Diritti e non pietre

sakineh.jpg
Tutto il mondo è mobilitato per impedire, in Iran, la lapidazione di Sakineh Mohammadi Ashtiani rea di adulterio, almeno pare.

Se, come ho letto, non ha più il marito mi chiedo dove sta il misfatto o la colpa.

Chi ha tradito se è vedova? Il fantasma del marito? Possibile che esista in certi paesi una clausola matrimoniale che vincola una donna a rimanere fedele a vita allo sposo anche se per assurdo questi spira un attimo dopo la celebrazione delle nozze?

E se ha commesso adulterio perchè si punisce solo la donna e non anche l’uomo? E’ altrettanto colpevole. Anche lui ha violato le regole. Sapendo che una vedova non può aver rapporti intimi con altri, se non con il fantasma dello sposo, non doveva neppure avvicinarla!

E, questa sarebbe la tanto decantata libertà delle donne islamiche….

Ossia il rispetto consiste di non farla lavorare in miniera e poi frustarla a sangue davanti ai figli, lapidarla sulla pubblica piazza pur essendo sentimentalmente libera, negargli il minimo diritto di amare, di esprimere una idea, di vestirsi come gli garba, di andare dove vuole e con chi vuole, essere semplicemente se stessa con diritti e dignità paritari all’altro sesso?

Francamente c’è da vomitare per mesi e mesi al solo pensiero!!!

In confronto il mal di pancia che ho e non accenna a passare è niente.

Purtroppo mi è venuto i giorni scorsi nel vedere l’ ammucchiata di ragazze immagine (quale immagine??? e di chi???  non so…proprio…) Complice la crisi e la voglia di apparire ingaggiate per quattro spiccioli, per una scenografica messa in scena  di  lezioni pro convertitive  alla fede islamica,  tanto per  assecondare i capricci di un “tale”  in visita amichevole nel nostro paese,  con le tasche piene di sghei da investire e contrattini da distribuire come volantini  promozionali di “commercio equo solidale”

Sembra che tre ragazze,  estasiate dalla lampo lezioncina, si sono convertite. Sempre sia vero, “l’illuminato”  gli ha  spiegato a cosa vanno incontro?

Gli ha detto che mettendosi il chador in testa perdevano qualunque diritto e non avrebbero avuto più neppure la libertà di starnutire? Oppure gli ha raccontato che son favolette inventate dai nemici dell’islam.

Gli ha detto che potrebbero essere una futura Sakineh?

Non credo.

Non credo neppure siano consapevoli della loro scelta ma anche se lo sono penso che hanno barattato tantissimo per ottenere niente che non sia umiliazione. Gli auguro comunque di no, soprattutto di non finire sulle prime pagine dei giornali per vicende simili a quella attuale o dovute alla diseguaglianza di diritti tra uomo e donna che esiste in certi paesi.

La morte è sempre tragica ma morire a sassate penso sia una atrocità imparagonabile a qualunque forma di giustizia punitiva umana.

Chi scaglia le pietre non è degno di essere considerato umano e qualunque stato nel suo ordinamento legislativo ha una legge che consente una simile condanna non può essere ritenuto civile, men che meno democratico.

Mi domando perchè non ci si dissocia da stati che ancora praticano la pena di morte, non si strilla per farla abolire in ogni angolo del pianeta.

Come mai, politici, stampa, opinione pubblica si mobilita e insorge a cose fatte, non combatte per prevenire simili condanne, rigettare l’assurdità di leggi e costumanze barbare.

Non si indigna con la stessa foga di quando c’è una notizia da far circolare e non urla sempre per far si che i diritti umani delle donne, dei bambini e in generale siano rispettati.

Ben vengano oggi mobilitazioni..striscioni..fasci di fiori.. finte lapidazioni…appelli…firme…interrogazioni e chi ne ha più ne metta se servono a salvare Sakineh ma tutto questo tam tam francamente a me suona di traverso e un tantinone ipocrita e ritardato.

Non voglio apparire insensibile e controcorrente ma al solito tutti si danno da fare per conquistare l’alloro del più indignato a vicenda esplosa e poi silenzio e indifferenza regnano assoluti.

A parte qualche rara voce che finisce sempre nel pozzo di San Patrizio stampa, politica e opinione pubblica insorge quasi sempre in extremis.

Quante altre Sakineth ci vorranno per eliminare dal nostro pianeta pena di morte, condanne assurde, violazione dei diritti e in particolare quelli delle donne?  

Quando il mondo si mobiliterà non per impedire una singola condanna a morte ma tutte le condanne a morte? 

><

UNA DONNA SI RISPETTA CON :  

 DIRITTI, EGUAGLIANZA, DEMOCRAZIA

      NON TIRANDOLE PIETRE  

 ><

Buona domenica a tutti

ho appena saputo che Sakineh ha ricevuto altre 99 frustrate per aver osato fiatare la sua condizione

dire raccapricciante è un eufemismo!

il solo immaginare come è ridotto il suo corpo

mi fa ribollire il sangue a mille gradi

se chiudo gli occhi sento  lo scudiscio che sibila con violenza 

  e rabbrividisco

è sul mio, sul vostro, sul corpo di tutte le donne che  si abbatte

ci spella vive

 

Diritti e non pietreultima modifica: 2010-09-04T02:04:00+02:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

42 pensieri su “Diritti e non pietre

  1. Ciao Dif, argomento tristissimo questo, che ci sta mobilitando tutti qui sul Web…per Sakineh e tutte le donne sfortunate come lei ci sono varie petizioni serie..consiglio di cercarle e di firmare.
    Più siamo e meglio è …
    Io credo che molto stiano facendo le ambasciate e istituzioni varie contro lapidazioni e pene varie..a favore della libertà della donna..e credo anche che sia difficile raggiungere il capovolgimento di pensiero che in quei popoli è radicato…E’ tutto bestiale, per non usare altri termini…non so perchè ma l’uomo vuol sempre padroneggiare sulla vita degli altri e anche nel ns piccolo mondo, è facile incontrare gente che “ci mette i piedi addosso”…gente che ci vuol schiacciare moralmente, dobbiamo sempre stare a difenderci…in quei paesi purtroppo c’è il dominio sulle vite degli altri, ed è tutelato da leggi, ahimè…che assurge al potere è più fortunato perchè si salva la vita e condanna gli altri…io spero che si giunga presto a una risoluzione ottimale per tante barbarie di cui sappiamo.
    E noi possiamo fare certamente molto…divulgazione e sensibilizzazione fanno molto..il parere della gente e dei popoli è importante, per fortuna..stiamo tutti uniti e diciamo NO ALLA VIOLENZA..NO ALLA NEGAZIONE DEI DIRITTI DI VITA DECOROSA E AUTONOMA….che il Cielo ci ascolti..
    ..buon Week end, carissima…un abbraccione by Mammola

  2. Certo che questa storia fa un pò pensare, pensate un poco ad applicare qualcosa del genere nella società attuale italiana, certo li è troppo in un senso qui è troppo nell’altro, con una cosa del genere qui da noi oltre la meta delle donne italiane sposate sarebbe finito al muro. E che cavolo. Se una donna è vedova poi, credo sia giusto che sulla sua carriola possa far salire chi voglia lei. Senza offesa non voglio essere offensivo verso nessuna.
    Non voglio entrare nel merito di cosa bisognerebbe fare a certi mariti italiani.
    Poveraccie queste donne, al mio paese vi sono diverse famiglie marochine, a vederle il mese di agosto 35 gradi all’ombra, costrette ad andare in giro imbaccuccate peggio che se per terra ci fosse la neve ed il termometro fosse a 20 sotto zero. Solo a vederle combinate cosi mi venivano i brividi sulla schiena. Poverette.

  3. ciao, questa vicenda mi rattrista molto però mi fa comprendere quanto son fortunata a vivere in questo paese, non sarà perfetto e avrà tante lacune ma almeno mi permette di essere una donna libera, di amare chi voglio senza timore se non quello della mia coscienza
    noi donne libere dobbiamo lottare insieme a quelle che ancora vivono in condizioni di schiavitù, dobbiamo cercare tutte le strade affinchè nel mondo le donne vedano riconosciuti i loro diritti e usufruiscano le stesse opportunità degli uomini

  4. Che la girino come gli pare ma che l’Islam non abbia rispetto per le donne è palpabile. Ma noi donne non riusciamo mai a fare squadra e siamo destinate a perdere.

  5. ciao, sì ho passato veramente un bel pessimo agosto, dopo uno schifoso luglio e il settembre non manca di diventare interessante, infatti devo già partecipare a un funerale, lunedì! come vedi una vita interessante, ho in mente un post sulla storia, vedrò di inserire anche il fatto di cui sopra, l’essere umano ha iniziato ad uccidere già dal primo vagito, il come può avere poca importanza, potrai forse leggerlo se trovo le parole, buona domenica! con simpatia cgdg

  6. Spero tanto che questa mobilitazione generale possa servire a qualcosa e che gli organismi internazionali si muovano per far cessare per sempre queste barbarie.

    Un saluto e buona domenica

  7. Una punizione atroce per una donna, spero che
    i governi del mondo in prima linea la Francia faccia modo
    di non farla uccidere e togliere ogni tipo di pena di morte.

    Buona domenica ed una preghiera per
    Sakineh Mohammadi Ashtiani.

    Ciao da Giuseppe.

  8. Probabilmente le notizie sono discordanti perché la lapidazione è una pratica prevista, nel caso di adulterio, solo nel caso in cui l’altro coniuge è vivente perché nel caso di mortalità, non sussiste più alcun vincolo, deceduto un coniuge decade il vincolo e non si tratta più di adulterio. Il fondamentalismo dilagante proprio di alcune zone della terra però non si attiene neanche alla religione alla quale dice di appartenere e professare. La lapidazione è veramente terribile ed era applicata anche come giudizio imputato in altre religioni. Ha radici molto antiche ed è difficile sradicare certe convinzioni, ma non impossibile. Già il solo fatto di parlarne così come si sta facendo..chissà…

    salutone

    …………..Uomo.

    .

  9. Ciao, leggo in diversi blog questa notizia raccapricciante. Purtroppo, non credo che anche salvando lei la questione della misogninia islamica o della stessa lapidazione si risolverebbe.. anche se sarebbe una cosa giusta. Purtroppo l’odio vers tutte le altre si decuplicherebbe perchè sarebbe (per la loro mentalità) aver lasciato in vita una meritevole di “morte”!!
    Ammetto che non so molto di Islam e che solo da qualche anno ho iniziato aleggerne a partire dalla biografia di Maometto. Purtroppo egli ha usato la misoginia (con la conseguente sottomissione della donna, ecc.ecc. ) proprio come strumento per riunificare molte tribù islamiche sotto la sua sfera di potere. E’ stata una mossa politica che gli ha permesso di far salire politicamente suo zio.
    Prima dell’ascesa di Maometto l’Islam esisteva già e viveva addirittura in pace coi cristiani. Quando ho letto queste cose mi è sembrato quasi fantascienza.

    La misoginia è stata per millenni alla base di molte religioni, ma … mentre in alcune si è evoluta… attenuandosi quasi completamente, in altre è rimasta inalterata: come nell’Islam. Ho sempre creduto che per evitare certe barbarie (come la pensa di morte.. e di morte per lapidazione!!!) fossero necessarie delle misure al di sopra deli organismi nazionali per promuovere equità e giustizia, com’è giusto che sia.

    per quanto hai scritto da me:
    @dif
    Cara Lyly, concordo in pieno sul fatto che una bella foto colorata e sorridente ti faccia star bene. Bisognerebbe essere semplici come i bambini… e gioire delle piccole cose. Per esempio stamattina dalle mie parti non piove… magari esco a fare due passi . Una buona domenica anche a te e a tutti i tuoi cari. Ciao

  10. ciao mammolina…hai perfettamente ragione per modificare un’idea ci vuole tempo e pazienza, possiamo liberarci da “schiavitù” che non mancano per noi in ogni parte del mondo lottando unite, informando sui diritti e divulgando idee eque e democratiche
    ……

  11. quali parole per cose del genere…
    quanti poveri innocenti ogni giorno muoiono per l’ingiustizia umana…
    il dolore per questa povera donna sconvolge il mondo…
    speriamo sia il viatico per iniziare un cambiamento reale..
    ….
    un caro saluto
    m_

  12. In qualunque modo venga eseguita, su qualsiasi individuo, la pena di morte è inconcepibile perchè nessuno uomo ha il diritto di togliere la vita ad un altro, per nessuna ragione.

  13. Gesù, disse scagli la prima pietra chi è senza peccato, ricordate.
    Segno questo che una simile barbarie era in uso anche nella società ebraica, ma si parla di 2000 anni fa, quando era mentalità comune in quasi tutte le comunità che la vita di una persona valeva meno di quella di un bue o di un cavallo.
    Ma oggi come oggi, questa è peggio delle barbarie di 2000 anni fa.

  14. Passavo per caso… solo una nota, il marito non c’è più perchè l’ha fatto uccidere, almeno è accusata di questo, solo che la stampa occidentale lo nasconde per perseguire nella loro islamofobia e per screditare ancora di + l’iran, in modo da giustificare un futuro attacco militare, nella ormai famosa “esportazione della democrazia”. La verità sta qui, la pena di morte è una pratica barbara, ma questa strumentalizzazione ha solo finalità politiche, anche perchè non ho mai visto un ministro occidentale chiedere agli Usa di mettere fuorilegge l’utilizzo della pena di morte, molte volte usata in modo razzista e classista, e tante volte senza prove certe. E’ sempre meglio sgreditare il mondo altrui che guardare le tragedie e le barbarie del proprio… non ricordo, mobilitazioni per le torture in Iraq o a Guantanamo ad esempio, non ricordo mobilitazioni per il genocidio del popolo palestinese con l’utilizzo di bombe al fosforo, utilizzo ritenuto crimine di guerra da parte dell’Onu, e l’elenco è lunghissimo. La verità è che questa donna si trova nel mezzo di una becera strumentalizzazione politica, da una parte e dall’altra. Ovviamente spero che questo commento non sia strumentalizzato come un filoislamico, filoiraniano o addirittura a favore della lapidazione.
    Un saluto e buon proseguimento!

  15. @ x uomo
    verissimo, è una pena antichissima e molto radicata ma andrebbe abolita, come andrebbero abolite tutte le condanne con pena di morte, per me una pietra o una iniezione letale sono alla pari, un sistema barbaro indegno per punire chi è ritenuto colpevole

  16. @ x sasà
    concordo, troppo silenzio di comodo sugli stati, e sono tanti, che praticano la pena di morte come sistema punitivo, troppa attenzione su un caso e neppure una voce su altre “sakineh” che attendono di essere lapidate

  17. weeeeeeeeeeeeeee ciao differitaaaaa posto che non ci crede nessuno alla fulminea conversione delle tre oche pagate ad hoc per dirlo, posto che il tizio in cammello nno sia esattamente un simpaticone da portarsi a casa, resta che in iran mica scherzano, la lapideranno con buona pace dei pensantio e delle anime belle che s’indginano per sakineh, dov’erano quando io stesso e da anni dico attente donne, perchè le prime vittime del’islam siete voi, per anni avete bellamente sottovalutato il problema, e adesso vi accorgete che da quelle parti le donne le fanno fuori senza tanti complimenti

  18. BUONA SERA DIF , TUTTO OK ?
    .
    SU FACEBOOK , HO FATTO LA MIA BATTAGLIA PER SALVARE QUESTA DONNA ………………. MA DEVO ANCHE DIRE CHE , SONO TANTI I PAESI CHE PRATICANO LA PENA DI MORTE ……………..PURTROPPO .
    .
    CHE SI VUOLE STRUMENTALIZZARE E’ CHIARO , MA E’ ANCHE VERO CHE BISOGNEREBBE PARTIRE DA QUESTO …………….PER ALLARGARE IL DIBATTITO A MACCHIA D’OLIO , ED EVIDENZIARE CHE PER IL MOMENTO NECESSITA SALVARE UNA VITA , MA BISOGNA ANCHE DIRE CHE NESSUNO DEVE PIU’ MORIRE DI PENA DI MORTE ……………… QUELLA PRATICATA NEL NOME DELLA LEGGE ,MA ANCHE QUELLA PRATICATA NEL NOME DEL PROFITTO ………….O ANCHE PER QUESTIONI RAZZIALI ………………
    .
    VORREI CHIEDERE A CARLA BRUNI , CHE TANTO SI E’ ESPOSTA PER SALVARE QUESTA DONNA , COSA HA DETTO ED HA FATTO , QUANDO IL MARITO HA SPEDITO AL MITTANTE I ROM …………………….
    .
    UN GRANDISSIMO SALUTO .

  19. Ciao Dif e buona serata.

    Argomento spinoso questo trattato nel tuo post che, tuttavia, come un piccolo masso che cade da una pietraia, se ne trascina dietro molti altri.

    Francamente, pur essendo un fautore e sostenitore del dialogo interculturale e dell’integrazione interraziale, sono anche profondamente costernato da fatti come questo. Principalmente, perché danno la misura di quanto la vita di un essere umano, in molti paesi, vale meno di niente. Dif, parlo di esseri umani e non di “sole” donne, perché in quello stesso Paese, l’Iran, è la vita di ogni singola persona che è, per molteplici aspetti, non rispettata. Poi, perché sono questi i fatti che danno “voce” a quei larghi strati della nostra “grassa” civiltà occidentale che avversa qualsiasi scambio “culturale” con altri popoli che non si rispecchiano nel nostro modello di “civiltà”, soprattutto i popoli etichettati come “islamici”.

    Inoltre, scusami la franchezza, rimango costernato perché simili “proteste” di massa, mi sembrano semplicemente “ipocrite”. Penso questo perché basta guardare al nostro mondo ed individuare interi continenti dove la vita di una persona vale meno di un soldo bucato: l’Africa, vaste zone dell’India, molti paesi arabi… eppure, non vedo mobilitazione per reclamare la fine di tante guerre nel continente africano: non vedo mobilitazione per scongiurare la fame nei Paesi del terzo mondo; non vedo mobilitazione per porre fine allo sfruttamento di quei paesi da parte del mondo “occidentale”!!

    Infine, se del princìpio del “rispetto” dell’individuo, e nella fattispecie la donna, si vuole parlare, allora coloro che puntano il dito verso i paesi di fede islamica, dovrebbero stare ben attenti a non fare “un peso e due misure”!! Se analizziamo come viene “considerata” la donna nella nostra “perfetta” fede cattolica, non c’è da stare allegri: la lapidazione di una donna, non necessariamente avviene per mezzo di un sasso… basta vietarle l’autodeterminazione, in nome di un dio!!

    Vedi, tu scrivi che “…qualunque Stato che nel suo ordinamento legislativo ha una legge che consente una simile condanna non può essere ritenuto civile, men che meno democratico…” Ma quello Stato, l’Iran, ha un ordinamento “teocratico” ed è su quello che un tribunale decide: sulla parola (che è legge) di un dio. Noi, abbiamo un ordinamento democratico e ci riteniamo un Paese “civile”… eppure, potrei farti molti esempi in cui abbiamo legiferato in base ad una “legge” di un dio!! Ripeto, non necessariamente una “donna” deve essere lapidata per essere privata della sua dignità!

    Per ultimo, e sarà meglio che concludo, credo proprio che Sasà abbia posto l’accento sull’ulteriore ipocrisia insita in certe manifestazioni, quando poi si è rimasti impassibili di fronte a certe “inciviltà” del mondo democratico come la “pena di morte” praticata ancora in certi stati americani!!

    Credo sia superfluo ma sarà bene che lo chiarisca, a scanso di equivoci: il mio giudizio circa la condanna inflitta dal tribunale iraniano a Sakineh è di totale condanna!!

    Ti auguro una settimana serena e… speriamo bene per quella povera donna!

  20. @ x carlo
    ciao carlo
    non vorrei aver dato l’impressione che sono anti islamica o ritengo che i paesi occidentali… compreso il nostro… sia migliore di altri… neppure che faccio un distinguo sulla pena di morte… ASSOLUTAMENTE
    Sono contro la pena di morte in qualunque parte del mondo venga praticata e in qualunque modo sia adottata, per me NESSUNO STATO … ha il diritto di uccidere un essere umano, uomo o donna che sia, anche se reo di gravi misfatti….
    concordo in pieno che ci si dovrebbe sollevare per farla abolire e non fare un polverone solo quando fa comodo, forse nel post risalta poco ma ho specificato che tutta la mobilitazione mi pare ipocrita … tardiva …dura quanto una notizia dell’ansa…..e poi finisce nel pozzo di san patrizio
    concordo anche che le donne subiscono “lapidazioni”continue e la loro parità è fittizia forse in alcuni paesi godono di una maggiore libertà ma sono continuamente vessate…basta pensare alle invocate quote rosa nel nostro paese per capirlo…alla disparità di trattamento nei salari … nell’accesso a posti di responsabilità …alle molestie psicologiche e fisiche in casa e fuori…al mancato riconoscimento del diritto alla maternità consapevole….e potrei continuare all’infinito….su come alle donne vengono negati diritti, private della “ dignità “sfruttate, ridotte oggetto , considerate un corpo, inferiori, oche ecc …..vero pure che le interferenze in “nome di un credo” hanno pesato e pesano ancora moltissimo e talvolta sono un vero capestro per la donna….specie dal punto di vista morale…tanto per fare un esempio… ancor oggi se si vede un uomo con al fianco una ragazza che ha un terzo dei suoi anni lo si considera normale…lo si accetta e spesso diventa un vanto……al contrario una donna viene esclusa…additata come fosse appestata…..e…ancor peggio….
    una discriminazione inammissibile….
    non faccio due pesi e due misure credimi…sono stata in vari paesi africani e ho visto cose che mi hanno rattristato assai …altrettanto negli stati uniti o in altri paesi che ho avuto l’opportunità di girare ..e se giro l’angolo di casa mia vedo cose che mi rattristano ancor più….

    spero di aver chiarito un po’ meglio il mio pensiero….e che questa vicenda avvii un processo di mobilitazione per eliminare ogni forma sperequativa e violenta perpetuata da esseri umani contro altri esseri umani…

  21. come dice suo figlio, le parole non bastano ma temo che nessun governo si arrischierà a compiere qualche vera azione di forza mettendo a rischio eventuali rapporti con quel paese.
    E’ allucinante ma è così.
    E la cosa peggiore e che il popolo ha le mani legate, come sempre.
    Ce le slegano solo per pagare…

    Un saluto e un sorriso per te
    :-)mandi

  22. Ciao Dif e buon pomeriggio. Mi dispiace ma, probabilmente, ho dato l’impressione di aver “criticato” il tuo post. Non era quello il fine ma, semmai, ampliare quella che io ritengo essere una giusta denuncia, richiamando l’attenzione anche su altre realtà “critiche” del nostro mondo.

    Naturalmente, io apprezzo la tua indignazione ed anche la forma in cui l’hai manifestata… non comprendo, invece, quella che si muove dietro l’onda emotiva del momento, per le strade, nelle piazze… che poi, lasciano il tempo che trovano! Erano quelle che io criticavo!

    Lo hai confermato con il tuo commento da me e, per quel poco che ti conosco, ti vedo come una persona sensibile a determinati argomenti, che li denuncia, li dibatte e, soprattutto, ne è a conoscenza. D’altronde, qualcosa del tuo blog, l’ho letta.

    Io, invece, mi riferivo ad altro… all’emozione del momento, salvo poi sprofondare nell’indifferenza che anima molte esistenze. La questione “l’Aquila”, per farti un esempio, è ciò che voglio intendere io: ti ricordi cosa successe nella settimana successiva al terremoto? Poi, come d’incanto, l’Italia sprofondò nella solita indifferenza… e lì, è successo di tutto!! Addirittura, gran parte d’Italia pensa che lì sia tutto risolto e, invece…..

    Mi dispace, a volte preso dalla passione per determinati argomenti, è probabile che non mi faccia comprendere appieno!

    Comunque, farò tesoro del tuo commento lasciato da me, come ulteriore passo in avanti per una migliore conoscenza!

  23. ..aldilà di come si possa giudicare una civiltà con i suoi usi e costumi, sono contrario alle torture, alle violenze ed alla pena di morte, fatta di sassi o iniezioni che sia…
    chi può applicare il federalismo?…i cittadini, se lo vogliono…

  24. ho bozze sparse sul pc. L’attività blogger è sospesa temporaneamente fino a chiusura di un progetto che sta ultimandosi…
    Buon proseguimento di settimana! 🙂

  25. Ciao Mia Carissima Amica dall’anima!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Perchè? Perchè tanta barbarie!!!!!!!!!
    Perchè l’uomo fa queste cose… in nome di qui?
    Quando leggo cose del genere sempre mi domando…Perchè?
    E cresce l’indignazione… Sarà un giorno posssibile un mondo diverso dove siano per le donne soltanto fiori ed uguaglianza?
    Un preghiera per Sakineh Mohammadi Ashtiani.

    Sai cara Dif sei un tesoro… un tesoro di donna e per me è stato un onore conoscerti.

    Da quì ,dall’altra parte del mondo il mio cuore vola da te per abbracciarti.

  26. il mio cuore soffre per notizie come queste,solo una preghiera per lei e tutte le donne islamiche
    lavori finiti ma da una settimana febbre e tracheite,fortunamente qui non devo parlare perchè sono completamente senza voce.comunque ora sta migliorando e spero di tirarmi fuori presto
    un abbraccio
    Elena

  27. Conosco un giovane del marocco, sposato con una italiana. Sere fa abbiamo regalto alla figlia di 3 anni un completo per il trucco. Quelli da negozi di giocattoli. Lui ha detto alla bimba “usali adesso tanto da grande non potrai”. Mi sono fermato a riflettere, ed ho concluso che il loro mondo non lo cambierà mai nessuno da fuori.
    Belle cose sempre cara Dif!!.
    Un abbraccio grande.

  28. …io sono contro ogni pena di morte, figurati per questa che è veramente incivile, ma temo che si tratti di uno di quei casi costruiti ad arte per caricare la tensione in vista di nuove guerre….
    …sul post successivo, col mondo di escort e con qualche ministra che si dice abbia avuto relazioni col premier certe affermazioni scappino, non sono dona quindi probabilmente mi indigno meno, o forse il motivo è che ormai nulla mi indigna più…
    grazie per pezzo di Ruggeri erano anni che non lo sentivo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *