I CACTUS…REGIONALI

9.JPG
Con tutto quello che è avvenuto, si  è sentito e letto ormai le regionali sono diventati “cactus” del pd e del pdl
Ognuno per conquistarle dice, stradice e si contraddice
Ma chi riuscirà ad imbonire meglio gli elettori e ad aggiudicarsele?
A detta del leader pd il vento va nella sua direzione
secondo il leader del pdl tira dalla sua
Il vento di solito spira dove gli pare, a tutt’oggi non mi risulta che nessuno scienziato sia stato in grado di “imbottigliarlo” o qualche mago abbia catturato il suo spiritello
Per sapere chi si aggiudicherà il governatorato delle regioni in ballo basta contare i cactus:
 i grandi cactus se li prende il grande
i piccoli cactus li arraffa il piccolo
agli altri
andranno le spinette che perdono
Ma
chi è il grande?
e chi è il piccolo?
Questo è il rebus
da risolvere
I CACTUS…REGIONALIultima modifica: 2010-03-24T10:45:00+01:00da difda4
Reposta per primo quest’articolo

38 pensieri su “I CACTUS…REGIONALI

  1. credo che i cactus sono sempre degli altri no? fa una cosa aspetta e poi siediti sul carro del vincitore a depositare qualche cactus ahahaa comunque una cosa è ormai quasi certa bossi avrà la regione veneto sicura e blindata e darà battaglia in piemonte, in lombardia si sà già chi la spunterà, nel lazio luogo del pateracchio l’avrà vonta ancora lui, pure che vinca la polverini (scelta da fini) se vincerà vncerà coi voti del pdl cosa di cui fini dovrà pagar pegno, tipico modo di politica del cactus ahahahahaha

  2. non è difficile ,almeno io non credo che lo sia ,anche se desidererei un programmi piu’ elaborato per gli effetti ,altrimenti sembra sempre lo stesso e diventa ripetitiva la cosa 🙁

  3. C’è qualcosa di nuovo in quest’angolo… e non sono di certo i cactus! 🙂

    Evvai!! Con la primavera si inizia ad osare e a sperimentare..bello,bello, bello! 🙂

    Sole a te, dif!

  4. Buon pomeriggio cara Dif….ormai cactus nazionali, regionali, provinciali e comunali ne ho visti e presi tantissimi. Come quasi tutti gli italiani …E visto che siamo già in primavera, meglio una margherita tra le dita per passare poi a una bella rosa rossa, ma senza spine..
    Un abbraccio Dif, ma grande e profumato di primavera.

  5. …e che cactus!!!…
    riguardo al commento temo che più che altro viga una certa culturetta mafiosella…che ci vogliamo fare…io raccolgo le spinette dei cactus…

  6. Non ho mai creduto nella politica.
    Confido in un cambiamento futuro che ci offre l’opportunità di vedere dei giovani, con idee fresche sulle nuove tecnologie e l’energia rinnovabile, alla guida di questo governo.
    Saluti.

  7. Ciao cara amica!

    Veramente sei brava con l’ironia politica, quanto creative sono le tue parole.
    È un orgoglio leggerti cara mia.
    Ti invio un arcobaleno attraverso il mare con i migliori auguri per te.

  8. cciao amica mia scusa semprte l’assenza ma son stao un po lontano dal pc, bellissimo il post, una questione del cactus!!! mi chiedi quando postero qualcosaltro, ebbene non lo so… un po svuotato ultimamente ma giuro che rimediero!!!!!!!!!!!!!
    per il resto si va avanti, la primavera comincia rtimida a farsi avanti e noi aspettiamo con ansia che arrivi del tutto a scaldare terra alberi e cuori!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *