DEVE ESSERE L’AUTUNNO

parco amer..JPG

Deve essere il cielo grigio, le foglie che mulinellano e poi cadono a terra come ali di farfalle trasformando il mio giardino in un quadro impressionistico a farmi recepire in modo curioso e impertinente certe notiziole.

Si, devess’essere l’atmosfera autunnale che mi impedisce di comprendere come, in un grande paese dalla millenaria cultura, a qualcuno venga in mente di definire la scelta di un comitato di assegnare per il 2010 a Liu Xiaobo il nobel per la pace “scandalosa provocazione paranoica “

Devono essere le foglie che si staccano dai rami a confondermi se credo che qualcuno in quel grande paese si è adoperato ossessivamente per non far trapelare sul territorio la notizia dell’affronto, ha oscurato tutti i mezzi di informazione, invece che plaudire con orgoglio ha messo agli arresti domiciliari la moglie. E’ proprio buffa sta cosa, un premio nobel mica lo prendono tutti, in tanti lo sognano ma pochi lo ottengono e qualunque paese dovrebbe esultare se un proprio “figliolo” viene insignito di tale prestigio.

Si, deve essere il turbinio delle foglie se mi prude il naso e mi par che in quel paese ci sia una grande muraglia che impedisce alle idee di circolare con libertà e misconosce i più elementari diritti umani. Forse con l’autunno ho una digestione lenta se mi pare che c’è una cecità a tempo: vede la potenza economica in espansione di quel paese e non vede la brutale e disumana repressione di qualunque libertà che esercita.

Devo prendere la citrosodina.

Eh si, mi ci vuole proprio sennò l’acidità mi offusca la comprensione e mi par di vedere gente, compresa me, che urla :“ no pena di morte a Sakineh”e il giorno dopo muta come una triglia se in altri “civilissimi” stati altre donne e uomini vengono giustiziati.

Mea culpa, mea culpa, da sempre sostenitrice che nessun uomo o stato ha il diritto di punire un reo tirandogli pietre, mettendogli una corda al colla, facendogli una puntutrina, sparandogli un colpo alla testa o …. mi è stato facile cadere nel trappolone di una fanfara mediatica e credere che il dissenso contro la pena di morte era universale e non circoscritto a un “turismo per caso”.

Deve essere anche la prima nebbiolina delle valli padane ha rendermi stomachevole il continuo turbinio delle notiziole su un certo “orco” in arene, su due più due meno due, sul cinque o alle diciassette.

Stavolta però non mi indigno e non mi irrito, evito il trappolone mediatico che mi farebbe dire:

“ cervelloni, disquisitori, psicocriminologi, sministrelli informatori, sfogatoi di buchi neri, branditori di certezze, investigaintenzioni, certificatori del perchè, per come per quando è inutile che sviscerate le budella dell’orco per mostrare l’orrore del misfatto, una settimana prima avevate sezionato indecorosamente proprio quella creatura innocente che volete cavare dal pancione. Il vostro parlottio salottiero più che informazione mi sembra orrida ostentazione”

Eh no, non cado nel trappolone!

Per digerire l’orrore delle notiziole autunnali che mulinellano più numerose delle foglie, sono più grigie del cielo come quella di quattro bare coperte da una bandiera, sbarcate stamani all’aeroporto fra lacrime, sofferenza, visi affranti e visi di circostanza, orrore di una missione di pace che ha fatto saltare in aria altri quattro giovani, non basta la citrosodina, mi serve altro.

Qualcosa che mi faccia scaricare a terra rabbia e dolore e mi tolga la nausea autunnale.

Devo muovermi, camminare.

Ho trovato, vado alla cantina a prendere un po’ di mosto per fare i “sughi”

Fuori le foglie mulinellano, gli alberi si spogliano, il cielo è grigionero, ma con la tv spenta tutto mi sembra una delizia mentre mi sbafo una coppetta del mio budino di uva.

Provare per credere, è semplice prepararlo, vi lascio la ricetta:

Procuratevi un quarto di succo d’uva ( mosto) nero o bianco è indifferente; mettetelo in un pentolino con 2 cucchiai di farina e 2 cucchiai di zucchero; mescolate bene per evitare grumi; ponete sul fornello e mescolando portate a ebollizione; tre quattro minuti di cottura e poi togliete dal fuoco; lasciate raffreddare 10 minuti poi versate in una o due coppette e ponete in frigo, se vi piace freddo. Un’oretta ed è pronto da gustare.

Il budino d’uva, o sughi oltre che delizioso è un’ottimo ricostituente e si conserva benissimo in frigo. Potete farne una quantità diversa moltiplicando le dosi.

sughi.jpg

 Avete assaggiato? Non è una delizia per togliersi l’amaro in bocca?

gradevole settimana a tutti

dif

DEVE ESSERE L’AUTUNNOultima modifica: 2010-10-12T01:14:00+02:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

42 pensieri su “DEVE ESSERE L’AUTUNNO

  1. Ciao Dif e buon pomeriggio. Non è l’autunno o il cielo grigio a metterti di malumore ed a non farti comprendere! Da me, il cielo è azzurro, le foglie ancora non cadono… eppure, sono assalito da picchi di malumore e non comprendo lo stesso!!! Saranno altri i motivi?

    Hai realizzato un ritratto impietoso ma reale dell’umanità, da oltreoceano fin dentro casa nostra!! Umanità sempre meno comprensibile, sempre più assurda nelle sue manifestazioni.

    Si, forse è meglio spegnere la TV e, sicuramente, provare il tuo budino d’uva!! Mi incuriosisce!!

  2. Concordo con il tuo disappunto e malumore per questa umanità che ha completamente perso i giusti valori e a volte il vero senso della vita.

    Ottimi i sughi … sai ho vissuto a Bologna per circa 10 anni e ne ho fatte delle vere e proprie scorpacciate .

    Un abbraccio e buona giornata!

  3. buongiorno a te, diffie. Devo dirti che a me, questo grigiore in arrivo, preceduto dai caldi colori autunnali, piace. Piace un po’ meno tutto il resto, come a te. Ma che vuoi farci? Stacchiamo la spina e godiamoci la tua squisita ricetta! 🙂

  4. Ciao Dif,interessante il tuo budino d’uva ,mi riprometto di farlo,ma non ho il mosto ,fa lo stesso se schiaccio l’uva da me?
    Ora sono in pausa- pranzo,ma sono pronta a rimbalzare come una palla. Come si fanno i sughi . Sono proprio incompetente in questo campo. Un salutone da Corinina e grazie.

  5. Grazie Dif del delizioso messaggio .Proverò sicuramente,mi sembra molto facile. Sono golosa ,ma questo non mi sembra eccessivamente pericoloso per la linea .Poi un peccato si può fare ogni tanto….Buona giornata a te con mille colori.
    Corinina

  6. diffie, diffie! Io, IO, tifare ERRE finale?
    ok, ti do un indizio: finisce per “…orentina” e il suo colore è una bellissima tonalità di viola! 🙂
    Buona giornata, carissima!

  7. allora rideremo sempre insieme !! hic hic buono sto passito di pantelleria vero ???
    ahahahahahah a proposito di sicilia … passa da noi !!! smackkkk e buon weekend !!!

  8. Umh…come ci si procura il mosto?
    Dal contadino? Dalla cantina sociale? Dal vicino che ha un vigneto?
    Ho solo un dubbio sulla farina…ma poi, mi dico: ”se lo dice lei è senz’altro buono”.
    Ehi ciao…
    I Love Autumn.
    E non vedo l’ora che arrivi un inverno freddissimo e nevosissimo…
    WOW

  9. Certi amari in bocca purtroppo non se ne vanno nemmeno con questo delizioso budino
    Meglio gustarselo senza pensare a nulla 🙂

    Un sorriso e un saluto per un buon fine settimana
    🙂
    mandi

  10. Ciao Dif, spero tu stia bene. Penso che l’autunno ti faccia rendere conto di un cambiamento deciso e magari ti trasmette un sorta di tranquillità interiore…una pace! Qui è la stagione ideale per fare un pò di tutto (speriamo domani di andare un pò in montainbike), voglio portare Imma a fare un giro che non ha mai fatto.
    A me spesso dicono: “la fai facile tu!Pigli e te ne vai su per i monti!”
    Beh, non ti nascondo che spesso mi vien la voglia di non tornarmene. Soltanto per il gran gusto di non sentirne di cotte e di crude. Ho imparato che purtoppo la vita, bella quanto sia, viene vista dagli uomini, con estrema leggerezza…quasi come se ci prendessimo un pò tutti per i fondelli. Mah!
    Un fortissimo abbraccio e…buon autunno anche a te!

  11. Ho fatto il budino su tuo consiglio. Ottimo veramente ..almeno un pò di dolce ogni tanto…Ho trascorso la notte in bianco dopo l’ennesimo scoop sull’orrore familiare che non sembra possibile.
    A presto.
    Corinina

  12. Ciao dif,

    nel trappolone, a turno ci cadiamo tutti. Taluni, e questo è il peggio, non s’accorgono che il trappolone esiste e che loro ci son dentro sino al collo e forse di più: sino al naso e non ne sentono il fetore.

    E’ altresì vero che non dobbiamo essere ipocriti. La Svezia, assegnatrice dei Nobel ha bassi valori di scambio con la Cina e, in questi casi, diventa coscienza del mondo con rischio modesto. Gli altri Stati, più o meno tutti, vogliono continuare ad avere i posti di lavoro che il commercio con la Cina garantisce. Se i rapporti con essa si deteriorassero si avrebbero, a livello mondiale, milioni di lavoratori a spasso, tensioni sociali aggiuntive a quelle già presenti e forti destabilizzazioni politiche nel cosiddetto “occidente capitalista” miope, ma felice (sinché dura).

    Quanto agli Stati Uniti nessuno più di loro ha le mani legate. Gran parte del loro debito pubblico è nelle Casse cinesi. Se la Cina inondasse il mercato vendendo i bond americani l’economia mondiale, non solo degli Stati Uniti, subirebbe un colpo quasi mortale. Il mondo sta cambiando. Cina, India e Brasile sono le potenze in fase d’affermazione ormai dietro l’angolo. E la Cina, fra esse, è la più determinata, la più aggressiva, quella con maggior numero di teste di ponte costituite dai loro emigrati che, salvo eccezioni, mai rinunciano al loro Paese, mai lo dimenticano, mai farebbero ad esso un sgarbo quand’anche abbiano preso una nuova cittadinanza.

    Di cosa Ti stupisci, allora, mia splendica computerista, se anche Google, di fatto, s’è piegata alle esigenze della politica cinese?

    In conclusione, come hai potuto notare, le Tue intelligenti considerazioni hanno avuto minor richiamo della ricetta del budino d’uva.

    A Te, bella fanciulla, il mio augurio di una buona domenica, una piacevole settimana ed una splendida ed attuale felicità.

    banzai43

  13. Dolcissima dif,
    penso sia proprio così …le nostre anime s’incontrano …e chissà perché ogni volta che “usciamo” per una cosa o per un’altra ti nominiamo …mentre ascendevamo la cima ,un forte profumo d “autunno” c’ha per un attimo disorientato e poco dopo ci siamo chiesti …chissà se la nostra “amica di blog “ ha mai sentito il rumore delle nuvole che t’avvolgono e ti narrano di fiabe antiche e posti magici ….ed in cuor nostro t’abbiam dedicato quel profumo ed un sincero pensiero … ogni volta che ti scrivo vorrei raccontarti un po’ della nostra vita … di quanto vorremmo che cuori sinceri si lasciassero invadere della “MAGIA “ che la Natura dona a chi sa SOGNARE ….che la “vita “ regala a chi sa “Amare”…!!!
    Un fortissimo abbraccio a te ed alla tua famiglia ….… un giorno spero d’avere anch’io un bimbo che ascenda i propri sogni e scali le nuvole ….
    A presto
    Imma e Salvatore ….

    p.s. confido che un giorno c’incontreremo !!!! :-)))))

  14. Ciali Lylly,qui il tempo si alterna tra pioggia e sole, ma tutto sommato si sta ancora abbastanza bene e le creature della mia oasi possono godere, tra uno scroscio e l’altro, ancora dei tenui raggi di sole.

    Un abbraccio e buon inizio settimana!

  15. Neppure io sono una patita della televisione .Spesso non l’accendo a meno che non ci sia qualche reportage ,come quello di ieri sera sulle ville ad Antiqua di Berlusconi. Non so se l’hai seguito :s’è comprato mezzo mondo,apposta si sente un Padreterno. Preferisco essere come sono che così profondamente inquinato.
    Una buona serata
    Corinina

  16. Ciao Dif e buona serata. Il “budino” non l’ho fatto! Mannaggia, ma dove lo trovo il “mosto”? Da me, quasi non sanno che cosa sia!! Comunque, ho rimediato preparando un paio di buone minestre… e passando un fine settimana tranquillo! Quasi! Si, tranquillo!

    Tu, rilassata? Ti auguro una settimana serena e ciao!!

  17. ciao assatanata! mi domando se devi sempre mescolare le carte in tavola! in quanto allo scendere in cantina a prendere il mosto per i sughi……mmm! sei risalita? ;-))) dai non far caso a quel che scrivo un abbraccio cgdg ♥

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *