NON ASPETTARE DOMANI

Ci sono attimi in cui all’improvviso avverti una prepotente impressione che non ci sia del tempo da perdere.Ti invade una sorta di suggerimento animistico che dovresti correre o almeno far subito una telefonata a una determinata persona. Non importa cosa dirai, importa fargli arrivare la voce, ascoltarlo perchè non ci sarà una prossima volta. Respingi le  sensazioni credendo che ciò che ti frulla in testa è la proiezione del tuo immaginario. Ti convinci che è da irrazionali  dar  credito alle sensazioni di pericolo, devi scartare l’ipotesi che realmente sia urgente andare o telefonare. Così,   ricacci con forza il suggerimento in un angolino e pensi: c’è sempre tempo per farlo, magari in un momento libero mi tolgo lo sfizio.  Poi scopri che era urgentissimo. Forse non era determinante a modificare la scelta del fato, sicuramente sarebbe stato un piccolissimo gesto che poteva mettergli il dubbio, perlomeno esaudire un ultimo desiderio. Con dura amarezza ho compreso che devo ascoltare le percezioni sensoriali anche se mi sembrano frutto di fantasie o stupide divagazioni dell’inconscio non devo aspettare. Seguire l’impulso dell’attimo, mi eviterà  di scoprire che attendere la certezza, per  rispondere a una  chiamata spirituale,  è solo egoismo dovuto a timore di apparire illogica, a me e agli altri, che lascia spazio a decisioni irreversibili.

mort.jpg

Non aspettare domani

Per dire una parola gentile

Domani potresti non trovarla

Saresti costretta a cercarla

Nel mezzo d’una notte nera

Annichilito da una scena

Al canto triste d’una sirena

Non rimandare a domani

Uno slancio del cuore

Lascia che il gesto vada

Dove il cuore vola

Non piangere domani

Le persone che ami

Domani

 Potresti non vedere

Nascere il  sole

Di chi

Ragionando aspettava

Un gesto che scaldava

Non essere egoista

Ripiegato in un cantuccio

Esci vai in mezzo ai lupi

Lasciati sbranare piuttosto che

L ’indomani dover dire

 Perché

Non sono andato immediato

A scostare

Dalla mente e dalla mano

il gesto insano

Uno squillo di telefono bastava

A romper la monotonia

Farlo restar ancor in questa via

Almeno lasciarlo andare

Senza forzare la mano al pianto

Per un silenzio affranto

Non rimandare a domani

Un segno di conforto

Potresti dire perché l’hai fatto

C’ero io lungo la tua via

Domani

 O.. forse dopo

Ti avrei soccorso

Scaldato la noia maledetta

Di bimbo vecchio abbandonato

In cerca di parola di carezza

Piangi

 frughi nella voce la risposta

Canta solitaria la merla alla finestra

Il tuo rimpianto

Al gelo di gennaio resta

dif

NON ASPETTARE DOMANIultima modifica: 2011-01-24T15:28:00+01:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “NON ASPETTARE DOMANI

  1. Grazie Dif del tuo pensiero gentile. Mi sono rimessa e spero di acquistare presto la giusta forma per le sfide che ci aspettano. Buon pomeriggio! Un abbraccio.
    Corinina

  2. Ciao Dif. Bella riflessione-suggerimento la tua poesia e ciò che la precede. Credo che nulla vada mai rimandato al domani e che tutto ciò che è possibile, vada definito nell’oggi…. tuttavia, nei rapporti umani, questo è ancora più importante percé, appunto, domani potrebbe essere tardi.

    Io, tuttavia, non penso ad un “domani” troppo tardi… più che altro, penso che rimandare a domani (sempre parlando di rapporti umani) significherebbe privare colui o colei a cui è destinato un mio pensiero, di una piccola gioia, di un breve momento condiviso con me, anche di un dispiacere da capire o, semplicemente, di un saluto!

    Insomma, anche un semplice saluto è importante e rimandare a domani è un po come privare il prossimo di un gesto d’affetto.

    Ciao e buon pomeriggio a te.

  3. Esperienza diretta?

    Oggi è la seconda volta che torno indietro nel tempo e in entrambe le occasioni…a causa di due amici blogger, tu e Aldo.

    Noi non avevamo bisogno di chiamare, ha passato la sera con noi, ha riso e scherzato con noi, ha fatto le 3 del mattino con noi e…alle 8 del mattino lo abbiamo trovato appeso in cantina.

    Quella comitiva si è sciolta, lui continuava ad essere tra noi con quel gesto assurdo e immotivato, sono passati 30 anni e … scusami Dif, lo detestiamo per quel gesto muto, senza un biglietto, senza una spiegazione, con una vita da vivere e una carriera di medico … e quello che non sono mai riuscita a perdonargli è proprio la scelta, la morte per impiccagione non arriva subito, ti lascia ben 7/10 minuti per andartene a causa dell’asfissia, lui medico lo sapeva…se n’è andato portandosi appresso l’amicizia che legava 30 amici, ci siamo evitati come la peste per non porci la domanda:
    Perchè???

    Notte buona DIF ;-))

  4. Ciao mia carissima amica dall’Anima!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Sai per questo ho portato il pc portabile per non aspettare domani!
    O non aspettare a tornare per dirti: Quanto ti voglio bene:))))))))))))))))))))))))))))))
    Si quanto è stato un regalo trovarti nel mio cammino.

    Ti invio un arcobaleno con dei colori della gioia attraverso il mare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *