BENVENUTA ALBA

IN QUESTA NOTTE DÌ TRANSITO

VORREI AVERE LA BACCHETTA MAGICA

PER DONARE A TUTTI UN’ALBA DI SPERANZA 

UN TETTO SOPRA LA TESTA A CHI MANCA

L’ABBONDANZA A CHI SI E NO MANGIA

UN AMICA SINCERA A CHI E’ ABBATTUTA

UNA TENERA MAMMA A CHI MAI L’HA AVUTA

LA SALUTE A CHI E’ SFUGGITA

LA GIOIA DÌ VIVERE A CHI L’HA PERSA

UN SORRISO A CHI LACRIMA

IL LAVORO A CHI E’ SENZA

LA LIBERTA’ A CHI HA ONORE

L’AMORE A CHI HA UN CUORE

UNA PATRIA A CHI L’AGOGNA

UN FIGLIO A CHI LO SOGNA

LA DIGNITA’ A OGNI DONNA

LA GIUSTIZIA A CHI LA PRATICA

LA FORTUNA A CHI LA DONA

TRASFORMAREI LA GUERRA IN PACE

L’ODIO IN AMORE

SRADICHEREI DALLA MENTE LE IDEE BALZANE

PER TRAPIANTARVI FORESTE DÌ VIRTU’ UMANE

FAREI UN GIROTONDO CON PAROLE VERE

ESTIRPANDO DALLA TERRA QUELLE MENZOGNERE

UNIREI LE MANI BIANCHE ROSSE E NERE

ABBATTENDO LE INIQUE FRONTIERE DEL POTERE

SBRANEREI TUTTE LE LURIDE CAROGNE

TOGLIEREI YARA DALLE FOGNE

LA PORTEREI DALLA SUA AMATA MAMMA

RINGRAZIANDO QUELLA SANTA

RIPORREI LA BACCHETTA MAGICA

PER BRINDARE INSIEME A VOI

GRIDANDO A SQUARCIAGOLA

BENVENUTA ALBA D’UN MONDO MIGLIORE

cin cin.jpg 

HAPPY NEW YEAR 2011 A TUTTI

dif

 

NUMERO ANNUALE

091.jpg

Ogni anno nuovo trasmette una vibrazione numerica che qualifica l’andamento dei 365 giorni che lo compongono sia delle vicende globali umane sia della nostra vita individuale. Seppure lo stimolo agisca indipendentemente dalla volontà di ciascuno, come asseriva Pitagora i numeri “possiedono più realtà delle cose tangibili” quindi se noi conosciamo il numero annuale entriamo in sintonia con il significato che esprime e non solo miglioriamo l’andamento del nostro anno ma possiamo sfruttare la potenza del suo contenuto per dirigere i nostri obiettivi nella direzione specifica, ancor meglio se sapremo adeguarci ai suoi parametri

Al contrario, se ostacoliamo il flusso delle sue vibrazioni, ponendoci mentalmente in dissonanza, l’anno sarà pieno di intralci, potremo trasformarlo in un vero e proprio calvario nel quale siamo costretti a rimettere tutto in discussione: idee, progetti, famiglia, sentimenti, professione. Voglio dire che ogni anno emette dei segnali ben precisi, questi indicano i settori che il numero regola e il metodo con il quale dobbiamo agire per essere irradiati dai suoi effetti benevoli per cui se noi li captiamo e affrontiamo le vicende con il suo spirito, saremo maggiormente favoriti dalla sorte tanto in un determinato settore professionale, anche se non svolgiamo un’attività attinente al suo valore, quanto nella vita privata ed ogni nostro impegno quotidiano sarà agevolato se ci appropriamo della sua peculiarità.

Quest’anno siamo sotto l’influenza del numero tre. ( somma teosofica 2+0+1+0= 3 )

Il 3 è numero di luce, sacro e potente, positivo, magnetico, brillante, dinamico, ambizioso, spontaneo, proiettato nel futuro, creativo, comunicativo, promotore, libertario, artista, ottimista, divertente. Direi un po’ gigolò spregiudicato affascinato dalla vita e dai piaceri e un po’esteta, predicatore critico, interessato all’organizzazione socio- assistenziale. Vibra all’insegna del calore umano e della libera espressione, quindi è recettivo all’armonia collettiva, all’amicizia, all’adulazione, alla popolarità, al progresso, al guadagno, al vantaggio ottenuto sfruttando il proprio talento e il modo simpatico ed esuberante. Il suo motto è: prima lavora con alacre entusiasmo e poi rilassati svagandoti. Perciò rifiuta gli atteggiamenti passivi, moralmente disgregativi, l’isolamento, la meschinità, le atmosfere grevi, cariche di sfiducia e silenzio, la mancanza di movimento e di inventiva, tutto ciò che è statico, retrivo noioso e piatto.

A livello generale le caratteristiche sopra espresse enunciano che il 2010 delinea un anno ciclico di rigenerazione riformista brillante e concreta, è meno ambiguo e instabile dell’anno  precedente. La sua vibrazione, spinge al superamento della dualità in conflitti ideologici fra conterranei e popoli limitrofi, a comunicare in senso lato, a sviluppare iniziative politico-pubbliche volte al miglioramento sociale e al progresso collettivo, ad avanzare nelle trattative avviate mettendo da parte i pregiudizi d’ogni tipo. Favorisce la riunione di smembramenti universali, gli affari artistico – culturali, la mondanità, la propaganda e l’organizzazione di gruppi fondati precedentemente, i club, le congreghe, i movimenti globali di massa, la predicazione e la dilatazione dialettica, l’euforia assembleare, il commercio autonomo, l’aumento demografico giovanile e di conseguenza lo svecchiamento della popolazione. Naturalmente ogni medaglia ha il suo rovescio e in tutto esiste il pericolo dell’esagerazione per cui, da quanto detto, si può ben capire che taluni imput emessi dal numero tre possono attizzare fanatismi e distorsioni che favoriscono sì la malleabilità e l’affiatamento sociale ma con fini reconditi, bellicosi e personalistici che fomentano la rivendicazione sinergica della massa, caldeggiano gli strati sociali giovani a riappropriarsi di usurpamenti definiti indebiti o invasivi all’identità collettiva territoriale con pericolo di sovvertimento della stabilità globale.

A livello individuale il numero tre irradia energie positive per l’autospressione, specialmente artistico – comunicativa.  Facilita il progresso individuale attraverso variegati contatti umani, l’amicizia, la comitiva, la fraternità, il collettivo lavorativo, la coesione in imprese commerciali e professionali, la cooperazione assistenziale, ma soprattutto nel vedere il bicchiere sempre mezzo pieno, puntando sul sorriso, la conversazione, la partecipazione attiva, l’estroversione, la disponibilità di spirito e pensiero, bandendo dal proprio comportamento autoemarginazione, sfiducia in se e nella vita, egoismo asociale. Insomma il numero dell’anno, intermediario fra il piano visibile e quello astratto ci suggerisce: di essere “artisti, creativi e solari“ di affrontare la quotidianità con animo estroso e senza drammatizzare le seccature, di tollerare i fatti spiacevoli e le vicende sgradite con la grinta dell’autoironia, poiché sicuramente sarà il miglior modo per alleggerire le atmosfere e favorire le circostanze che portano alla soluzione dei nostri crucci.    

In coerenza con quanto detto se individualmente o globalmente accogliamo il messaggio metaforico contenuto nel numero 3 non solo armonizziamo con le energie che scandiscono il tempo e governano il suo flusso cosmico, fissiamo un contatto  diretto con la sua oggettività transitoria, vibriamo sulla stessa frequenza ritmica, assorbiamo con naturalezza gli influssi benefici che sprigiona.  Ogni azione singola o generale nel corso dell’anno ottimizzata dalla mediazione delle proprietà del numero ha più probabilità di successo e di riscontri vantaggiosi al progresso materiale proprio e collettivo.

In conclusione, le virtù del tre se fatte proprie come modus operandi favoriranno tutti aumentando la visibilità, la popolarità, l’avanzamento nei progetti e nella carriera, la creazione e la procreazione, l’arte di argomentare a proprio vantaggio, la simpatia e il fascino che attira il prossimo e la benevolenza del caso. Tuttavia coloro che già operano nel campo dell’informazione, gli scrittori specie di fantascienza, i ricercatori nel campo dell’oltre terrestre e di mondi alternativi, dell’arte, visiva, musicale, poetica, i giornalisti, coloro che svolgono attività di pubblica sussistenza, a contatto con la società specialmente multietnica e razziale avranno le maggiori chance di progresso specialmente se nati in marzo e in dicembre.

Allora che aspetto…la Befana per immedesimarmi nel tre? E’ bene che inizio a sorridere calorosamente al mio vicino e al collega indigesto…mi tuffo con allegria e spensieratezza nella mischia…. del simbolismo del 2010…captando il suo messaggio come assicurava Pitagora “ ciò che è armonia è numero” armonizzerò con tutti….se non altro nella società in cui transito… al momento  lascio a tutti   un tris sorriso di entusiasmo e una calzetta lunga quanto il creato di auguri …

 

befanac003m.jpg