Qua e la

volta

volta…

L’innocenza pedalava lesta
Improvvisa scorse la malizia
La guardò soggiogata
Sotto la volta sbiancata
la bicicletta attese muta  

girasoli

Solare

trai girasoli mi tuffa

aspirai la solare energia

l’humus della terra mia

Mugghiarono i sentimenti

infilando le verdi colline

allacciarono il biondo fiume

raccolti dal vento

giocarono col pino del vigneto 

a sera ubriachi di colore

zufolarono la solata

turbando la quiete del pianoro  

torrione

Torrione

Turbina il pensiero

Stuzzicato da oleandro

Infiorato candido

Sporge dal recinto

Del torrione antico

Custode irrigidito

D’ eremita solitario

Orfano di fortune

Passate in fretta

Sotto la cinta spessa

Il maroso ancheggia

Sull’eco di travagli

Aspetta il condottiero

Dall’armatura greggia

Che torna da trapasso

A issar il vessillo scudato

gloria e riscatto de Vasco

***

 by dif

Qua e laultima modifica: 2009-08-20T08:17:42+02:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *