124 NO!

storica.jpg

19 LOMBARDIA

18 CAMPANIA

15 EMILIA ROMAGNA

14 SICILIA E PIEMONTE

7 PUGLIA

6 TOSCANA E VENETO

4 CALABRIA, LIGURIA E FRUILI

3 MARCHE, LAZIO E ABRUZZO

2 TRENTINO

1 UMBRIA E SARDEGNA

TOTALE 124 NO!

UN NO CATEGORICO A FESTEGGIAMENTI IPOCRITI DI 124 DONNE CHE NON HAN PIÙ FIATO!

PIÙ 1000 NO, A UNA CELEBRAZIONE MARCITA NEL BISNESS DEMENZIALE, DI DONNE CON IL CORPO MASSACRATO!

PIÙ 100 NO,  A UNA GIORNATA SCARICA COSCIENZA MOSTRI, DI DONNE CON L’ANIMO LACERATO DA UNO STUPRO!

PIÙ 1.000.000 NO, A UN GIORNO DEPAUPERATO DAL SUO VALORE INTRINSECO E DAL SUO CONTENUTO STORICO, DI DONNE DISCRIMINATE SUL LAVORO, IN SOCIETÀ E IN CASA IN TUTTI GLI ALTRI GIORNI!

QUESTO 8 MARZO IN QUANTO DONNA MI RIFIUTO DI ARMARMI DI UNA STRIMINZITA MIMOSA PER SCENDERE IN PIAZZA A URLARE LA MIA RABBIA A ORECCHIE SORDE. ANDARE AI DIBATTITI PER ASCOLTARE STERILI TIRITERE SUL PERCHÈ E IL PERCOME DI UN MASSACRO DI MIE SIMILI CHE HA RADICI TANTO PROFONDE NELLA DISCRIMINANTE DI GENERE QUANTO ASSURDE NELLE MOTIVAZIONI E ANCOR PIÙ NELLE RICETTE IPOTETICHE DI DEBELLAMENTO. O DI ANDARE CON LE AMICHE IN UNA DELLE INNUMEROVOLI FRIVOLE E STUPIDISSIME FESTE APPARECCHIATE CON FREGOLE EROTIC ZOTICHE LONTANE ANNI LUCE DAL MODO DI ESSERE DELLE DONNE NELLA VITA REALE.

UN NO GRAZIE DA TUTTE LE DONNE CHE MUIONO, SOFFRONO E SUBISCONO A UNA GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA AVARIATA DALL’ENFASI ENCOMIASTICA.

PER MEMORIA DI UN FU 8 MARZO ANDRÒ A DEPORRE AI PIEDI DELLA MATER DEL PIANTO, UN CESTO DI FIORI, TANTI QUANTI LE DONNE UCCISE.

8 marzo,donne,festa,giornatainternazionale

 

 Una stretta di mano a tutti

dif

 

124 NO!ultima modifica: 2013-03-08T03:06:00+01:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “124 NO!

  1. 8MARZO2013
    Mi piacciono le mimose. Il loro colore giallo dorato e luminoso è l’annuncio della primavera
    Non mi piacciono le celebrazioni che accontentano la coscienza di chi di coscienza ne ha poca.
    Mi piacciono le mimose. Il giallo dorato si accende al primo calore del sole di stagione.
    Non mi piace che si divida l’umanità in categorie.
    Mi piacciono le mimose. Spontaneamente offrono il loro profumo inebriante.
    Non mi piace che si creino delle categorie incasellate per sempre in un luogo senza sfumature.
    Mi piacciono le mimose. I fiori sono soffici, impalpabili eppure consistenti.
    Non mi piace che si voglia ricordarmi chi sono e cosa faccio un giorno all’anno.
    Mi piacciono le mimose.
    Mi piacciono tutti i fiori e i loro colori, mi piace la natura che spontaneamente offre colori e profumi da sempre e per sempre.
    Mi piace credere che l’umanità intera, pur con le sue diversità, cammini insieme in armonia per costruire il futuro.
    Ieri, oggi e domani.
    Love L

  2. Ciao Dif. Hai pienamente ragione le donne, le famiglie, i bambini, vengono solo messi in primo piano solo quando bisogna chiedere il voto, una volta passata l’ondata tutto finisce nel dimenticatoio, nessuno fa nulla per cercare di migliorare le cose. A cominciare dalle scuole non esiste una educazione civica che impari ai giovani, agli uomini di domani a rispettare le donne, la famiglia, i bambini, gli anziani. Secondo me è tutta la scocietà che è allo sfascio.

    Siamo in un bel casino si, ma spero ardentemente che non si arrivi alle vie di fatto, alla fin fine chi ci rimette siamo sempre noi (cioè il popolo). Speriamo che non si arrivi nemmeno al livello della Grecia, ma che si decidano a fare un poco le persone serie e si rinbocchino le maniche per il bene della nazione e non pensino solo alle loro tasche come hanno fatto sino ad ora.

    Ciao e buon fine settimana anche a te.

  3. Mi sono rifiutata di scrivere della ricorrenza, ormai è stata svuotata del suo originario significato per dare spazio a spettacoli degni da pruriginose accaldate in cerca di gigolò.

    Boncordo con te, fiori alla memoria delle donne uccise sperando che le altre si sveglino prima che qualcuno le mandi a fare il sonno eterno.

    Notte buona Dif ;-))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *