di aspettare…poco…

bydif

Ridere fa bene alla salute!

La storia non finiva lì …ultima modifica: 2019-10-16T14:37:04+02:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *