CHE PALLE SAN REMO MIO!!!

imagesCA8L7054.jpg

Da due giorni e anche più t’ emperversi sulla TV. Sanremo qui Sanremo la ma perché io t’aggio da’ guardà? Che c’è de’ novo che me poi di per famme innamorà e statte a senti? Birbone.. te s’è accaparrato nu guru da ventiquattromila karati pardon ventiquattromila baci per famme scote l’antipatia e famme prende da la tu mania! Cosssì me so’ accovacciata come una matrona su la poltrona de ‘casa mia per statte a vede e sentì. Aho per poco non me piglia un colpo, bim bum bam spataclan me paria l’apocalisse, fusse vegnuta l’ora che lu monno finisse! me niuta na paura che per poco me la fo sotto!!! Poi l’è apparso lui, il Super Super e me so un poco calmata. M’ha fatto venì na pena lo poverino! Con la su sete arretrata paria una foca incavogliata tanto che per fassela passà tra nu sorso e l’altro sé dovuto mette a sparà. Ha dato una smitragliata che pure la mi micia che se vive la su vita e nun glie frega nulla ne de Sanremo ne de chi ce va s’è sparuta e l’è fuggita! Beata lei che po’ scappa e non gli tocca sentì quel che sta a di il solito intervistaschifato. Ma dico che c’è da schifignarsi in un sproloscenico?. Che t’ho da di, sarò refrattaria, a me nun ha fatto ne caldo ne freddo a sentillo raccontà li fatti truci, me parea de senti la manfrina che me fa sorbi ogni matina la mi vicina, tra no sbatacchio e l’altro de tappeto me snocciola una litania su li preti e lu paradiso che nun te dico san remo mio, da impallidì. Mica le basta, per tenè l’auditel vivo e nun famme ritirà a fa li fatti mia me fa na montagna de sermoni su la consulta e la sovranità de stato come se fussero novità e io nun le sappia già che son cose fritte come le chiacchiericcie che fa mi nonna, ma quelle son bone da magna e me fanno pure rilassa! De diverso m’è parso de senti cantà ma chi se ricorda le canzoni e gli stornelli, si son messi tutti a ribellasse, tutti a scandalizzasse. Che c’è de strano da sgrintarsi non lo capisco, manco na parolaccia ho sentito che me facesse sobbalzà e le cicciatelle nun me fanno de certo divertì ma neanche me fan gridà: mamma mia scampa l’anima mia! Anzi, se me pagano pure io ce vado su quel palco a sparlà, ne avrei de sassi da scaglià per fa scandalizzà!! Già ma io chi so per attirà l’attenzione, ce vo prima de montà l’informazione. Uh che palle m’han fatto veni, tanto grosse che han fatto cadè pure le mutande a la Belen che poverina l’è scesa dalla scala con la veste reversata tanto per mostrà lo strategico tatuaggio e copri la cosina. Coi pro e i contro e sto sta a di arretrato da gufo impagliato sto san remo poveretto pure da san Pietro s’è preso no rimbrotto per nun aver fatto no miracolo a una bella stangonazza che s’é dovuta sbroglià lu torcicollo come una matassa per fasse vedè e non sparì scalcinata da le gonne de la canalis e la rodrighes. E come se nun bastasse per paura de fasse interdì da quello che comanda tutta la baracca universarai ha mandato un sorvegliacasino de modo da fa sparì la voglia de bombe parlantine, baci omo e tutte le scollacciascelleratie che fanno indignà chi sta a guardà per contestà la tu libertà de dire e de fa. Ma chi se ne frega tanto se sapeva. Basta aizzà un branco de lupi per fasse sbrana! A me le palle nun me l’ha riempite lu santone moll’ uggiato col liberatorio dirello che nun fa neanche tempo bello ma gli strilla moralisti bontemponi che se credono dei perfetti gonfiapalloni. Come se nun me bastava il reting, il default e il resto che me sta sopra la testa come un capestro e nun me fan dormi, ce volevan sti festivaltieri carnevalini per toglieme anche la voglia de magnà, bhe qualcosa de buono ce ricavo, se nun magno nun spendo e se nun spendo risparmio e di sti tempi nun è poco avere un eurino.

C’avevi ragione san remo mio, te dovevo proprio guardà pe’ famme un sacco de risate, quello che nun capisco come mai se stanno tutti a ribellà, pensa me piace rocco, si papaleo me sembra proprio che se sta a divertì, senza vole stupi, strimpella la sua frecciatella che t’arriva alla garbatella e rimbalza sul cupolone e va a rotolà a monte mario e risale fin su da te all’ariston sollevandote lu morale cume nun sa fa nessun virtuoso calciapallone. Che t’o da di me piace così tanto da famme impensierì, sarà perchè nessun ne parla e non me riempe le pivette rischiando de famme strabordà le du grosse s’palle che man fatto venì gli sciafignaindignati

Però te devo fa na domanda: ma li cantanti do so andati a fini ? mi sa che son volati via con la bianca colomba mia! Dice che eran tempi belli… teldico, in tv mica c’andavano i messacantatapresentati solo quelli per le feste agghindati che nun se facevano censurà!

Sbrigati a finì, a statte ogni sera aspettà per sentì l’indomani chi c’ha da di de te m’ha stufacchiato, però prima de sparì famme risentì il super superissimo lo voglio ringrazià per avemme fatto sparì da lo tv lu gelo che solo a stallo a guardà me faceva strangozzà, figurati a spalà che palle san remo mio!!!

per ora te saluto

dif

CHE PALLE SAN REMO MIO!!!ultima modifica: 2012-02-17T01:33:00+01:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “CHE PALLE SAN REMO MIO!!!

  1. Leggere i dialetto è favoloso una sonorità parziale, capirai letto da un toscanaccio? Il riasultato pur parziale è bello e fa bene allo spirito.
    Ho letto la preghiera di fianco, Spirito Santo…forse per qualcuno è la preghiera giusta …vedi S.Remo e il predicatore

  2. Ciao carissima!!!!!!!!!!!

    Non ho visto il festival ancora sulla tv perchè sono stata impegnata con il lavoro ma per quello che tu dici meglio non guardarlo.
    Ma per tutti noi che amamo l’Italia da questa parte del mondo è un classico.

    Ho una bella notizia : oggi è arrivata la pioggia!
    E adesso si respira un’aria fresca:)))))))))))))))))))
    Spero lì abbia il sole :))))))))))))))))))

    Bella giornata mia carissima amica dell’anima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *